Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, il sindaco di Magliano Sabina: "L'ex ospedale resta a disposizione per supportare il de' Lellis"

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Coronavirus, il sindaco di Magliano Sabina: "L'ex ospedale resta a disposizione per supportare il de' Lellis". Adibire la casa della salute a centro Covid? No, grazie. Può essere riassunta così la posizione di Giulio Falcetta rispetto all'ipotesi che la Uil ha fatto arrivare a mezzo lettera sulla scrivania della direzione generale della Asl e per la quale ha richiesto appunto il parere della dirigenza stessa. Leggi anche: La Uil: "Va riaperto l'ospedale di Magliano" Secondo il sindacato, in un momento in cui si assiste alla crescita del contagio sul territorio che potrebbe vedere l'unico ospedale della provincia andare in sofferenza, anziché veder nascere ospedali "da campo" o d'emergenza, l'ex ospedale "Marzio Marini" potrebbe essere facilmente adeguato per ospitare i pazienti Covid e potrebbe anche dal punto di vista strategico essere una struttura di riferimento anche per la vicina Roma. Di tutt'altro parere invece il sindaco Giulio Falcetta che, seppur preferendo non entrare nel merito dell'iniziativa dell'Unione Italiana dei Lavoratori, chiarisce la posizione dell'amministrazione. "Stiamo già da tempo interloquendo con la Regione Lazio rispetto al futuro della nostra Casa della Salute - dice il sindaco -, ma l'obiettivo non è veder nascere nel nostro territorio una struttura di supporto per i pazienti covid. O meglio non solo. Quello che sosteniamo e che da sempre sostenevano, anche prima di questa emergenza, è che la nostra struttura può rappresentare un supporto per l'attività ordinaria dell'ospedale provinciale e anche e soprattutto in questa delicata fase dove l'ospedale di Rieti può entrare in affanno e possono esserci esigenze differenti. Oltre alle esigenze delle persone colpite dal virus c'è anche molta altra assistenza sanitaria che deve essere continuata a garantire e la nostra struttura può rappresentare la struttura di riferimento per l'azienda sanitaria". Nessun risposta ufficiale è stata per ora data dalla direzione generale al sindacato.