Rieti, biogas a Vazia. Acquaroli: "Sarà un impianto piccolo, non invasivo ed efficiente”

Ambiente e territorio

Rieti, biogas a Vazia. Acquaroli: "Sarà un impianto piccolo, non invasivo ed efficiente”

16.01.2020 - 14:48

0

Biogas a Vazia. Timori, dubbi e perplessità dei residenti sul progetto di un impianto che dovrebbe sorgere nella frazione reatina. A questi dubbi prova a dare delle risposte Luca Acquaroli, amministratore delegato di Enersi Energy.
Acquaroli perché l’impianto dovrebbe nascera a Vazia? Esiste una coerenza del progetto con il fabbisogno reale della comunità di trattamento della frazione organica del rifiuto solido urbano?
“Si è scelto Vazia perché questa tipologia di impianti vedono in generale la localizzazione in zone industriali come miglior pratica di localizzazione e nello specifico avendo nella fase di individuazione delle matrici organiche da trattare nell’impianto individuato la zona industriale di Rieti come l’unica adatta per dimensioni e localizzazione, oltre al fatto che l’impianto è stato progettato per trattare Forsu (frazione organica dei rifiuti solidi Urbani) separati all’origine, nelle quantità equivalenti a quelle prodotte nell’intera provincia di Rieti. L’impianto in previsione potrà trattare gratuitamente anche sottoprodotti agricoli e zootecnici delle attività del territorio provinciale, sollevandole dal pesante gravame organizzativo ed economico liberando risorse ad esse utili. Trattasi di vera economia circolare per la quale gli scarti agricoli ed organici vengono trattati nelle comunità dove si generano”.
Si potrebbe pensare a strutture meno invasive con un progetto alternativo?
“La soluzione impiantistica proposta è la più avanzata tecnologicamente la meno invasiva e la più efficiente, rientrando come miglior soluzione disponibile per il trattamento dei rifiuti organici indicati. L’impianto non ha nessuna combustione nei suoi processi, trattandosi di digestione anaerobica in strutture stagne. L’impianto prodotto è anche quello di dimensioni minori possibili mantenendo una efficienza di processo accettabile”.
C’è timore da parte della popolazione per un potenziale rischio inquinamento del suolo e delle acque sotterranee e un rischio di inquinamento olfattivo per l’emissione di cattivi odori. I timori giustificati e in quale misura?
“Timori infondati perché l’impianto prevede delle zone non permeabili di lavorazione e sistemi di raccolta, convogliamento e trattamento acque tanto piovane che di processo, con parziale ricircolo nell’impianto”.
L’impianto produrrà un aumento del traffico veicolare. E’ possibile oggi quantificarne l’impatto e la misura?
“Ricordando che ci troveremo ad operare in una zona industriale. Transiteranno 6/7 camion al giorno tenendo in conto che al massimo si tratteranno poco meno di 100 Ton/giorno di rifiuti e circa 30 Ton/g di sottoprodotti, e che un camion o comparatore ha una capacità di c.a 23/25 tonnellate (130 diviso 25= camion circolanti, il resto sono numeri a caso). Il bilancio di CO2 è ampiamente positivo in quanto si recupereranno oltre 6.000 tonnellate annue di CO2 da utilizzare in varie applicazioni”.
La distanza dell’impianto dal nucleo abitativo e da siti sensibili è un altro fattore di timori da parte dei residenti.
“l progetto attuale rispetta le linee guida di geolocalizzazione di questa tipologia indicando nelle zone industriali i siti preferenti ed allo stesso modo rispetta le distanze da centri abitati e luoghi di attenzione e sensibili. Specifichiamo come da progetto che non vi saranno cattivi odori in zona in quanto non ci saranno stoccaggi di materiale organico e gli scarichi e processi di lavorazione saranno confinati all’interno dell’impianto in depressione atmosferica con biofiltri in funzione continua. Inoltre, in previsione di indicazioni in tal senso da Arpa, saranno presenti dei sistemi di monitoraggio continui all’interno dell’impianto, per garantire quanto previsto in fase progettuale”
Una volta a regime che vantaggi porterà l'impianto per i reatini?
“Ormai sembra chiara la tendenza culturale globale volta alla preservazione dell’ambiente e alla lotta contro il riscaldamento globale, l’effetto serra e la contaminazione e questo impianto è a pieno titolo una delle misure più adatte in tal senso che prevede un approccio di economia circolare alla soluzione del problema degli scarti organici tanto urbani che agricoli. Oltre la doverosa è obbligata gestione etica del futuro permetterà grazie alla alta efficienza tecnologica di ridurre il costo di trattamento fino al 50% in capo ai Comuni favorendo il miglioramento del servizio e la riduzione della tassa in capo ai cittadini. I fertilizzanti organici prodotti, molto più avanzati di qualsiasi compost, ridurranno l’inquinamento nella stessa piana reatina sostituendo pienamente la maggior parte dei trattamenti chimici attualmente usati e inquinanti, questi si, la falda”.

