Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Elezioni Accumoli, Il Consiglio di Stato ordina un nuovo conteggio delle schede

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Elezioni Accumoli, Il Consiglio di Stato ordina un nuovo conteggio delle schede. Il Consiglio di Stato con ordinanza del 28 maggio , ha totalmente ribaltato la sentenza del primo grado emessa dal Tar Lazio, in data 21 ottobre, incaricando la Prefettura di Rieti, di procedere alla verifica della correttezza delle operazioni elettorali svoltesi il 26 maggio del 2019 relative alle elezioni amministrative nel Comune di Accumoli. Le disposizioni del Consiglio di Stato di effettuare un nuovo conteggio delle schede elettorali, giungono a seguito di un'estenuante battaglia giudiziaria intrapresa dal legale sabino, Massimiliano Bonifazi, in difesa della lista “Obiettivo Comune”. La competizione elettorale si era svolta tra la lista “Insieme per Accumoli” collegata al candidato sindaco Franca D'Angeli e la lista “Obiettivo Comune”, rappresentata dal candidato sindaco Francesco Nigro ed all'esito dello scrutinio, era stata proclamata vincitrice, solo per un voto in più, la lista “Insieme per Accumoli”. Tale responso, aveva sollevato sin da subito le proteste della lista perdente, la quale acclamava a gran voce, l'annullamento delle operazioni elettorali a causa di presunte irregolarità commesse durante lo spoglio delle schede. Pertanto l'avvocato Massimiliano Bonifazi, al fine di far valere le legittime ragioni della Lista “Obiettivo Comune”, aveva proposto tempestivo ricorso innanzi al Tar Lazio, richiedendo in via principale, il riconteggio delle schede elettorali. Il Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio tuttavia, aveva emesso sentenza di rigetto, senza disporre la necessaria verificazione delle operazioni elettorali. Per approfondire leggi anche: Elezioni Accumoli, il Tar respinge il ricorso Avverso tale pronuncia, solo due dei candidati consiglieri della Lista “Obiettivo Comune”, Mario De Santis e Domenico Nobile, proponevano appello al Consiglio di Stato, e grazie alla caparbietà dimostrata dall'avvocato  Bonifazi, hanno ottenuto la tanto agognata rivincita. L'incarico di verificazione affidato dal Consiglio di Stato alla Prefettura di Rieti, prevede in particolare “l'acquisizione della lista elettorale od altro atto da cui emerga l'esatta corrispondenza tra numero dei votanti e numero dei voti espressi…. l'esame della scheda bianca la cui censura non è stata analizzata dal TAR”. “Sono fermamente convinto che la Giustizia trionferà  - afferma il legale Massimiliano Bonifazi- Le pretese dei miei assistiti sono meritevoli di accoglimento, anche alla luce delle dichiarazioni rese dai rappresentanti di lista e messe a verbale e rese nell''immediatezza nelle operazioni elettorali. Attendiamo fiduciosi l' esito delle operazioni di verificazioni a cura della Prefettura di Rieti, per poi procedere successivamente in pubblica udienza, alla discussione nel merito della questione”.