Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Autovelox riaccesi sulla Salaria, la Provincia: "Parte dei proventi per mettere in sicurezza le strade"

Luigi Spaghetti
  • a
  • a
  • a

Infuria la polemica, non solo politica ma soprattutto social, per la decisione della Provincia di Rieti di riattivare gli autovelox sulla Salaria: "L' Amministrazione Provinciale di Rieti persegue la sicurezza dei cittadini e si preoccupa di reimplementare un corpo, quello della Polizia Provinciale, devastato da una riforma che ha, di fatto, lasciato le Provincie sole ed abbandonate con l'obbligo perdippiu'di continuare ad assolvere tutte le funzioni originarie, senza uomini né mezzi. Il nostro obiettivo è quindi quello di mettere in sicurezza tutte le strade provinciali con i proventi contravvenzionali che incasseremo dalla riattivazione degli autovelox". Così il Presidente e Vice Presidente della Provincia di Rieti Mariano Calisse e Andrea Sebastiani in risposta alle accuse rivolte alla Provincia di voler far cassa con i soldi delle multe. "Il nostro obiettivo è quello di utilizzare il 50% dei soldi delle multe, come previsto dal Codice della Strada, per aumentare la sicurezza degli automobilisti e di tutti gli utenti che quotidianamente percorrono le nostre strade. Le uniche risorse disponibili che possiamo attingere da un bilancio che definire magro è un eufemismo, e dal quale siamo comunque riusciti a reperire risorse anche per nuove assunzioni. Relativamente agli autovelox posti lungo la Via Salaria, all'altezza del Comune di Posta, sarà nostra cura esaminare attentamente con il nuovo Comandante la necessità di un loro eventuale spostamento, una volta sentiti anche i Sindaci, in ragione delle esigenze legate alla viabilità dei Comuni limitrofi colpiti dal sisma" concludono il presidente della Provincia Mariano Calisse e il suo vice Andrea Sebastiani.