Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Bollette acqua a Rieti, Sebastiani (Gruppo misto) contro Aps: "Le tariffe applicate sono illegittime"

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Bollette acqua a Rieti, Sebastiani (Gruppo misto) contro Aps: "Le tariffe applicate sono illegittime". Non si spegne la discussione sulla tassa sui rifiuti per i residenti nel comune di Rieti e sulle tariffe applicate da Acqua Pubblica Sabina. A tornare sull'argomento è il consigliere comunale Andrea Sebastiani, al centro della sua analisi il ruolo svolto in entrambi i casi dall'Arera, Autorità di regolazione per energia reti e ambiente. A citare l'Autorità come ostacolo alla rimodulazione delle tariffe idriche, per andare incontro alle richieste di cittadini e imprese colpiti dalla crisi economica generata dalla pandemia di coronavirus, era stato il presidente di Aps Maurizio Turina. Le osservazioni di Sebastiani partono dalla lettura dell'articolo apparso sul tema nelle pagine del Corriere di Rieti e da quanto dichiarato dal presidente Turina in merito alla richiesta giunta da più parti di eliminare in questo particolare frangente almeno i costi di gestione, giudicata non esaudibile senza un pronunciamento di Arera. “Stimo Turina come professionista e lo ho stimato come assessore, ma non si può invocare Arera quando ci fa comodo e quando invece non ci fa comodo operare senza la sua approvazione. In queste settimane ho fatto dodici richieste di accesso agli atti attraverso il comune di Rieti, chiamando anche in causa il sindaco Cicchetti in quanto presidente del comitato di controllo. La società sta recapitando delle bollette stratosferiche sia ai cittadini che alle imprese, ma le tariffe applicate non sono mai state approvate dall'Autorità di Regolazione competente. Tant'è che chiedevo al presidente del Cda di sapere se queste tariffe, approvate dalla Conferenza dei Sindaci, fossero mai state portate all'approvazione dell'Arera”. La risposta, stando al racconto del consigliere comunale, arriva con una lettera datata 28 aprile 2020 nella quale si conferma l'approvazione da parte della Conferenza dei sindaci, in una seduta in cui il sindaco Cicchetti era assente, ma si conferma la mancata approvazione da parte dell'Autorità competente, e che quindi le stesse tariffe entrano in vigore in pendenza dell'approvazione della competente Autorità di Regolazione. “Le tariffe che Aps sta secondo me illegittimamente applicando - continua Sebastiani - quindi non sono mai state approvate”. Per approfondire leggi anche: Gli imprenditori del Lago del Salto: "Così è difficile riaprire" Da questo la considerazione “se le tariffe fossero state approvate, allora ci sarebbe una potestà su eventuali scorpori dei costi fissi”. Altro capitolo è quello che riguarda la Tari, ed anche in questo caso il consigliere dissente: “La questione non è come dice il Comune. C'è una delibera di Arera, la numero 158 del 2020, che sancisce il principio che “chi consuma deve pagare”. Visto che alcune imprese sono state soggette a provvedimenti di chiusura da parte del Governo è stato stabilito che i Comuni non debbono far pagare la tassa a tutte quelle imprese che sono state chiuse nel periodo del lockdown” Dovrebbe secondo la delibera essere applicato uno sconto alla quota variabile della tariffa. Cittadini ed imprese restano in attesa di capire chi abbia ragione.