Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Dalla Sabina a Casablanca in bicicletta, missione compiuta per Claudio Gentili

Luigi Spaghetti
  • a
  • a
  • a

Una bellissima avventura quella che ha portato Claudio Gentili in bicicletta fino a Casablanca, in Marocco, meta raggiunta intorno alle 17 del 29 dicembre. Questo coraggioso cicloviaggiatore è partito il 9 novembre dal Campo Base Alfa di Torrita Tiberina e non si è mai arresto né davanti alla pioggia incessante, né davanti ai problemi tecnici che lo hanno costretto a dover riparare il suo mezzo di trasporto. Durante questo lungo viaggio su due ruote di circa 4000 km, Gentili ha vissuto tante esperienze e mille avventure, stretto amicizie e conosciuto posti nuovi. "Dopo tanti problemi meteorologici e vari problemi di percorso, sono riuscito a raggiungere questa meta da me ambita da tanto tempo" dice Claudio Gentili, che ringrazia tutti gli sponsor, l'Aics (Associazione Italiana Cultura Sport) di Rieti e il Campo Base Alfa, che hanno creduto nelle sue capacità fisiche, psicologiche e di adattamento. "Purtroppo possiamo soltanto provare a immaginare quali siano state le sue emozioni, i suoi momenti di sconforto, le perplessità che lo hanno accompagnato in questi due lunghi mesi. - fanno sapere dal Campo Base Alfa - Lui, la sua bici e la strada. Ha portato con sé soltanto lo stretto necessario, lasciando a casa tutto il futile quotidiano. Di sicuro ora il suo bagaglio di vita sarà molto più ricco ed essenziale. Ti ringraziamo per averci dato la possibilità di vivere insieme a te questo splendido viaggio. Ora ti aspettiamo per festeggiare tutti insieme questa tua avventura". Intanto il viaggio di Claudio Gentili non si è ancora concluso: l'idea è di visitare anche Settat, che si trova circa 80 km a sud di Casablanca, dove è stato invitato da un amico marocchino per trascorrere insieme l'ultimo dell'anno. Gentili prenderà la nave a Tangeri Med il 4 gennaio per raggiungere Genova il 6 gennaio; poi arriverà in treno a Fara in Sabina e rientrerà al Campo Base Alfa. Elisa Sartarelli