Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Cattedrale di Rieti gremita di gente per l'addio al dottor Felice Patacchiola

Luigi Spaghetti
  • a
  • a
  • a

Erano in tanti nella cattedrale di Santa Maria a Rieti a dare l'ultimo saluto a Felice Patacchiola, il primario di ostetricia e ginecologia dell'ospedale De Lellis scomparso al termine di una malattia. Amici, parenti, colleghi si sono stretti attorno alla moglie, alle figlie e ai genitori. “Il Dio della vita gli ha dato una vocazione, quella di medico, una professione che ha svolto con passione, dedizione e amore” queste le parole di don Franco che ha celebrato il funerale. Patacchiola era una persona per bene, altruista, innamorato della sua famiglia, impegnato nel volontariato e sempre con un sorriso o una buona parola da regalare a tutti. Colleghli ma anche vecchi compagni di scuola. Particolarmente toccanti le parole dell'ex direttore generale dell'Asl di Rieti Bellini che ha sottolineato “la sua gioia di vivere, nel nostro quotidiano dobbiamo professare l'amicizia, essere generosi con chi ha bisogno e amare questa vita affinché il suo ricordo sia vivo in tutti noi. Ciao amico mio. Anche gli altrio colleghi di lavoro hanno voluto ricordare “La contagiosa spensieratezza che rallegravano le giornate”. Quindi le parole della moglie Monica: “Voglio ringraziare tutti coloro che ci sono accanto in questo momento di dolore. Nel percorso della vita non conta la meta ma il viaggio. Grazie per tutti i tuoi insegnamenti e per aver tenuto salda la nostra famiglia, in questo momento sicuramente avresti fatto una battuta per sdrammatizzare un momento così triste”. Al termine sono stati raccolti fondi per la mensa di Santa Chiara, associazione dove Felice e la sua famiglia svolgevano attività di volontariato. Alle esequie era presente anche una delegazione del Comune di Accumoli, paese nel quale ha vissuto parte della sua infanzia.