Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Sisma 2016, Di Berardino ad Amatrice: "Sopralluoghi nei cantieri. La ricostruzione prosegue"

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Sisma 2016, Di Berardino ad Amatrice: "Sopralluoghi nei cantieri. La ricostruzione prosegue" “Questa mattina ho effettuato dei sopralluoghi tecnici da Amatrice, presso i cantieri i cui lavori sono stati consegnati a fine maggio. Si tratta della messa in sicurezza e sistemazione della strada di ingresso a Corso Umberto I e del consolidamento strutturale e ripristino del manto stradale del Ponte a Tre Occhi, che collega Amatrice all'Aquila", fa sapere l'assessore al lavoro della Regione Lazio Claudio Di Berardino Il primo cantiere, al chilometro 42+200 della Picente, fa parte del primo stralcio delle opere Anas per la ricostruzione e è direttamente seguito da Astral. In questo caso l'importo stanziato è di circa 901.000 euro e si prevede la fine dei lavori a dicembre  2020. L'intervento che riguarda il Ponte a Tre Occhi è invece seguito direttamente dalla direzione lavori pubblici della Regione Lazio e prevede la sistemazione dei 90 metri di asfalto e la messa in sicurezza delle arcate portanti, sanando completamente i danni causati dalle scosse del 2016. I lavori dureranno 7 mesi con una spesa complessiva di circa 2 milioni di euro. Per approfondire leggi anche: Amatrice, consegnato il ponte a Tre Occhi "Come annunciato, ho voluto effettuare personalmente i sopralluoghi di questi due cantieri, che sono tra i primi a essere stati aperti dopo lo stop dettato dall'emergenza epidemiologica. Gli interventi hanno un alto valore non solo logistico ma anche simbolico come vie di accesso a Amatrice. Questo è il segno che la ricostruzione sta proseguendo, con questa e altre opere che abbiamo messo in campo in tutta l'area del cratere. Da parte nostra continueremo ad essere presenti in un  rapporto costante con le istituzioni locali, le associazioni e i cittadini nel monitoraggio dei cronoprogrammi delle opere da ricostruire, sia pubbliche che private", conclude Di Berardino