Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Coronavirus, i sindaci della Sabina mettono a disposizione la casa della salute di Magliano

Luca Feliziani
  • a
  • a
  • a

Mentre la Asl di Rieti per contenere il contagio da Coronavirus riduce l'attività degli ambulatori del De Lellis, il sindaco di Magliano Sabina, Giulio Falcetta, ha inviato una lettera indirizzata al presidente della Regione Lazio, all'assessore regionale alla sanità e al direttore generale dell'Asl con cui i sindaci del territorio "con doveroso senso civico e spirito di solidarietà verso i cittadini della regione e della Bassa Sabina, vista l'emergenza sanitaria e la pressione a cui potrebbe essere sottoposto il sistema sanitario regionale", chiedono di considerare l'opportunità di delocalizzare, temporaneamente, presso la casa della salute di Magliano Sabina parte delle attività di degenza del nosocomio reatino. "Tale struttura - scrivono -, fino a pochi anni fa presidio ospedaliero, risulterebbe idonea ad accogliere degenze. La delicalizzazione temporanea potrebbe essere finalizzata a decongestionare l'ospedale de' Lellis. A firmare, oltre a quello di Magliano, i sindaci di: Collevecchio, Montebuono, Montopoli, Selci, Tarano, Forano, Casperia, Poggio Mirteto, Cantalupo, Poggio Catino, Castelnuovo di Farfa, Configni, Montasola, Vacone, Torri in Sabina, Salisano, Mompeo, Roccantica e Stimigliano. "Mettiamo a disposizione la struttura - dice Falcetta - che potrebbe essere utilizzata per spostare qui pazienti con altre patologie e liberare posti utili all'ospedale di Rieti. Non vogliamo speculare, ma soltanto essere utili in un momento difficile come quello che stiamo vivendo. Questo non è il tempo delle polemiche".