Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gianni Alemanno a Rieti per presentare il libro "Sovranismo - Le ragioni del progetto"

Luigi Spaghetti
  • a
  • a
  • a

Area Rieti esprime la propria soddisfazione per il successo della presentazione del libro “Sovranismo, le Radici ed il progetto”. Una grande partecipazione di pubblico, ed un dibattito estremamente interessante ed approfondito ha affrontato il tema su cosa sia il sovranismo, al di là degli slogan. Gianni Alemanno, curatore del libro, Simone Di Stefano, vicepresidente di Casapound e Antonio Cicchetti, sindaco di Rieti si sono confrontati coordinati da Giovanni Rositani,sul futuro di un progetto politico che si pone come alternativa concreta al modello liberale. Se da una parte l'ampio consenso elettorale dei partiti che fanno riferimento a questa area di pensiero fa comprendere come il fallimento del globalismo sia un sentimento diffuso in Italia, ed in gran parte del mondo occidentale, non altrettanto ben definito è il “cosa fare” per dare concretezza a questa alternativa.  La necessita di riportare l'interesse del popolo al centro dell'agire di chi governa, il superamento del mercatismo come unico faro di riferimento delle politiche economiche, il rilancio del mercato interno in contrapposizione al modello globale fondato unicamente sull'esportazioni, il rapporto tra sovranismo ed Europa sono stati i temi centrali dell'incontro, che ha visto intervenire nel corso della serata l'assessore Antoio Emili e Antonio Perelli, a dimostrazione di un grande interesse di un ampio mondo culturale che si riconosce nel fronte antagonista alla sinistra globalista. La necessità di evitare inutili conflitti e particolarismo, il concentrare le energie di questo ambiente nella formazione di una classe dirigente politica,culturale ed economica all'altezza della sfida è stata la conclusione che ha visto tutti i relatori convenire alla fine dell'incontro. “L'alto livello del dibattito - ha dichiarato Chicco Costini - la complessità delle tematiche affrontate, la consapevolezza dell'importanza di una sfida epocale che vede la fine dell'illusione del pensiero unico liberista, sono la dimostrazione che la presunzione di una superiorità culturale della sinistra rimane una falsità. Oggi è la destra italiana che cerca di costruire un'alternativa al modello liberale, che sta devastando il mondo,e lo fa sapendo coniugare le proprie radici storiche con la modernità. Il sovranismo in Italia vincerà, ma dovrà dimostrare di saper mantenere le grandi aspettative del popolo”.