Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Magliano Sabina, accordo tra Comune e Italgas: il metano arriverà a Colle Cece

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Magliano Sabina, accordo tra Comune e Italgas: il metano arriverà a Colle Cece. Proprio in questi mesi Magliano festeggia il trentennale della metanizzazione di gran parte del territorio. Un brindisi che Italgas, attuale gestore della rete, ha deciso di celebrare accordandosi con il Comune per realizzare le infrastrutture per collegare l'area residenziale di Colle Cece. Un'operazione che era stata tentata più volte negli anni scorsi ma che, per un motivo o per un altro non era mai andato in porto. Il paradosso è che la centrale del metano che alimenta il paese sta proprio alla base della collinetta dove sorgono ville e villette che si affacciano sulla località degli Angeli. Leggi anche: Emergenza Covid, a Magliano niente tassa per l'occupazione del suolo pubblico Nel 1987, quando iniziò l'operazione, la società che costruì la rete individuò quel terreno per il deposito. L'area sovrastante rimase esclusa perché al tempo molte delle ville che ci sono ora erano in costruzione e l'amministrazione comunale, che era guidata da Vittorino Rufini, preferì servire aree popolate. L'Italgas che ha in concessione la rete nonostante il contratto scaduto dal 2012 (ci sono state delle proroghe in attesa di una gara provinciale), ha accettato di realizzare a proprie spese l'impianto. Si tratta di 750 metri di tubazioni. Il Comune non dovrà nulla alla società e il costo dell'opera verrà scontato solo se i contratti cesseranno. Ovviamente l'operazione sarà stoppata se nel frattempo ci sarà la gara provinciale. La metanizzazione di Magliano è iniziata alla fine degli anni '80 con l'arrivo in paese della società Metano Città che di occupò dei lavori. Camicia azzurra e uffici nella piazzetta di Palazzo Orsolini Cencelli, l'epoca degli operai e degli impiegati della società caratterizzò comunque quegli anni a Magliano con centinaia di famiglie che installarono o modificarono le loro caldaie e gli impianti casalinghi. La Metano Città aveva siglato un contratto di 39 anni che, dunque, sarebbe dovuto arrivare fino ai giorni nostri. Ma agli inizi degli anni Duemila le normative sono cambiate e l'Italia, per uniformarsi alle direttive Ue, ha accorciato la durata. Nel 2005 il contratto è stato rinnovato all'Italgas e sarebbe dovuto durare fino al 2012, ma è stato prorogato fino ad oggi. Secondo le nuove leggi per le nuove concessioni ci dovrebbero essere delle gare per ambiti provinciali e Magliano rientra in quello di Rieti.