Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, a Monterotondo riaperti i parchi pubblici. Ma c'è il numero chiuso

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Coronavirus, a Monterotondo riaperti i parchi pubblici. Ma c'è il numero chiuso. Come in molti si aspettavano, toccherà ai sindaci delle città regolare la fase 2 seguendo le linee guida fornite dal Governo. A Monterotondo il sindaco Riccardo Varone ha emesso un'ordinanza con la quale si regolano le varie attività che ora si possono svolgere. In primo piano soprattutto l'utilizzo di parchi e giardini che saranno riaperti, ad eccezione delle aree. Per ogni parco è stato stabilito il numero massimo di persone che potranno essere presenti contemporaneamente. Il Giardino del Cigno avrà capienza massima di 40 persone ogni ora; il Parco Arcobaleno (ex Onmi) 80 persone ogni ora. Non ci sono limiti, anche perché non delimitati da recinzioni, per l'Area verde Green Village, Parco Don Puglisi e Giardino Piazza Gandhi. I cittadini avranno l'obbligo di indossare la mascherina all'ingresso dei parchi e delle aree verdi. Per approfondire leggi anche: Coronavirus, terzo giorno di fila senza contagiati a Rieti Toccherà a  Polizia Locale, tramite l'ausilio dei volontari della Guardia Faunistica Ambientale, disciplinare l'accesso dei visitatori. Infine, all'interno dei Parchi oggetto dell'ordinanza sarà consentito l'accesso ai bambini insieme ad un solo adulto accompagnatore. Le attività commerciali consentite, ad eccezione delle farmacie e parafarmacie, apriranno dalle ore 8.00 ‪alle ore 20.30 tutti i giorni della settimana.  Infine nuove regole per i cimiteri. Dal ‪6 maggio l'apertura al pubblico dei cimiteri comunali di via Mazzini e via Einaudi saranno aperti dal martedì alla domenica, dalle  ‪9 ‪alle ore 13. Sarà consentito l'accesso giornaliero, per ogni cimitero comunale, ad un numero massimo di 360 visitatori, secondo una distribuzione di 90 visitatori per ogni ora, e di 30 visitatori ogni venti minuti. Il tempo di permanenza massimo all'interno dei cimiteri consentito ad ogni visitatore, munito di mascherina obbligatoria, sarà limitato a venti minuti.