Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

L'ipotesi primarie per il candidato 2016 spacca il Pd: Rosati si dimette da segretario

Paolo Giomi
  • a
  • a
  • a

Da quasi due mesi, nel silenzio generale, voluto o casuale, di tutte le aule politiche del centrosinistra, il Partito democratico di Fara Sabina è senza segretario comunale. Risale addirittura al 23 febbraio scorso la comunicazione con cui l'ex presidente del consiglio comunale sotto la giunta Mazzeo, un passato camaleontico che spazia dai Socialisti a Forza Italia, ha rimesso il suo mandato al segretario provinciale Antonio Ventura, lasciando senza direttorio una segreteria già alle prese con una serie di nuove (o forse vecchie) frizioni interne. Nessun commento ufficiale da parte di Rosati, che ha liquidato la vicenda con un secco “no comment”. Secondo i beninformati però la volontà di lasciare sarebbe maturata dopo il “muro” issato da una parte della segreteria democratica ad un percorso che avrebbe portato alla riunificazione dei circoli (da tre, quello di Borgo Quinzio-Corese Terra, quello di Talocci e quello di Passo Corese) e all'istituzione delle primarie per la scelta del candidato sindaco alle elezioni del 2016. Un punto, quest'ultimo, sul quale più di qualche pezzo grosso del partito farense, vedendo forse minate le proprie aspirazioni personali, ha mostrato non poca insofferenza. Così, dopo poco più di un anno di calma apparente, il Pd di Fara è di nuovo nel caos. Fuori ma anche dentro l'aula consiliare, dove qualche esponente democrat sarebbe addirittura intenzionato a lasciare. Peggio di così… TUTTI I PARTICOLARI NELL'EDIZIONE DEL CORRIERE DI RIETI IN EDICOLA MARTEDI' 21 APRILE