Un astronauta sul tetto del mondo: Maurizio Cheli sull'Everest

Tra aprile e maggio 2018 scalerà il monte più alto del pianeta

13.03.2018 - 08:30

0

Milano (askanews) - La prima volta che ha visto l'Everest lo ha fatto letteralmente "dall'alto in basso", nel senso che era nello Spazio, a bordo di uno Space Shuttle. Era il 1996, da quel momento l'astronauta italiano dell'Esa, Maurizio Cheli, in orbita per la missione Sts-75 della Nasa, ha pensato che su quella montagna ci sarebbe salito, a piedi.

"È un qualcosa che mi sono portato dentro per tanti anni - ha spiegato ad askanews - un paio di anni fa mi sono detto: 'Adesso o mai più' e ho cominciato ad allenarmi con una guida della Val d'Aosta che mi accompagnerà in questo viaggio".

Per prepararsi all'impresa, Cheli - che abita a Torino - non solo si è allenato scalando i 4mila italiani che incorniciano il nord-est del Paese, ma ha affrontato anche i 6.962 metri dell'Aconcagua, nelle Ande Argentine.

"Salire in montagna si fa fatica, richiede sacrifici e impegno però dev'essere un'attività che piace e volevo capire se effettivamente mi piaceva. Così è stato, ho proseguito l'anno scorso con la stessa guida e con lui ho deciso di partire quest'anno per questa spedizione".

"Noi partiremo il 10 di aprile, torneremo presumibilmente a fine maggio inizio giugno per una salita che è prevista tra il 20 e il 30 maggio; 10 giorni per arrivare al campo base, poi 3, 4 settimane di acclimatazione perché ovviamente le quote sono molto alte, già solo il campo base è a 5.300 metri, poi i 4 campi a quote superiori e l'ultimo campo a 8mila metri e poi il tentativo di salita se le condizioni lo permetteranno".

Una sfida impegnativa, contro incognite e condizioni estreme che però non fa paura a Cheli che con le sfide ci convive da sempre: pilota militare sperimentatore e astronauta prima, poi collaudatore dell'Eurofighter e per finire imprenditore, divulgatore e scrittore, tutto in una sola vita.

"La sfida della montagna - ha concluso l'astronauta - è più personale dello Spazio o di pilotare caccia sofisticati perché ti mette a contatto direttamente con la Natura e anche in balia delle condizioni meteorologiche che la Natura ti propone giorno dopo giorno. Diciamo che sarà un qualcosa che mi immagino di vivere con tutte i miei sensi e le sensazioni che cercherò di assaporare nel miglior modo possibile".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Milano, 23 giu. (askanews) - "Le paure ci sono, tutti noi abbiamo delle paure, però Milano le paure le gestisce e non le butta addosso agli altri, Milano non ha paura della diversità perché sulla diversità ci costruisce il futuro, e non è una bella dichiarazione di principio perché Milano lo fa da 26 secoli ed è arrivata dove è arrivata, integrando e mettendo insieme le qualità di tutti noi. ...

 
Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Venezia (askanews) - Una grande rampa da skateboard dove, fino a qualche mese fa, troneggiava il demone colossale di Damien Hirst. A Palazzo Grassi a Venezia la cultura freestyle entra dalla porta principale in uno dei musei più importanti del mondo con la tre giorni di "Skate the Museum", evento collegato alla mostra del pittore tedesco Albert Oehlen, ma che vive di una vita e di un'energia ...

 
Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Reggio Calabria (askanews) - Nelle baraccopoli di San Ferdinando e di Rosarno non c'è rispetto dei diritti umani, c'è un degrado umano. Perché le autorità se ne accorgono solo quando succedono questi casi gravi e si continua a mantenere operative queste strutture quando si potrebbe benissimo fare l'ospitalità diffusa e utilizzare le case della piana e dei centri storici che non sono abitate. Non ...

 
A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

Reggio Calabria (askanews) - C'erano centinaia di migranti, lavoratori stagionali, sindacalisti ma anche tanti amministratori locali a Reggio Calabria, in occasione della manifestazione organizzata dall'Unione sindacale di base (Usb) per chiedere giustizia dopo l'omicidio di Soumaila Sacko, il bracciante del Mali ucciso a fucilate il 2 giugno 2018 mentre recuperava alcune vecchie lamiere in una ...

 
teatro flavio vespasiano

RIETI

Al teatro in scena i celebri "Carmina Burana"

Sabato 23 giugno, alle 18, al teatro Flavio Vespasiano, sono in programma i celebri "Carmina Burana" di Carl Orff, versione per soli, coro, due pianoforti e percussioni ...

22.06.2018

Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

RIETI

Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

Giovedì 21 giugno alle ore 19.00 presso la Chiesa di San Rufo a Rieti,  concerto di Musica barocca, in occasione della Festa Europea della Musica, con Sandro Sacco al Flauto ...

17.06.2018

Emozioni nel cuore dell'Italia con Lino Guanciale e Davide Cavuti

CITTAREALE

Emozioni dai luoghi colpiti dal sisma con Lino Guanciale e Davide Cavuti

Dopo la convivialità del Teatro delle Ariette andata in scena lo scorso 8 giugno, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma con I SOGNATORI HANNO I ...

14.06.2018