Welfare, Cerrato (Casagit): determinante ruolo sanità integrativa

"Le casse devono potersi aprire guardando a nuove alleanze"

17.07.2017 - 20:00

0

Roma, (askanews) - Daniele Cerrato, presidente appena rieletto della Casagit, la cassa di assistenza sanitaria integrativa dei giornalisti, affronta negli studi di askanews quelli che sono gli scenari di un nuovo welfare integrativo, le cui linee sono già evidenti, ma che vede ad esempio proprio le casse sanitarie alle prese con la sfida di rilanciare il proprio ruolo aprendosi ad altre categorie.

"Il ruolo della sanità integrativa è determinante, per una popolazione che, purtroppo nel caso dei giornalisti si va restringendo e quindi obbliga a cercare alleanze e a guardare fuori dai confini - dice Cerrato -. La nostra cassa ha 43 anni e nasce nel momento in cui il sistema di mutue lascia il passo al servizio sanitario nazionale, in quel momento nasce la casagit per volontà del sindacato. E nasce con l'intento particolare, cioè rispondere ad eventuali problematiche proprio del servizio sanitario nazionale. Ecco che allora come categoria decidiamo di dotarci di un altro tipo di mutua. Da questa visione iniziale, oggi dobbiamo ribaltare tutto: le casse di assistenza sanitaria, che sono numerose, devono trovare il modo per allargare le loro platee, perchè se non riescono ad intervenire laddove il servizio sanitario nazionale non riesce più ad intervenire, non si parla dei LEA ma per le malattie o interventi che pur non andando direttamente ad interagire con l'aspettativa di vita vedono però la necessità di essere risolte in tempi brevi".

Dal focus Casagit ad una riflessione su tutto il comparto della sanità integrativa:

"Le casse esistenti devono come detto potersi aprire, potersi allargare. Perchè hanno già un meccanismo, come nel nostro caso consolidato di 43 anni, con pratiche tutte svolte all'interno della Casagit, con 70 dipendenti. Non siamo un'assicurazione e non vogliamo esserlo. Non ci interessa entrare in competitizione con le assicurazioni, che possono agire su popolazioni o singoli, mentre noi agiamo sempre su chiavi contrattuali. Ma è chiaro che le casse devono potersi aprire, ed è questo il progetto che noi abbiamo - conclude Cerrato -. Abbiamo fatto un'intesa con Confcommercio, una con il Fasie, per altri 50 mila dipendenti del settore energetico, però a questo punto dobbiamo fare un altro passo, cambiare la natura della Casagit e farla diventare ad esempio una società di mutuo soccorso, nella quale altre popolazioni possono intervenire. E nel fare questo lavoro ci siamo aperti con Casagit Servizi ad altre popolazioni, e poi siamo passati dall'altra parte del tavolo. Cioè abbiamo cominciato anche a dare delle risposte offrendo servizi sanitari, con un Poliambulatorio aperto a tutti, dal cittadini che passa lì davanti e ha bisogno di una prestazione così come a tutte le altre casse o assicurazioni che hanno una convenzione stipulata con il Poliambulatorio. Nel Nord Europa da sempre soggetti come le nostre casse gestiscono interi ospedali, cliniche, poliambulatori. Noi siamo stati i primi ad avere il coraggio di buttarsi in questa sfida difficilissima, saranno determinanti i prossimi 4 anni, ma credo che non possa non avere un futuro, quando da una parte la sanità pubblica è costretta a ridurre il suo perimetro e dall'altra la gente ha bisogno comunque di avere delle tutele sanitarie".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

"Smetto quando voglio", l'ultimo colpo della banda con suspense

"Smetto quando voglio", l'ultimo colpo della banda con suspense

Roma (askanews) - L'avventura dei ricercatori diventati criminali è arrivata all'epilogo: il 30 novembre arriva nei cinema "Smetto quando voglio - Ad honorem", terzo film pieno di suspense della saga inventata e diretta da Sydney Sibilia. Pietro Zinni, interpretato da Edoardo Leo, è in carcere con tutta la sua banda, ma c'è un ultimo compito che deve affrontare: fermare il cattivo interpretato da ...

 
Il dramma del San Juan: ancora nessuna traccia del sommergibile

Il dramma del San Juan: ancora nessuna traccia del sommergibile

Buenos Aires (askanews) - Si fanno sempre più deboli le speranze di ritrovare in vita i 44 uomini di equipaggio del sommergibile argentino San Juan di cui una settimana fa si sono perse le tracce Secondo il quotidiano argentino "Clarin" sarebbe stato individuato un segnale a partire dal quale è stato isolato un nuovo perimetro di ricerche nell'Atlantico meridionale anche se il segnale non è ...

 
Come combattere riciclaggio e corruzione

Come combattere riciclaggio e corruzione

Roma, (askanews) - "Il fenomeno del riciclaggio continua a dimostrare purtroppo una grande "attualità" nel nostro Paese. Nell'ultimo anno sono state prossime alle centomila le operazioni sospette segnalate all'Unità informazioni finanziarie di Bankitalia, il che significa anche una maggiore attenzione da parte degli intermediari e dei professionisti". Lo afferma Fabrizio Vedana, vicedirettore ...

 
Enogastronomia, 2000 chef per promuovere le eccellenze italiane

Enogastronomia, 2000 chef per promuovere le eccellenze italiane

Napoli, (askanews) - Duemila chef provenienti da tutta Italia, ma anche arrivati dal Brasile, Belgio, Olanda, Francia e Argentina, si sono ritrovati alla Mostra d'Oltremare a Napoli per il ventinovesimo Congresso Nazionale della Federazione Italiana Cuochi. Tre giorni di incontri, show-cooking, degustazioni e dimostrazioni per promuovere le eccellenze italiane nel mondo e la cultura di una sana e ...

 
Gabriele Lavia

RIETI

La stagione di prosa apre con l'amore di Prévert con Gabriele Lavia

Un’apertura di alto profilo per una stagione che si preannuncia record. Sabato 25, alle 21, al teatro Flavio Vespasiano, andrà in scena il primo spettacolo di prosa previsto ...

22.11.2017

Fabrizio Frizzi a passeggio con la famiglia

L'esclusiva di "Chi"

Fabrizio Frizzi a passeggio con la famiglia

Fabrizio Frizzi passeggia con accanto la moglie Carlotta e la figlia Stella. Ecco le prime foto pubblicate in esclusiva dal settimanale "Chi" dopo l'ischemia che ha colpito ...

21.11.2017

Grande successo per il Trittico, spettacolo finale del Reate Festival

RIETI

Grande successo per il Trittico, spettacolo finale del Reate Festival

Le garbate ironie del Trittico italiano, Rota, Menotti, dall’Ongaro hanno conquistato il pubblico che venerdì ha riempito il Teatro Flavio Vespasiano. Tre brevi opere ...

18.11.2017