Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Coronavirus, a Monterotondo arriva la roulotte per i tamponi a domicilio. Ecco chi potrà farlo

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Coronavirus, a Monterotondo arriva la roulotte per i tamponi a domicilio. Ecco chi potrà farlo.  Ancora una volta le piccole comunità si scoprono più forti ed efficaci di qualsiasi grande organizzazione, governativa e non. A Monterotondo si potranno fare i tamponi per il Covid-19 a domicilio. Attenzione, non si tratta di un servizio aperto a tutti ovviamente ma solo alle persone già in isolamento o che stanno per uscirne. “Ultimi ritocchi per la nostra roulotte che dal 1 aprile, come già annunciato dal sindaco Riccardo Varone, sarà a disposizione della ASL Roma 5 per attività di screening e monitoraggio sul territorio” ha fatto sapere la Protezione Civile di Monterotondo tramite i suoi volontari, che stanno combattendo l'emergenza coronavirus al fianco delle istituzioni ormai da inizio marzo. Leggi anche: Monterotondo, il sindaco distribuisce 4.000 mascherine “Grazie alla nostra Unità Mobile, riorganizzata internamente grazie anche al sostegno concreto di Amicolegno Amico (azienda di Monterotondo Scalo specializzata in legnami, prodotti per l'edilizia, strutture in legno e molto altro) che ci ha donato il materiale necessario ad ottimizzarne gli spazi, i Medici della Asl Roma 5, nella massima e più assoluta sicurezza per loro e per le persone coinvolte, potranno effettuare i tamponi a cui saranno sottoposti, su chiamata della Asl stessa, esclusivamente i cittadini già in isolamento preventivo a casa o che attendono di effettuare il controtampone che dovrà dare esito negativo per dichiarare ufficialmente la guarigione”. Insomma, il tampone non si farà a chiamata altrimenti tutti vorrebbero farlo. “Per questo motivo – hanno spiegato i volontari della Protezione Civile -  invitiamo i cittadini a non chiedere di poter effettuare i tamponi (a noi così come allo stesso sindaco o al Comune di Monterotondo) in quanto, come detto, sarà la ASL Roma 5 a contattare direttamente le persone destinatarie di tale screening”.