Le domande sulla realtà nelle fotografie di Stefano Graziani

Osservatorio di Fondazione Prada, la mostra Questioning Pictures

14.11.2017 - 14:00

0

Milano (askanews) - Che la fotografia sia una rappresentazione problematica di ciò che chiamiamo "realtà" è un concetto ormai acquisito. A fare la differenza è la qualità di questa problematicità e del progetto dentro cui essa prende senso: per questo risulta particolarmente interessante la mostra di Stefano Graziani "Questioning Pictures", commissionata dalla Fondazione Prada e allestita nello spazio milanese di Osservatorio. Lavorando su collezioni, in gran parte museali, ma non solo, Graziani ha, in un certo senso, documentato la documentazione, creando una narrazione che colpisce, pur nell'apparente chiarezza degli scatti.

"La decisione - ha spiegato Graziani ad askanews - è stata mostrare molto semplicemente ciò che vediamo. Vorrei cercare di eliminare tutte le sovra interpretazioni, tutto quello che si può aggiungere, eliminarlo in questo momento. Ma è possibile che questi lavori, il modo in cui costruiscono questa mostra e questo progetto, generino delle domande di diversa natura, su diversi interessi o che tocchino diverse discipline sullo spettatore".

La diversità, per l'appunto, quel lieve disturbo della rappresentazione che smonta le interpretazioni preconcette e riattiva, oltre che i soggetti delle fotografie (che contano comunque solo fino a un certo punto, perché ciò che conta davvero è l'opera finale, la fotografia esposta), anche il processo che ha portato allo scatto. Come ha confermato il curatore Francesco Zanot.

"Stefano - ci ha detto - ha girato il mondo per poter realizzare questa mostra e ha selezionato una serie di opere che potevano dialogare o scontrarsi tra loro, ma in ogni caso procurare nuovi significati".

"Tutti questi documenti, al limite della sfida alla riproduzione fotografica - ha aggiunto il fotografo - sono comunque una cosa importante: sono il risultato di un'azione all'interno di un sistema organizzato".

Così come, e forse in modo così potente per la prima volta, appare come un sistema coerente e complesso anche lo spazio di Osservatorio, riallestito dallo studio Office in modo da rendere marginale perfino la magnifica location sul tetto della Galleria Vittorio Emanuele, questa volta ridotta a sfondo meno invadente sulla mostra. Quasi che anche ciò che vediamo fuori dalle finestre sia solo una forma di riproduzione di una delle tante possibili realtà. Che Graziani, in questo ricordando l'operazione dell'artista francese Camille Henrot e del suo video "Grosse Fatigue" sulle collezioni dello Smithsonian, organizza in una sorta di catalogo, possibile o impossibile a seconda dello sguardo dello spettatore.

"Graziani - ha concluso Zanot - lavora - sulla tassonomia, ha sempre realizzato dei progetti nei quali mette a confronto oggetti simili e in cui, in ogni caso, verifica l'azione della fotografia su questi oggetti, ovvero, non tanto o non solo come li documenta, ma anche li trasforma".

Questa trasformazione fa la mostra, ennesima prova, questa volta con anche l'autorevole contributo di Fondazione Prada, che la distinzione tra fotografia e arte contemporanea non ha più, da decenni, alcun senso.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

L'arte in Casa Italia a PyeongChang: prospettiva contemporanea

L'arte in Casa Italia a PyeongChang: prospettiva contemporanea

PyeongChang (askanews) - Casa Italia ai Giochi olimpici invernali di PyeongChang è diventata un punto di riferimento e un modello per un'idea di ospitalità che è anche comunicazione culturale e promozione del nostro Paese davanti al pubblico non solo coreano, ma di tutto il mondo. Ma il progetto "Prospectum" rappresenta anche l'occasione per ammirare diverse opere di arte contemporanea che, senza ...

 
Bafta, Luca Guadagnino vince per il miglior adattamento

Bafta, Luca Guadagnino vince per il miglior adattamento

Londra, 19 feb. (askanews) - Continua il successo di Luca Guadagnino. Il suo film, "Chiamami col tuo nome" è stato premiato ai Bafta, gli Oscar inglesi, come miglior sceneggiatura non originale. I premi sono stati assegnati alla Royal Albert Hall di Londra in una cerimonia che ha visto sfilare le attrici in nero, proprio come ai Golden Globes, sull'onda degli scandali sugli abusi che hanno ...

 
Greenpeace e ClientEarth contro inquinamento atmosferico in Lazio

Greenpeace e ClientEarth contro inquinamento atmosferico in Lazio

Roma (askanews) - Greenpeace Italia e ClientEarth hanno inviato una diffida alla Regione Lazio, con la richiesta di adottare un "Piano di Risanamento per la Qualità dell Aria" che individui le misure necessarie a riportare i livelli di inquinamento atmosferico nel Lazio al di sotto dei valori di legge nel più breve tempo possibile. Le associazioni denunciano il ripetuto sforamento dei livelli di ...

 
Elezioni, Nencini: mi spaventano larghe intese Lega-M5s-Meloni

Elezioni, Nencini: mi spaventano larghe intese Lega-M5s-Meloni

Firenze, (askanews) - Dopo le elezioni del 4 marzo "nessuno dei tre schieramenti riuscirà a cogliere la maggioranza assoluta. La cosa che vedo oggi più probabile, e mi spaventa, sono larghe intese fra la Lega, i grillini e il partito della Meloni. Dio ci salvi e liberi!": lo ha detto Riccardo Nencini, vice ministro alle Infrastrutture promotore di Insieme, lista costituita da socialisti, verdi e ...

 
Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018

Il Musi’ trio in concerto al Foyer del Teatro Flavio Vespasiano.

RIETI

Il Musi’ trio in concerto al Foyer del Teatro Flavio Vespasiano.

Domenica 11 febbraio alle ore 17.00 presso il Foyer del Teatro Flavio Vespasiano, in occasione della stagione concertistica promossa dall’Assessorato alla cultura del Comune ...

06.02.2018

Alla Sala dei Cordari lo spettacolo "Pinocchio, un burattino contro il bullismo"

RIETI

Alla Sala dei Cordari lo spettacolo "Pinocchio, un burattino contro il bullismo"

Arriva a Rieti, presso Sala dei Cordari, il Teatro Umbro dei Burattini con lo spettacolo "Pinocchio, Le Avventure di un sognatore" (Sabato 20 gennaio, Sala dei Cordari ore 15....

18.01.2018