Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, piana allagata. I vigili del fuoco fanno arrivare un mezzo anfibio per soccorrere la popolazione | Foto

  • a
  • a
  • a

I vigili del fuoco di Rieti, impegnati in prima linea in questi giorni nell'emergenza causata dalle intense piogge di quest'ultimo mese, a supporto delle squadre in assetto fluviale e anche di terra, hanno potenziato, grazie alla Direzione Regionale Lazio e al Centro Operativo Nazionale, l'apparato di soccorso con un mezzo anfibio del comando di Modena che da qualche giorno sta operando nella piana reatina per portare anch'esso soccorso alla popolazione colpita da questa alluvione.

Il mezzo anfibio può operare indistintamente su terreni fangosi, navigare su acque stagne e progredire anche su tratti asfaltati e su strade sterrate. Inoltre, in previsione del maltempo atteso nelle prossime ore, i vigili del fuoco di Rieti ed i volontari di protezione civile hanno ultimamente anche rafforzato gli argini con i sacchetti di sabbia nei punti più sensibili dove la prima esondazione causò in Via Settecamini delle falle sull'argine del fiume Velino e in Via Tancia sul Fiume Turano.

La Prefettura di Rieti continua a monitorare la difficile situazione. E’ proseguita nella giornata del 30 gennaio l’attività del Centro Coordinamento Soccorsi della Prefettura che si è riunito due volte, alle ore 12 ed alle ore 19, per valutare i dati dei continui monitoraggi effettuati da ciascuna struttura operativa, con particolare riguardo agli effetti prodotti a valle dalle manovre idrauliche in corso sulla diga di Turano. "E’ stata concordata una vigilanza rafforzata nei punti maggiormente critici lungo tutta l’asta fluviale del Turano e del Velino, in previsione delle precipitazioni attese dalla serata di oggi e per la giornata di domani. L’attività di presidio idraulico sarà svolta dai volontari di protezione civile che sono attualmente in numero di 160, in aggiunta alla vigilanza idraulica svolta dagli enti istituzionali competenti". La situzione, viste le previsioni meteo, è preoccupante e resta l'allerta per i prossimi giorni. Nella Piana il dispiegamento di forze è imponente.