Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Monterotondo scalo, Baracche e rifiuti abbandonati: degrado a pochi passi dal centro

Luigi Spaghetti
  • a
  • a
  • a

Non è la prima volta che questa strada di campagna che corre parallela a Via delle Fornaci e incrocia Via della Reviola viene bersagliata dai delinquenti delle discariche abusive. In questa occasione, però, la situazione immortalata sembra essere fuori controllo. In questo punto di Monterotondo che, anno dopo anno, è diventato un “punto di riferimento” per chi non vuole conferire in maniera lecita rifiuti di ogni genere, l'illegalità sembra diventata la regola. Qualcuno, ultimamente, deve aver svuotato un intero appartamento. A terra ci sono mobili, materassi, frigoriferi. Decine e decine di buste con dentro bottiglie di vetro e plastica. In bella vista anche due siringhe, gettate in mezzo ad altri rifiuti di ogni genere. Ciclicamente l'APM, l'azienda pluriservizi Monterotondo, ripulisce la strada. Peccato, però, che dopo la pulizia non si mettano in campo misure per fare in modo che le discariche non si riformino. Perché si continua a scegliere questa strada per gettare i rifiuti? I motivi sono sostanzialmente tre. Il primo riguarda l'assenza di fototrappole o telecamere; inoltre la strada è ben nascosta grazie ad alti canneti. Infine, tutta la strada sembra essere stata abbandonata. Come insegna la “teoria dei vetri rotti”, dove c'è degrado, il degrado continuerà a proliferare. Lungo la strada, infatti, sorgono diverse baracche (alcune delle quali sembrano addirittura abitate). Come si vede dalle foto, queste baracche si trovano ad un'altezza superiore rispetto alla strada e si tengono in piedi per miracolo. Il solaio di una, in particolare, rimane in piedi grazie ad un fragile palo di cemento. Un pericolo vero e proprio non solo per un eventuale inquilino. Quelle strutture potrebbero cadere addosso ad una macchina o ad un passante in qualsiasi momento causando una sicura tragedia. Non è la prima volta che su queste colonne si denuncia lo stato di quella zona ma, ad oggi, non sono stati presi provvedimenti.  Matteo Torrioli