michele cucuzza bianco e nero

Il duro rientro del prof

06.10.2017 - 13:05

0

“Per la mia casa in Indiana ho avuto il permesso di costruzione in 24 ore, qui ci sono voluti 4 mesi , relazioni geologiche, ambientali , carte a non finire”.
Michele Chiuini è da poco rientrato nella sua Perugia da docente universitario pensionato, dopo 28 anni trascorsi negli Stati Uniti.
Un’ottima occasione per un confronto tra i due paesi, su come sono cambiate le cose qua e là nel quotidiano, fuori dai luoghi comuni. 68 anni, ingegnere e architetto, moglie giapponese, un figlio in un ristorante macrobiotico a Città di Castello, l'altro anche lui ingegnere a Washington, il prof. Chiuini si racconta volentieri.
Gli States, avanzati tecnologicamente, erano il suo sogno giovanile. Ci è arrivato però solo 40enne, dopo anni passati in Gran Bretagna, dove ha insegnato architettura: l'università di Ball State, in Indiana, gli aveva offerto un posto di docente di composizione architettonica per un anno.
C'è rimasto fino al luglio di quest’anno, quando è andato in pensione.
“Un'esperienza molto positiva” racconta “ambiente di lavoro ottimo, molto spazio per le attività di ricerca oltre che per l'insegnamento, studenti di alto livello, paga buona, opportunità di viaggiare”.
La vita negli Stati Uniti? “Comoda, le cose funzionano, non ci sono i problemi burocratici che affliggono l'Italia, le transazioni sono molto più facili, le attività commerciali sono organizzate per soddisfare il cliente: se un prodotto preso al supermercato lo riporti indietro, ti restituiscono immediatamente i soldi spesi”.
L'Indiana è uno degli storici stati industriali d'America, quelli dai Grandi Laghi fino al Midwest, sedi dell'ormai famosa 'rust belt', le acciaierie e le fabbriche d'auto in buona parte in crisi, dove più consistente è stata la 'sorpresa Trump': “io ho votato Clinton” precisa Chiuini, che ha il doppio passaporto. “E' stata una svolta notevole, dovuta ai ceti emarginati e impoveriti da globalizzazione e delocalizzazione, tagliati fuori malgrado le aspettative suscitate da Obama”. Il rientro in Italia? “Soprattutto per ritrovare mia madre, le mie sorelle, i vecchi amici, di nuovo a casa mia. Ritorno felice, come immaginavo. Più difficili da sopportare pratiche e documenti che ti sono imposti per ogni cosa: tra balzelli e burocrazie tutto è costoso e lento. La carta d'identità non la dà più il Comune ma il ministero dell'interno, per avere la residenza ci sono voluti 60 giorni. Per aprire un conto in banca o operare on line, i passaggi di sicurezza richiedono tempi più lunghi che in America. Ci dovremo abituare”.
Com'è cambiato il nostro paese in quasi un trentennio?
“Per l'americano medio è sempre il Bel Paese dov'è invidiabile vivere. In realtà, oggi salta agli occhi la presenza diffusa degli immigrati, in Italia come in tutta Europa, anche se a Perugia, dove c'è maggiore assistenza, si nota meno. La giustizia è rimasta lenta, la pubblica amministrazione farraginosa, le tasse scoraggiano le piccole e medie imprese, e pure i dipendenti. La modernizzazione si avverte di più nelle reti di trasporto, ferrovie in testa. Con il mezzo pubblico, autobus compresi, bene o male in Italia si arriva dappertutto: negli States c'è sempre bisogno della macchina. Altre differenze: i servizi pubblici, almeno in teoria, accessibili a tutti, dalla sanità (negli Usa oggetto di grandi controversie) all'università: malgrado questo colpiscono i tanti giovani che vanno via in cerca di lavoro”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Coronavirus, Central Park accoglie l'ospedale da campo di New York

Coronavirus, Central Park accoglie l'ospedale da campo di New York

(Agenzia Vista) New York, 30 marzo 2020 Coronavirus, Central Park accoglie l'ospedale da campo di New York Per fronteggiare l'emergenza Coronavirus, l'associazione Samaritan's Purse ha allestito un ospedale da campa a Central Park a New York. / fonte twitter Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Ascolti tv, Bella da morire su Rai1 stravince la gara nella serata di domenica 29 marzo 2020

Televisione

Ascolti tv, Bella da morire su Rai1 stravince la gara nella serata di domenica 29 marzo 2020

Trionfo negli ascolti in tv, ieri sera domenica 29 marzo 2020, per la terza puntata della fiction Rai con Cristiana Capotondi "Bella da morire". Bene anche "Live – Non è la ...

30.03.2020

Stasera in tv, torna il Commissario Montalbano oggi lunedì 30 marzo 2020 su Rai1: le anticipazioni

Televisione

Stasera in tv, torna il Commissario Montalbano oggi lunedì 30 marzo 2020 su Rai1: le anticipazioni

Stasera in tv col Commissario Montalbano. Lunedì 30 marzo su Rai1 in prima serata torna Salvo Montalbano, il personaggio interpretato da Luca Zingaretti, nato dalla penna di ...

30.03.2020

Non è la d'Urso, Valeria Marini e la verità sul tampone fatto prima di entrare nella Casa del Gf Vip 4

Televisione

Non è la d'Urso, Valeria Marini e la verità sul tampone fatto prima di entrare nella Casa del Gf Vip 4

Valeria Marini è stata ospite, domenica 29 marzo 2020, del programma di Canale 5, a Live non è la D'Urso. Valeria nell'occasione ha anche chiarito un episodio avvenuto nella ...

30.03.2020