Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Riaprono anche le attività illegali, 27enne reatino arrestato con mezzo chilo di marijuana

Andrea Niccolini
  • a
  • a
  • a

Con la fine del lockdown anche le attività illegali hanno avuto la loro ripartenza; lo dimostra l'arresto effettuato da agenti della squadra mobile della questura di Rieti nel capoluogo. Nella rete della polizia è finito un 27enne reatino, B.M., arrestato per detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Aveva circa mezzo chilo di marijuana. E' stata una serie di servizi di osservazione svolti nelle zone di Regina Pacis e di via Molino della Salce a condurre al giovane; su questa zona gli agenti hanno focalizzato la loro attenzione mirata alla repressione dello spaccio di droga nei confronti di giovani tossicodipendenti. Venerdì scorso il 27enne è stato fermato mentre girava in città a bordo della sua automobile, gli agenti della squadra mobile lo hanno sottoposto a perquisizione e all'interno della vettura hanno terovato una cartella di plastica tipo ventiquattrore contenente un sacchetto della spesa con all'interno circa tre etti di marijuana. La successiva perquisizione svolta all'interno del'abitazione del reatino ha consentito di trovare altri 2 etti di marijuana nascosti nella sala da pranzo e nella stanza da letto, oltre a materiale per il confezionamento di dosi, un bilancino di precisione e un proiettile calibro 9x21 inesploso per la cui detenzione B.M. è stato denunciato. Tutto lo stupefacente è stato posto sotto sequestro e l'altro ieri il gip del Tribunale di Rieti ha convalidato l'arresto applicando nei confronti del 27enne la misura cautelare degli arresti domiciliari.