Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, il Comune in cerca di soluzioni per stabilizzare 13 precari

default_image

Luigi Spaghetti
  • a
  • a
  • a

Il Comune di Rieti vuole stabilizzare i lavoratori socialmente utili impiegati a Palazzo di Città. “Abbiamo chiesto alla Regione Lazio e al ministero dell'Interno (al quale sono affidate competenze di verifica sui Comuni in stato di dissesto e pre-dissesto) che ci venga data la possibilità di stabilizzarne almeno una parte, ma prima di prendere qualunque decisione dobbiamo sapere con certezza se ci verranno fornite le risorse necessarie; ma ripeto la nostra volontà è quella di stabilizzarli tutti”. Così l'assessore al Personale, Oreste De Santis, a proposito dei 13 lsu del Comune, al momento impiegati con varie funzioni, anche da molti anni. Per raggiungere, però, l'agognato obiettivo, c'è bisogno, secondo l'assessore, di fondi provenienti dalla Regione, poiché, sostiene, “l'ente non ha risorse neanche per stabilizzarne uno”. Un clima di incertezza continua dunque a pesare sul futuro di questi lavoratori, e anche sull'amministrazione. “Noi non sappiamo cosa deciderà di fare la Regione, non c'è una norma certa che ci dica quanti ne sarà possibile stabilizzare, e in mancanza di queste certezze non possiamo prendere nessuna decisione”. La carenza di personale che affligge il Comune di Rieti è più che nota, e anche alla luce di questo la presenza degli lsu diventa ancora più importante. IL SERVIZIO COMPLETO SUL CORRIERE DI RIETI IN EDICOLA MERCOLEDI' 11 MARZO