Ambasciatore libico: sui migranti serve una prospettiva positiva

Ahmed Safar: "Bisogna cambiare la percezione sull'Africa"

18.05.2017 - 15:30

0

Roma, (askanews) - Il 25 maggio ricorre l'anniversario della Giornata per l'Africa. Cambiare la percezione dell'Africa in Italia è il tema proposto nel 2017 dagli ambasciatori dei paesi africani in una tavola rotonda in programma a Roma il 23 maggio. Abbiamo chiesto all'ambasciatore libico in Italia, Ahmed Safar, come cambiare questa percezione:

"In generale penso che quello che vogliamo dire su questo tema è che le percezioni negative riguardo il continente africano non debbano prevalere rispetto a quelle positive. Si parla di uno dei luoghi della terra con le maggiori potenzialità anche per futuri sviluppi. Il Continente africano è sempre stato oggetto di dibattito riguardo molte questioni. Ovviamente la principale è la stabilità economica e politica e le questioni riguardanti la sicurezza, anche in termini di riduzione della povertà - ha dichiarato - quindi è ora di cominciare a guardare in maniera positiva a quello che si può fare in Africa e come trattare i problemi africani".

"Questo è un cambio di percezione che è assolutamente necessario e dal quale discendono le appropriate politiche per lo sviluppo. Perché se si comincia a pensare all'Africa in termini positivi si penserà in termini positivi anche alle politiche da impiegare. In realtà, finora abbiamo considerato solamente gli aspetti negativi: l'immigrazione, la sicurezza, la povertà, eccetera; e questo è un circolo vizioso perché la politica si trova a trattare sempre con le conseguenze di punti di vista negativi", ha aggiunto.

Ma come si può lavorare per attirare risorse in Libia sotto forma di investimenti per lo sviluppo anche al fine di ridurre il flusso di migranti, che rappresenta un problema sia per l'Italia che per l'Europa?

"Questo è un classico esempio di come vogliamo cambiare la percezione. Noi guardiamo sempre ai problemi dell'immigrazione illegale come a questione di sicurezza e pensiamo solo a come bloccare il flusso dei migranti ma la vera questione è perché le persone vogliono attraversare il Mediterraneo rischiando le loro vite, le vite dei loro familiari e abbandonando tutto quello che hanno, abbandonando le loro case. Queste sono scelte non facili e a queste dobbiamo pensare - ha spiegato, rilanciando - E io penso che se mettiamo il problema nella prospettiva positiva, pensando cioè a cosa si può fare per l'Africa, al fine di consentire agli africani di rimanere nei loro paesi, allora il problema cambia radicalmente. Ci sono molti modi per gestire questo tema, in un sistema internazionale guidato da organizzazioni internazionali e al tempo stesso bisogna trovare le potenzialità inespresse del Continente".

"Le nazioni, gli individui, cosa possono fare veramente e cosa possiamo fare noi per potenziare quello che sanno veramente fare e per fargli avere davvero un futuro migliore. Non è solamente una questione economica o le necessità per lo sviluppo, ma anche aiutarli a trovare la loro vera identità all'interno del vario mosaico delle identità africane. E questo comporta anche la stabilità politica. Quello che i paesi più sviluppati possono fare è aprire alle potenzialità e alle opportunità dell'Africa, promuovendo e sostenendo un cammino di sviluppo", ha aggiunto.

All'inizio di maggio ad Abu Dhabi c'è stato incontro tra il premier libico Al Serraj e il generale Haftar, che per molti ha rappresentato una significativa svolta negli sforzi per risolvere la crisi libica. Si parla di un secondo incontro in questi giorni al Cairo per ratificare tali accordi. Cosa ci può dire di più in merito?

