I film tra arte e letteratura di Ben Rivers: frammenti nel tempo

In Triennale a Milano la prima personale dell'artista inglese

21.04.2017 - 13:30

0

Milano (askanews) - C'è una soglia da superare, all'inizio. Ed è una soglia sonora, che accoglie il visitatore della mostra di Ben Rivers alla Triennale di Milano ancora prima di accedere allo spazio espositivo vero e proprio. Una porta che è una sorta di specchio, per citare il Paese delle Meraviglie, da attraversare per entrare nel mondo dell'artista inglese, un videomaker che ha diretto a lungo la Cinemateque di Brighton e che nei suoi film unisce frammenti e materiali eterogenei in maniera dolce e irreale. Lasciando allo spettatore il dovere, in un certo senso, di perdersi nella narrazione.

"Io - ci ha detto Rivers - sono, in un certo senso, contrario alle spiegazioni. Mi piace avere una deliberata ambiguità, che secondo me è un modo per coinvolgere lo spettatore, facendogli intuire che è lui a poter completare questa narrazione nel modo che preferisce. Perché il film è completo solo con il contributo di chi lo guarda".

La mostra "Phantoms", prima personale di Rivers in una istituzione italiana, presenta tre film intorno ai quali è costruito un vero e proprio percorso e ruota, come ci ha spiegato la curatrice Lucia Aspesi, intorno all'atto di collezionare.

"Tutti i film in mostra sono legati a un concetto, che è quello della collezione, la collezione istituzionale dell'Harvard Museum che ha commissionato il film all'ingresso, e l'idea di collezione privata, che va a formare la storia di ciascun individuo e che in qualche modo crea la narrazione che poi attraversa diverse tracce e diversi tempi".

Inevitabile, con così tanti riferimenti alla narrazione, non chiedere a Ben Rivers, i cui lavori fanno pensare all'uso del frammento nell'opera di Kafka, per esempio, qual è il suo rapporto con la letteratura.

"La letteratura - ci ha risposto - è probabilmente la mia influenza più forte, più del cinema. Sono un lettore avido e penso che, in un certo senso, quello che cerco di fare con i miei film è molto vicino a ciò che fa la letteratura, sollecitando l'immaginazione dello spettatore come se fosse un lettore aprendo la possibilità di ripensare in molti modi diversi a quello che sta vedendo".

Una libertà di interpretazione e una molteplicità di sguardi che sono il collante dei materiali raccolti da Rivers e che rappresentano anche una opportunità di nuove vie per una istituzione come la Triennale che il giovane direttore artistico sta, con discrezione e constanza, continuando a battere.

"Sicuramente - ha concluso Lucia Aspesi - è una grande scommessa da parte di Edoardo Bonaspetti e da parte della Triennale il cercare di portare attenzione su questo medium, che in qualche modo sembra quasi obsoleto, ma che di fondo è profondamente contemporaneo, perché legato a quello che è il significato del tempo e della materialità delle cose".

La mostra di Ben Rivers resta aperta al pubblico fino al 28 maggio.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Distrugge fucile con la motosega, il video è virale. #Onelessgun

Distrugge fucile con la motosega, il video è virale. #Onelessgun

Roma, (askanews) - É diventato virale sul web il video pubblicato su Facebook da Scott-Dani Pappalardo, un uomo di New York che fa a pezzi il suo fucile con una motosega dopo aver rivolto a tutti un messaggio: "Ho preso una decisione, voglio essere certo che la mia arma non sarà mai in grado di uccidere una vita". Lui, da appassionato di tiro al bersaglio, dopo l'ennesima strage, quella di ...

 
Altro

EagleRay, il sottomarino aereo

Un drone o un areo? Un sottomarino aereo. Parliamo del primo veicolo senza pilota e ad ala fissa in grado di viaggiare sia nell'aria che sott'acqua, passando ripetutamente dall'una all'altra. Come si chiama? EagleRay XAV. A realizzarlo i ricercatori della North Carolina State University. Le applicazioni di questo originale veicolo a guida autonoma sono veramente molte. "Ad esempio - spiegano i ...

 
Mozambico: crolla discarica, 14 morti sotto montagne di rifiuti

Mozambico: crolla discarica, 14 morti sotto montagne di rifiuti

Maputo (askanews) - Almeno quattordici persone sono morte, sepolte in una montagna di rifiuti, in Mozambico. A causa delle piogge torrenziali che hanno colpito la capitale del paese africano, Maputo, è crollata una discrica. Giganteschi cumuli di rifiuti hanno travolto delle fragili abitazioni nel quartiere di Hulene, nella banlieue di Maputo, uccidendo diverse persone mentre dormivano. Cinque ...

 
Scandalo prostituzione, Oxfam si scusa con il governo di Haiti

Scandalo prostituzione, Oxfam si scusa con il governo di Haiti

Port au Prince, 19 feb. (askanews) - Oxfam si è scusata per la prima volta pubblicamente con il governo di Haiti, dopo le notizie sullo scandalo prostituzione che ha offuscato l'immagine della ong, esprimendo la propria "vergogna" e promettendo di fare di più. "Siamo arrivati qui per condividere il rapporto con il ministro ed esprimere la nostra vergogna e le nostre scuse al governo e al popolo ...

 
Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018

Il Musi’ trio in concerto al Foyer del Teatro Flavio Vespasiano.

RIETI

Il Musi’ trio in concerto al Foyer del Teatro Flavio Vespasiano.

Domenica 11 febbraio alle ore 17.00 presso il Foyer del Teatro Flavio Vespasiano, in occasione della stagione concertistica promossa dall’Assessorato alla cultura del Comune ...

06.02.2018

Alla Sala dei Cordari lo spettacolo "Pinocchio, un burattino contro il bullismo"

RIETI

Alla Sala dei Cordari lo spettacolo "Pinocchio, un burattino contro il bullismo"

Arriva a Rieti, presso Sala dei Cordari, il Teatro Umbro dei Burattini con lo spettacolo "Pinocchio, Le Avventure di un sognatore" (Sabato 20 gennaio, Sala dei Cordari ore 15....

18.01.2018