Libia, Guardia costiera chiede all'Europa più aiuti per la flotta

Dopo denuncia Onu: disumana la cooperazione Ue-Libia sui migranti

15.11.2017 - 14:30

0

Tripoli, (askanews) - La Guardia costiera libica ha chiesto maggiori aiuti all'Europa per organizzare la sua flotta ormai obsoleta, avvertendo che altrimenti nel 2018 non sarà più in grado di soccorrere i migranti nel Mediterraneo.

"La Guardia costiera libica ha salvato oltre 80mila migranti clandestini dal 2012 e circa 15mila solo quest'anno" ha dichiarato il generale Ayub Kacem, portavoce della Marina libica.

"L'anno prossimo non saremo in grado di organizzare missioni di ricerca e soccorso nella acque territoriali libiche se dovremo impiegare la stessa flotta", ha avvertito il colonnello Abu Ajila Abdel Bari, comandante della prima brigata della Marina libica. "Le nostre navi hanno grossi problemi e devono essere sottoposte a complesse operazioni di manutenzione" ha concluso.

La richiesta libica giunge all'indomani della clamorosa denuncia dell'Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Zeid Raad al Hussein, che ha denunciato il deterioramento delle condizioni di detenzione dei migranti in Libia, definendo disumana la cooperazione dell'Unione europea con il paese nordafricano, che consiste nell'aiutare la Guardia costiera libica per intercettare e respingere i migranti. La sofferenza dei migranti detenuti in Libia è un oltraggio alla coscienza dell'umanità, ha aggiunto.

Alle pesanti accuse dell'Onu all'Italia ha replicato il viceministro degli Esteri Mario Giro dai microfoni di Radio Anch'io, su Radio Uno. "Queste notizie mettono in imbarazzo l'Onu perché è una cosa che si sapeva da tempo. Non è una novità. Non è perché adesso lo scrivono i giornali anglosassoni o lo dice un responsabile Onu che non sapevamo quale fosse il problema - afferma Giro, che ha la delega alla Cooperazione -. Già l'8 agosto scorso ho definito la Libia un inferno".

L'Onu non ha il permesso di entrare nei campi perché interviene solo se il Consiglio di sicurezza trova un accordo, ha aggiunto Giro: "L'Italia è l'unico paese che sta cercando di mediare tra le forze libiche che sono fortemente contrapposte perché l'Onu possa entrare. È un po' ipocrita scoprire adesso ciò che sappiamo da tempo", ha concluso il viceministro .

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

In mostra: il mondo di Luca Vitone, un autoritratto politico

In mostra: il mondo di Luca Vitone, un autoritratto politico

Milano (askanews) - Che si tratti di una mostra con una forte componente politica lo si capisce subito: la prima opera in cui si imbatte il visitatore, infatti, è un grande elenco con tutti i 959 nomi degli iscritti alla Loggia massonica P2. "Io, Luca Vitone", allestita al Padiglione d'arte contemporanea di Milano, è la prima grande antologica sull'artista genovese, ora trapiantato a Berlino. Un ...

 
Parata Thanksgiving a New York sotto strette misure di sicurezza

Parata Thanksgiving a New York sotto strette misure di sicurezza

New York (askanews) - La tradizionale parata di New York per il Thanksgiving Day si è svolta sotto strettissime misure di sicurezza in seguito ai recenti attacchi terroristici che hanno colpito la Grande Mela e gli Usa. Migliaia di persone, tra Central Park e Herald hanno applaudito gli elaborati palloni aerostatici, tra cui SpongeBob, Topolino, Angry Birds e altri personaggi dei cartoni animati, ...

 
Confindustria sbarca al centro dei Balcani in Macedonia

Confindustria sbarca al centro dei Balcani in Macedonia

Roma, (askanews) - Confindustria sbarca al centro dei Balcani, consolidando la sua presenza nella regione e con l'obiettivo di espandersi ancora di più. E' stata inaugurata a Skopje ufficialmente Confindustria Macedonia, un progetto su cui si è lavorato a lungo e che gli imprenditori italiani nel Paese attendevano da tempo, ha spiegato Edoardo Garrone, presidente del Gruppo tecnico ...

 
Garrone (Confindustria): Sistema Italia, Paese si muove insieme

Garrone (Confindustria): Sistema Italia, Paese si muove insieme

Roma, (askanews) - Anche l'Italia, come altri Paesi europei da sempre compatti nella promozione di se stessi e delle proprie imprese all'estero, può contare su un progetto coordinato che mette insieme governo, rappresentanze istituzionali e aziende private, con Sistema Italia, ha spiegato Edoardo Garrone, presidente del Gruppo Tecnico Internazionalizzazione associativa di Confindustria. "Da tanti ...

 
Gabriele Lavia

RIETI

La stagione di prosa apre con l'amore di Prévert con Gabriele Lavia

Un’apertura di alto profilo per una stagione che si preannuncia record. Sabato 25, alle 21, al teatro Flavio Vespasiano, andrà in scena il primo spettacolo di prosa previsto ...

22.11.2017

Fabrizio Frizzi a passeggio con la famiglia

L'esclusiva di "Chi"

Fabrizio Frizzi a passeggio con la famiglia

Fabrizio Frizzi passeggia con accanto la moglie Carlotta e la figlia Stella. Ecco le prime foto pubblicate in esclusiva dal settimanale "Chi" dopo l'ischemia che ha colpito ...

21.11.2017

Grande successo per il Trittico, spettacolo finale del Reate Festival

RIETI

Grande successo per il Trittico, spettacolo finale del Reate Festival

Le garbate ironie del Trittico italiano, Rota, Menotti, dall’Ongaro hanno conquistato il pubblico che venerdì ha riempito il Teatro Flavio Vespasiano. Tre brevi opere ...

18.11.2017