Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Dati choc, il 20% dell'economia locale è sommerso

La platea in Camera di commercio

Leonardo Ranalli
  • a
  • a
  • a

Confcommercio Rieti a confronto con enti e istituzioni per contrastare il fenomeno dell'abusivismo: una giornata di approfondimento che ha preso forma durante il convegno "Legalità mi piace" svoltosi alla Camera di commercio. Analizzati anche i i risultati di un'indagine realizzata in collaborazione con Gfk-Eurisko che parla di un sommerso che supera il 20% dell'economia locale e di un tessuto in qualche modo permeabile se si prendono in considerazione anche i dati snocciolati dal comandante provinciale della Guardia di finanza, Cosimo D'Elia, che, in riferimento all'attività 2013-2014, ha evidenziato il passaggio da 23 a 47 milioni di euro di base imponibile evasi al fisco ed accertati; da 27 a 34 gli evasori totali scoperti e da 517 a 70mila i prodotti contraffatti sequestrati. Numeri preoccupanti ripresi anche dal consigliere Emanuele Donati, che ha proposto l'istituzione di un osservatorio permanente sulla legalità, mentre il comandante dei carabinieri, Francesco Buconi, e l'ispettore della Guardia forestale dello Stato di Rieti, Paolo Murino, hanno ribadito la centralità che gli organi di vigilanza possono avere con azioni di ascolto della popolazione e di formazione sui temi trattati per le giovani generazioni. A fare da cornice all'iniziativa le proposte e le analisi della Confcommercio di Rieti: "Sono anni che la politica rincorre la chimera dell'uscita dalla fase recessiva dell'economia ma senza un mercato libero, controllato, regolato e dove tutti i concorrenti si giocano le stesse probabilità di successo non può esserci sviluppo e occupazione. Se oltre il 20% dell'economia è sommerso (circa 500 milioni di euro), come si può ricominciare a crescere?".