Caso tamponi Veneto-Crisanti, il virologo: "Reinventano storia a fini propagandistici" 

Caso tamponi Veneto-Crisanti, il virologo: "Reinventano storia a fini propagandistici" 

23.05.2020 - 17:45

0

Milano, 23 mag. (Adnkronos Salute) (Opa/Adnkronos) 

"Mi sembra che si stia reinventando la storia per fini propagandistici. Da parte mia in questa squallida polemica non voglio entrarci nemmeno, io faccio il ricercatore". Andrea Crisanti, responsabile del Laboratorio di Microbiologia e Virologia dell'Azienda ospedaliera di Padova, parlando all'Adnkronos Salute si dice "veramente amareggiato" per quello che in queste ore è diventato un caso. Una battaglia mediatica che ruota intorno alla 'paternità' del modello Veneto sui tamponi per la diagnosi di Covid-19, risultato vincente nella gestione della fase 1 dell'emergenza coronavirus. "I tentativi di appropriarsi di qualcosa di non tuo sono meschini", osserva Crisanti. "Evidentemente c'è un dividendo politico da incassare". 

"Ho letto che la dottoressa Russo", ricostruisce il virologo dell'università di Padova riferendosi a Francesca Russo, capo del Dipartimento di Prevenzione della Regione Veneto, "aveva un piano tamponi il 31 gennaio e questa è una baggianata. Lei questo piano non ce l'aveva, non c'era proprio l'obiettivo di cercare i pazienti asintomatici", sostiene lo scienziato. Tant'è, riferisce, che "l'8 febbraio il suo Ufficio mi ha impedito di fare i tamponi alle persone che tornavano dalla Cina perché non era previsto dalle linee guida del Governo. Mi hanno anche minacciato di danno erariale". 

"Il piano che ho visto della dottoressa Russo del 31 gennaio era quello del ministero della Salute, secondo cui i tamponi andavano fatti solo ai sintomatici - afferma Crisanti - Poi, presi dal panico, il 21-22 febbraio hanno fatto la scelta giusta" ossia "quella di tamponare bene. Ma non è stata una scelta sistematica - precisa - bensì una cosa occasionale di cui non hanno compreso il significato scientifico ed epidemiologico. Poi - ricorda il virologo - il 27-28 febbraio ho telefonato a Zaia ed è iniziato il vero piano tamponi del Veneto. Possono dire quello che vogliono, ma la realtà è questa". 

"I fatti parlano chiaro e non ho bisogno di alimentare nessuna polemica", incalza il ricercatore che trova la vicenda "davvero deprimente", ma si dice "pronto a mostrare le carte: se vogliono che mostri tutta la documentazione lo farò, anche se preferirei non arrivare a questo punto". 

"Chi ha combattuto per fare tamponi agli asintomatici?", chiede Crisanti. "Se ne escono adesso, 2 mesi e mezzo dopo, e reinventano la storia per fini propagandistici", commenta lo scienziato. "Il 31 gennaio - ripete - la dottoressa Russo non aveva nulla che prevedesse l'infezione degli asintomatici come vettore della trasmissione. E' una cosa che abbiamo scoperto noi", puntualizza e conclude: "Sono veramente desolato che per fini politici si speculi sulla sofferenza delle persone e di migliaia di morti". 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Sandra Milo si incatena davanti a Palazzo Chigi e viene ricevuta dal premier Conte. Il video
IL CASO

Video Sandra Milo si incatena a Palazzo Chigi e viene ricevuta da Conte

Sandra Milo si incatena davanti a Palazzo Chigi e viene ricevuta da Conte (video Askanews). Dopo un iniziale rifiuto infatti il premier ha fatto entrare l'attrice (87 anni) che nel frattempo si era legata a una delle transenne che chiudono la piazza. Nei giorni scorsi, l'attrice aveva avviato uno sciopero della fame per richiamare l'attenzione sulle difficoltà degli artisti e delle partite Iva e ...

 
Toti: “Liguria seconda solamente al Veneto per numero di tamponi effettuati”

Toti: “Liguria seconda solamente al Veneto per numero di tamponi effettuati”

(Agenzia Vista) Liguria, 27 maggio 2020 Toti: “Liguria seconda solamente al Veneto per numero di tamponi effettuati” “Liguria seconda solamente al Veneto per numero di tamponi effettuati” queste le parole di Giovanni Toti, Presidente della Liguria, durante la conferenza di aggiornamento dei dati sul contagio da coronavirus nella Regione. Facebook Toti Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Proteste a Marsiglia dopo che Francia vieta l'idrossiclorochina

Proteste a Marsiglia dopo che Francia vieta l'idrossiclorochina

Marsiglia, 27 mag. (askanews) - I residenti protestano fuori dall'Ihu Mediterranée Infection hospital a Marsiglia dopo che la Francia ha vietato le cure con l'idrossiclorochina per i malati di Covid-19. L'istituto guidato dal professore Didier Raoult ha tuttavia annunciato che continuerà i trattamenti sui pazienti più adatti. Dalla scalinata dell'ingresso, che all'inizio della pandemia era piena ...

 
Stasera in tv 28 maggio appuntamento con il film "Air Force One". Nel cast Harrison Ford

TELEVISIONE

Stasera in tv 28 maggio appuntamento con il film "Air Force One". Nel cast Harrison Ford

Stasera in tv 28 maggio il film "Air Force One" (Rai 3 ore 21,20). Pellicola statunitense del 1998, regia di Wolfgang Petersen Cast: Harrison Ford, Gary Oldman, Glenn Close, ...

28.05.2020

Stasera in tv 28 maggio a "Dritto e Rovescio" c'è Silvio Berlusconi. Tra gli ospiti anche Luca Zaia

TELEVISIONE

Stasera in tv 28 maggio a "Dritto e Rovescio" c'è Silvio Berlusconi. Tra gli ospiti anche Luca Zaia

Stasera in tv 28 maggio, in prima serata su Rete 4 (ore 21,25), nel nuovo appuntamento con “Dritto e Rovescio”, Paolo Del Debbio intervista il presidente di Forza ...

28.05.2020

Stasera in tv 28 maggio Alessandro Borghese 4 Ristoranti. In Val Badia per la miglior cucina ladina

Alessandro Borghese, 43 anni

TELEVISIONE

Stasera in tv 28 maggio Alessandro Borghese 4 Ristoranti. In Val Badia per la miglior cucina ladina

Stasera in tv 28 maggio torna l'appuntamento con "Alessandro Borghese 4 Ristoranti" (Sky Uno alle ore 21,15). La sesta puntata della sesta stagione del fortunato format ...

28.05.2020