Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Al teatro comunale va in scena lo spettacolo "Brillante"

Luigi Spaghetti
  • a
  • a
  • a

Al Teatro comunale di Forano alle ore 18 andrà in scena lo spettacolo "Brillante" una commedia di Marco Maltauro con la regia di Paolo Orlandelli. Con Stefania Barca nel ruolo di Gia, Antonietta D'Angelo (Sofia), Francesca La Scala (Mara) e Marina Vitolo (Pina) e il contributo audio di Giorgio Colangeli. Opere del pittore Lamberto Trombetta. Gioia è una donna di mezza età che esce dalla clinica dove ha cercato di disintossicarsi dall'alcol. Il programma di disintossicazione prevede di iniziare una vita “sincera”, per questo Gioia vuole restituire alla sorella un brillante che le ha sottratto molti anni prima. Ma tutto sembra mettersi contro il suo nobile intento, prima di tutto, sé stessa. NOTA DELL'AUTORE - Brillante è una commedia scritta per quattro attrici davvero brave. I personaggi sono innanzi tutto molto soli. Quella che appare come la protagonista (ma non saprei dire chi è la vera protagonista) combatte contro la propria mancanza di sincerità. È strano perché sembra il personaggio più istintivo e estroverso. Eppure mente. Mi ha colpito una frase, quasi ovvia ma pronunciata da Jung ha una certa rilevanza: Se non siete sinceri, per il vostro inconscio siete una nullità. Ecco, Giada non ne può più di sentirsi una nullità, perciò si dà all'alcol oppure cerca, ma disperatamente, di essere sincera. Anche Pina è bugiarda, crede cioè che occorra essere bugiardi per sopravvivere. Sarà tragicamente sconfitta, nella migliore tradizione della commedia (il beffatore a sua volta beffato). Gli altri due personaggi combattono una lotta diversa: trovare un senso. Anche qui, già che ci siamo, citiamo Jung: Puoi non occuparti del tuo destino, ma se ne occupa il tuo inconscio. Perciò Mara è una donna inquieta, insoddisfatta, aggressiva e fragile. Ha la speranza segreta di trovare una famiglia, quindi un senso, nell'incontro con la sorella, ma sarà delusa. Resterà Mara-Amara. Il quarto personaggio è Sofia: lei forse ha trovato l'unica risposta possibile, quella dell'amore. L'ha trovata, come capita, dopo tanta autentica sofferenza. Ma la vera prova dell'amore è questa: riuscire ad amare persone difficili. Sarà in grado di superare questa prova? Il finale (per fortuna, vorrei dire) non dà risposte, ma propone almeno una tregua. Tra persone tutto sommato sole e, tre su quattro, sconfitte. Questa pièce deve essere recitata coi ritmi brillanti della commedia, e può far ridere. Ma è necessario che le attrici recitino con profonda immedesimazione psicologica (mi rendo conto che quest'ultima raccomandazione poteva scriverla Cechov, ma tant'è). Insomma, che si prendano sul serio, ma con ritmo.  Info e prenotazioni: 380.4617448