Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Roma, non si rassegna alla fine della storia e perseguita l'ex: 35enne arrestato dalla polizia

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Roma, non si rassegna alla fine della storia e perseguita l'ex: 35enne arrestato dalla polizia. Nella tarda serata di 15 giugno gli agenti della polizia del Reparto Volanti, diretto da Giuseppe Sangiovanni, hanno arrestato G.G.M., 35enne di origini sarde, per atti persecutori e resistenza a pubblico ufficiale. L'intervento delle volanti è scattato a seguito di una segnalazione da parte di una donna che ha denunciato la presenza del suo ex compagno fuori dalla sua abitazione, in forte stato di agitazione, che pretendeva di entrare in casa. Quando i poliziotti sono arrivati in via Debussy, a San Basilio, l'uomo si era già allontanato. La donna ha precisato agli agenti che già in mattinata c'era stato un intervento simile da parte della polizia. La stessa ha esternato la sua preoccupazione vista la potenziale pericolosità dell'uomo, assuntore di sostanze stupefacenti, preoccupazione che l'aveva spinta, in giornata, a fare richiesta di ammonimento nei confronti dell'uomo presso la locale stazione dei Carabinieri. Noncurante della sua posizione, poco dopo, il 35enne è tornato alla carica recandosi nuovamente sotto casa della vittima. Questa volta però, ad attenderlo c'era la polizia. Alla vista della pattuglia è fuggito a gran velocità a bordo di uno scooter; da lì è nato un breve inseguimento ad elevata velocità per le strade della capitale. Per approfondire leggi anche: Studente americano rapinato da tre egiziani Inizialmente G.G.M. è riuscito a far perdere le proprie tracce sfruttando l'agilità del due ruote, ma gli agenti, coordinati via radio tramite Sala Operativa, sono riusciti a braccarlo in zona, proprio sotto casa della vittima, dove per la terza volta era tornato. Con sè aveva una ingente somma di denaro, un orologio di valore ed una collanina d'oro; tutti effetti che aveva sottratto alla sua ex compagna. Al termine degli accertamenti l'uomo è stato accompagnato in carcere mentre la refurtiva, scooter compreso, sono stati restituiti alla legittima proprietaria.