Per mettere le cose nella giusta prospettiva, l'incontro fra Serraj e Haftar svoltosi ad Abu Dhabi è molto più significativo in termini simbolici perché rappresenta i libici che si riuniscono, in un certo modo, per discutere come possiamo uscire al meglio dalla crisi che stiamo vivendo in questo momento. Non si è ancora concretizzato in una qualche forma tangibile, ma è un primo passo molto molto positivo. Il meeting successivo al Cairo è il secondo passo verso la possibilità che il popolo libico si riunisca insieme per trovare una soluzione ed eliminare gli ostacoli. E anche questo è un passo in avanti molto importante perché noi dobbiamo rompere il ghiaccio fra tutti gli attori libici per avere davvero un processo inclusivo di accordi e al tempo stesso concretizzare il precedente accordo del 2015, e per far questo abbiamo bisogno che tutti si siedano attorno a un tavolo. Al tempo stesso ci deve essere un processo giusto che possa garantire gli interessi di tutte le parti in causa".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Malattia di Crohn: nuovo approccio potrebbe rivoluzionare le cure

Malattia di Crohn: nuovo approccio potrebbe rivoluzionare le cure

Roma, (askanews) - Un nuovo approccio diagnostico e terapeutico potrebbe rivoluzionare le strategie di cura della malattia di Crohn, patologia infiammatoria intestinale che colpisce prevalentemente in età giovanile e dopo i 65 anni. Lo ha evidenziato uno studio internazionale cui hanno preso parte anche ricercatori italiani. Fra loro, Alessandro Armuzzi, professore associato di Gastroenterologia ...

 
Nespoli rientra sulla Terra: vi spiego l'impatto dell'atterraggio

Nespoli rientra sulla Terra: vi spiego l'impatto dell'atterraggio

Roma, (askanews) - "L'atterraggio è sicuramente interessante, tutta la manovra. Io di solito la definisco come una sequenza di eventi catastrofici che si concludono con l'atterraggio morbido, che è un impatto tra un tir e un'utilitaria in autostrada e tu sei sull'utilitaria naturalmente": così l'astronauta Esa Paolo Nespoli, durante l'ultimo colloquio dall'Iss, la Stazione spaziale internazionale,...

 
Per la prima volta insieme tre chef stellati a Mosca

Per la prima volta insieme tre chef stellati a Mosca

Mosca, (askanews) - Andrea Ribaldone, Eugenio Boer e Luigi Nastri. Ben tre degli chef più amati della Michelin sono stati per la prima volta riuniti in ambasciata d Italia a Mosca, Villa Berg, per una cena legata alla settimana della Cucina Italiana nel Mondo e al bazar di beneficenza organizzato dalla nostra diplomazia. Cosa hanno combinato tutti insieme? Ce lo raccontano loro: "Ci siamo chiesti ...

 
Francesco De Carlo: negli attentati a Londra salvano la birra

Francesco De Carlo: negli attentati a Londra salvano la birra

Roma, (askanews) - "La cosa interessante da parte loro è che c'è quella foto molto divertente durante gli attacchi di un ragazzo che scappa con la birra in mano: ed è vero, questa foto racconta molto di loro perché l'atteggiamento che hanno a Londra è 'porca miseria, un'altra cosa dentro la metropolitana, quanto ci metto per tornare a casa', loro hanno questa cosa, ci convivono, ed è interessante,...

 
Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Golden Globe

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Annunciate a Los Angeles le candidature per la 75esima edizione dei Golden Globe 2018, che si terranno il 7 gennaio al Beverly Hilton Hotel, sede della manifestazione. Bene ...

11.12.2017

teatro flavio vespasiano

RIETI

Al Flavio finale nazionale del "Gran premio della danza"

Apertura questa mattina del teatro Flavio Vespasiano per ospitare la finale nazionale della IV edizione del “Gran premio della danza”, con la direzione artistica di Steve ...

09.12.2017

Al teatro Flavio c’è “Copenaghen” di Michael Frayn

RIETI

Al teatro Flavio c’è “Copenaghen” di Michael Frayn

Questa sera (venerdì 8), alle ore 21, al teatro Flavio Vespasiano, è in programma "Copenaghen" di Michael Frayn, opera teatrale con Umberto Orsini, Massimo Popolizio e ...

08.12.2017