michele cucuzza bianco e nero

Gomorra non celebra la realtà malavitosa

13.05.2016 - 10:20

0

Non credo che stavolta “Gomorra” (la seconda serie è cominciata su Sky con il pieno di ascolti) celebri la realtà malavitosa come è stato detto, rischiando di far esaltare i ragazzi dei quartieri di Napoli, le batterie sempre più fuori controllo che sparano senza sosta nella paranza, una guerra di tutti contro tutti, come a Marano dove mercoledì sono stati uccisi padre e figlio in pieno giorno, con l'uomo che ha tentato inutilmente di fare da scudo al giovane. Nella prima puntata della fiction diretta da Stefano Sollima e ispirata al celebre romanzo di Roberto Saviano, mentre si consuma il tradimento degli scissionisti nei confronti del capoclan Savastano, tra esecuzioni a freddo, ceffi tremendi accanto a bambini, borse piene di contanti nella luce livida delle piazze dello smercio di droga in cui si stringono nuove alleanze per far nascere gli '”stati uniti (dello spaccio) di Scampia e Secondigliano”, i criminali vivono da schifo: solo violenza, rabbia furiosa ma anche paura. Non c'è spazio per nient'altro. Al ristorante di lusso, Ciro (Marco D'Amore), il traditore , dice alla moglie Debora (Pina Turco): “tu sai tutto quello che ho fatto per stare dove siamo adesso, stiamo in cima, non ci ferma nessuno”. E la donna: “se non ti fermi adesso, ci ferma qualcun altro”. La discussione degenera, la donna - terrorizzata che i rivali le uccidano la figlia - ha una crisi di nervi: il marito finisce per strangolarla sulla spiaggia e bruciarne il cadavere in un capannone. Qualcosa di tremendo, un'atrocità spaventosa, che speriamo i più piccoli non vedano (ecco il perché del cartello sui titoli di testa, “sconsigliato a un pubblico facilmente impressionabile”), ma come si fa a dire che il male viene celebrato? Scene terribili, di sicuro mai viste prima in una serie italiana: mostrano senza equivoci di che pasta sono fatti i malavitosi, i ras dello spaccio, quelli che come Ciro si proclamano “immortali” e che piangono a dirotto dopo l' atrocità commessa. La seconda puntata - insolitamente lenta - si apre, un anno dopo, in Honduras: il rampollo ormai guarito dei Savastano (Salvatore Esposito) costringe un soldato dell'esercito del paese centramericano fatto prigioniero dai narcos suoi compari a uccidere un commilitone a colpi di machete mentre lui riprende la scena con il telefonino. Spettacolarizzazione della violenza? Qualcuno ci giurerà: è difficile però che criminali di questa fatta risultino fascinosi. Altro che la banalità del male: qui siamo in piena psicopatia. E non è tutto: quando Pietro Savastano (Fortunato Cerlino), in esilio forzato dopo l'evasione dal carcere per salvarsi la pelle dagli scissisionisti, si ritrova con il figlio a Koln, in Germania, non può fare a meno di sottolineare che lui vive così da 20 anni, “sempre con gli occhi aperti, a fare attenzione agli amici, ai nemici, ai traditori. 20 anni così” ripete. E’ vero: la vita dei mafiosi è questa. E ammette, essenziale come un capo: “le cose non vanno bene”. Mica solo per le faide, ma soprattutto perché gli investigatori gli hanno bloccato denaro, conti correnti e hanno indagato i prestanome del suo giro: “senza soldi e con la polizia addosso” si lamenta “nessuno vuole fare affari con noi”. Il bene non si vedrà in questa fiction, come ormai è noto, ma l'efficacia dell'azione di contrasto degli organi dello stato non viene per questo trascurata. Poi, tanto per non smentirsi, padre e figlio litigano furiosamente, accusandosi reciprocamente di non essere all'altezza. Questa volta è Pietro a stringere le mani intorno al collo del giovane Genny, fermandosi appena in tempo. Altro che retorica sulla famiglia mafiosa, l'amore tra padri e figli criminali che la vulgata dei clan vorrebbe propinarci. Qui c'è solo odio, disprezzo e rivalità. Poi ricominciano le sparatorie tra clan, i morti ammazzati, le fughe disperate, l'angoscia, il cuore in gola. Per chissà quanto tempo ancora.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Sandra Milo si incatena davanti a Palazzo Chigi e viene ricevuta dal premier Conte. Il video
IL CASO

Video Sandra Milo si incatena a Palazzo Chigi e viene ricevuta da Conte

Sandra Milo si incatena davanti a Palazzo Chigi e viene ricevuta da Conte (video Askanews). Dopo un iniziale rifiuto infatti il premier ha fatto entrare l'attrice (87 anni) che nel frattempo si era legata a una delle transenne che chiudono la piazza. Nei giorni scorsi, l'attrice aveva avviato uno sciopero della fame per richiamare l'attenzione sulle difficoltà degli artisti e delle partite Iva e ...

 
Toti: “Liguria seconda solamente al Veneto per numero di tamponi effettuati”

Toti: “Liguria seconda solamente al Veneto per numero di tamponi effettuati”

(Agenzia Vista) Liguria, 27 maggio 2020 Toti: “Liguria seconda solamente al Veneto per numero di tamponi effettuati” “Liguria seconda solamente al Veneto per numero di tamponi effettuati” queste le parole di Giovanni Toti, Presidente della Liguria, durante la conferenza di aggiornamento dei dati sul contagio da coronavirus nella Regione. Facebook Toti Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Proteste a Marsiglia dopo che Francia vieta l'idrossiclorochina

Proteste a Marsiglia dopo che Francia vieta l'idrossiclorochina

Marsiglia, 27 mag. (askanews) - I residenti protestano fuori dall'Ihu Mediterranée Infection hospital a Marsiglia dopo che la Francia ha vietato le cure con l'idrossiclorochina per i malati di Covid-19. L'istituto guidato dal professore Didier Raoult ha tuttavia annunciato che continuerà i trattamenti sui pazienti più adatti. Dalla scalinata dell'ingresso, che all'inizio della pandemia era piena ...

 
Stasera in tv 28 maggio appuntamento con il film "Air Force One". Nel cast Harrison Ford

TELEVISIONE

Stasera in tv 28 maggio appuntamento con il film "Air Force One". Nel cast Harrison Ford

Stasera in tv 28 maggio il film "Air Force One" (Rai 3 ore 21,20). Pellicola statunitense del 1998, regia di Wolfgang Petersen Cast: Harrison Ford, Gary Oldman, Glenn Close, ...

28.05.2020

Stasera in tv 28 maggio a "Dritto e Rovescio" c'è Silvio Berlusconi. Tra gli ospiti anche Luca Zaia

TELEVISIONE

Stasera in tv 28 maggio a "Dritto e Rovescio" c'è Silvio Berlusconi. Tra gli ospiti anche Luca Zaia

Stasera in tv 28 maggio, in prima serata su Rete 4 (ore 21,25), nel nuovo appuntamento con “Dritto e Rovescio”, Paolo Del Debbio intervista il presidente di Forza ...

28.05.2020

Stasera in tv 28 maggio Alessandro Borghese 4 Ristoranti. In Val Badia per la miglior cucina ladina

Alessandro Borghese, 43 anni

TELEVISIONE

Stasera in tv 28 maggio Alessandro Borghese 4 Ristoranti. In Val Badia per la miglior cucina ladina

Stasera in tv 28 maggio torna l'appuntamento con "Alessandro Borghese 4 Ristoranti" (Sky Uno alle ore 21,15). La sesta puntata della sesta stagione del fortunato format ...

28.05.2020