Puigdemont in Danimarca, Madrid rinuncia ad arresto

Mentre il parlamento catalano lo candida come presidente

22.01.2018 - 20:30

0

Roma, (askanews) - Continua senza esclusione di colpi la guerra politico-giudiziaria fra Madrid e Barcellona: l'ex presidente catalano Carles Puigdemont, a Bruxelles per evitare il carcere a seguito della dichiarazione di indipendenza della Catalogna dello scorso 27 ottobre, ha lasciato per la prima volta il Belgio per partecipare a un simposio all'università di Copenaghen. Il Tribunale supremo spagnolo ha rinunciato a emettere un mandato di arresto europeo.

Dalla capitale danese, il leader indipendentista catalano ha mandato un messaggio: "Il 21 dicembre il popolo catalano ha mandato un messaggio all'Europa e al mondo. Non capitoleremo di fronte all'autoritarismo nonostante le minacce di Madrid. Presto formeremo un nuovo governo",

In mattinata, nel parlamento regionale catalano eletto lo scorso 21 dicembre e in cui gli indipendentisti hanno ottenuto nuovamente la maggioranza, il presidente della camera Roger Torrent aveva "candidato" ufficialmente Puigdemont all'investitura come presidente della Generalitat, il governo autonomo regionale catalano: "Certifico che l'unico candidato proposto è stato il signor Carles Puigdemont i Casamajò. Di conseguenza, dato che ho potuto constatare che si tratta di chi può ottenere il maggior consenso, proporrò alla camera il deputatp Carles Puigdemont i Casamajò come candidato alla presidenza della Generalitat".

Torrent ha spiegato che nonostante sia perseguito penalmente da Madrid, la candidatura di Puigdemont è "totalmente legittima".

Il fronte indipendentista accusa Madrid di aver scatenato un'offensiva giudiziaria contro Puigdemont e gli altri membri del suo ex governo per motivi esclusivamente politici.

Nella motivazione con cui ha respinto la richiesta di mandato d'arresto europeo per Puigdemont in occasione del suo viaggio in Danimarca, il giudice istruttore del Tribunale Supremo spagnolo ha argomentato che un arresto di Puigdemont in questa fase faciliterebbe l'esercizio del suo voto in una sessione parlamentare per investirlo come presidente del governo catalano. Madrid ha annunciato di non voler consentire che Puigdemont sia nominato presidente finché sarà all'estero, ma ha anche promesso di arrestarlo qualora tornasse in Spagna.

Attualmente l'ex vicepresidente Oriol Junqueras, l'ex consigliere all'Interno Joaquim Forn e i presidenti di due importanti associazioni della società civile catalana sono in carcere preventivo con le accuse di "sedizione" e "ribellione", con Puigdemont e altri quattro ex ministri a Bruxelles per evitare l'arresto.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Di Maio a "Italia 18": Ora per fare notizia sbaglio i gerundi

Di Maio a "Italia 18": Ora per fare notizia sbaglio i gerundi

Milano, (askanews) - "Guardi non fanno più notizia, sto iniziando a sbagliare i gerundi magari riesco a fare più notizia, visto che non parla mai del merito ma di queste cose. Tra l'altro a quei signori che hanno fatto i maestrini ho risposto che quella forma è corretta e lo dicono anche fior fiore di persone che si occupano di grammatica. Vedo sempre questi maestrini che ci correggono ...

 
Malagò: Carolina Kostner portabandiera alla cerimonia di chiusura

Malagò: Carolina Kostner portabandiera alla cerimonia di chiusura

PyeongChang (askanews) - "Abbiamo voluto pensare a Carolina per riconoscenza, per gratitudine per questa meravigliosa carriera che ha fatto": così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha annunciato e motivato la scelta di Carolina Kostner come portabandiera azzurra alla cerimonia di chiusura dei Giochi olimpici invernali di PyeongChang. Un omaggio a tutta la sua carriera e un auspicio perché ...

 
Malagò: Olimpiadi al femminile, per le donne ancora più difficile

Malagò: Olimpiadi al femminile, per le donne ancora più difficile

PyeongChang (askanews) - "Medaglie che hanno ancora più valore a fronte delle maggiori difficoltà che nel nostro Paese le donne continuano ad avere per poter fare sport a livelli importanti". In questo modo il presidente del Coni Giovanni Malagò ha voluto rendere omaggio alle molte medaglie conquistate da atlete nei Giochi invernali di PyeongChang.

 
Olimpiadi, Malago: dieci medaglie, prossima volta ancora meglio

Olimpiadi, Malago: dieci medaglie, prossima volta ancora meglio

PyeongChang (askanews) - Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, da PyeongChang ha tracciato un bilancio della spedizione italiana alle Olimpiadi invernali sudcoreane. Dieci medaglie, di cui tre d'oro, "un risultato per il quale tutti avremmo firmato prima di partire". Un risultato che migliora quelli degli ultimi Giochi invernali e che ora, per le prossime edizioni, ci impone di fare ancora ...

 
Edipo, i  capolavori  di Sofocle in scena sabato al teatro Flavio

RIETI

Edipo, i  capolavori  di Sofocle in scena sabato al teatro Flavio

Sabato 24 febbraio torna il grande teatro al Flavio Vespasiano per la stagione programmata dall’assessorato alla Cultura del Comune di Rieti in collaborazione con  Atcl. Alle ...

22.02.2018

Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018

Il Musi’ trio in concerto al Foyer del Teatro Flavio Vespasiano.

RIETI

Il Musi’ trio in concerto al Foyer del Teatro Flavio Vespasiano.

Domenica 11 febbraio alle ore 17.00 presso il Foyer del Teatro Flavio Vespasiano, in occasione della stagione concertistica promossa dall’Assessorato alla cultura del Comune ...

06.02.2018