Luca Feliziani

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Fontana visita il nuovo ospedale degli alpini a Bergamo

Fontana visita il nuovo ospedale degli alpini a Bergamo

(Agenzia Vista) Bergamo, 01 aprile 2020 Fontana visita il nuovo ospedale degli alpini a Bergamo Le immagini del presidente lombardo Fontana in visita al nuovo ospedale degli alpini a Bergamo Fonte Lnews Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Gerry Scotti promuove la nuova App della regione Lombardia con il vicepresidente Sala

Gerry Scotti promuove la nuova App della regione Lombardia con il vicepresidente Sala

(Agenzia Vista) Milano, 01 aprile 2020 Gerry Scotti promuove la nuova App della regione Lombardia con il vicepresidente Sala Il consueto punto stampa della Regione Lombardia sull'emergenza Coronavirus. Gerry Scotti promuove la nuova App della regione Lombardia per mappare i positivi al telefono con il vicepresidente Sala Fonte Lnews Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Gallera: "Dati positivi, rimanere a casa per non vanificare sforzi"

Gallera: "Dati positivi, rimanere a casa per non vanificare sforzi"

(Agenzia Vista) Milano, 01 aprile 2020 Gallera: "Dati positivi, rimanere a casa per non vanificare sforzi" Il consueto punto stampa della Regione Lombardia sull'emergenza Coronavirus. Gallera: "Dati positivi, rimanere a casa per non vanificare sforzi" Fonte Lnews Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Morto per Covid alla residenza Battindarno a Bologn, parla la mamma di un ospite disabile

Morto per Covid alla residenza Battindarno a Bologn, parla la mamma di un ospite disabile

(Agenzia Vista) Bologna, 01 aprile 2020 Morto per covid un ragazzo disabile della residenza Battindarno a Bologna Una vittima e 8 positivi al Coronavirus nella residenza Battindarno di Bologna, che assiste 20 disabili adulti. Preoccupazione anche dei sindacati di base, che denunciano una situazione ancora più critica alla residenza Parco del Navile, con almeno 8 decessi: 'Si rischia una strage ...

 
Claudio Brachino con un video spiega la separazione da Mediaset: "Dopo 32 anni non c'era più gas"

Claudio Brachino, 60 anni

TELEVISIONE

Video Claudio Brachino spiega l'addio a Mediaset: "Non c'era più gas"

"Emotivamente per me è un giorno che ricorderò a lungo questo 31 marzo 2020 perché  è stato il mio ultimo giorno di lavoro in Mediaset” inizia così il video su facebook di ...

02.04.2020

Lucio Presta attacca duramente Barbara d'Urso: "Produce orrore televisivo"

Lucio Presta, 60 anni

LA POLEMICA

Lucio Presta attacca duramente Barbara d'Urso: "Produce orrore televisivo"

Tutti contro Barbara d'Urso. Tra preghiera in diretta con Salvini (clicca qui), il consiglio della varechina per pulire le zampe dei cani (clicca qui) e la petizione online ...

02.04.2020

Grande Fratello Vip 4, Paolo Ciavarro è il quarto finalista: il verdetto nella notte

Reality

Grande Fratello Vip 4, Paolo Ciavarro è il quarto finalista: il verdetto nella notte

Il verdetto arriva a notte fonda. E' l'ultimo di una puntata ricca di colpi di scena. Il televoto flash ha portato alla terza eliminazione della serata della semifinale del ...

02.04.2020