Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Sicurezza, chieste ancora più pattuglie delle forze dell'ordine a Passo Corese. Appello di Fratini (FdI)

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Sicurezza, chieste ancora più pattuglie delle forze dell'ordine a Passo Corese. Appello di Fratini (FdI) Si dicono “preoccupati per gli episodi di violenza avvenuti in questi ultimi giorni sul nostro territorio” i consiglieri comunali del gruppo di Fratelli d'Italia, Simone Fratini e Chiara Costantini, intervenuti pubblicamente sui recenti fatti di cronaca che hanno investito l'abitato di Passo Corese – l'accoltellamento al Vertigo Lounge Bar di settimana scorsa, e il conseguente maxi-intervento di pattugliamento della zona disposto nei fine settimana dalla Questura di Rieti -. “Questi episodi generano una crescente insicurezza tra i nostri concittadini – dicono i due esponenti della maggioranza farense - le ultime vicende, i cui contorni debbono ancora essere correttamente definiti, sono sintomatiche di una degenerazione del clima sociale nel nostro Comune, che non può lasciarci indifferenti e che impone reazioni rapide e determinate”. Per approfondire leggi anche: Controlli a Passo Corese: identificate 250 persone Da qui il riferimento ad un dato ormai (purtroppo) tristemente noto, da tempo: il sottodimensionamento degli organici delle forze dell'ordine nei rispettivi presidi territoriali, che i due esponenti di Fratelli d'Italia definiscono una “vera e propria carenza che ha lasciato il nostro territorio privo del necessario controllo, con le conseguenze che, purtroppo, abbiamo modo di constatare. Nonostante il tema della sicurezza non sia appannaggio esclusivo dell'amministrazione comunale – ammoniscono ancora Fratini e Costantini - questa deve essere impegnata a fare la sua parte sia per le competenze dirette in materia (Polizia Municipale e videosorveglianza) che per la collaborazione e la sinergia con le forze dell'ordine statali presenti sul territorio. Prevenire o, quantomeno intervenire prima che si verifichino danni irreparabili, significa pensare ad assicurare un sostegno a Carabinieri e Polizia con impegno diretto nei confronti del Corpo di Polizia locale, garantendo dotazione di uomini e mezzi al fine di una migliore vigilanza del territorio senza lasciarlo in mano alla piccola criminalità, e significa implementare il sistema di videosorveglianza in particolare nelle piazze, nei parcheggi, nei luoghi di aggregazioni importanti”. ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI RIETI DEL 15 GIUGNO E NELL'EDICOLA DIGITALE