I gay perseguitati in Cecenia costretti all'esilio in Russia

Un esule: "Se la mia famiglia sapesse, mi ucciderebbe"

20.04.2017 - 16:30

0

Milano (askanews) - La Russia è un Paese che più di una volta ha mostrato il suo volto omofobo, eppure per molti giovani omosessuali ceceni è diventata una terra di salvezza. Come per Ilia, fuggito dopo essere stato aggredito in un bosco da degli uomini in uniforme militare.

"Ho veramente paura, sapevo cosa avrei passato, sapevo cosa mi avrebbero fatto. Mi hanno trascinato fuori dalla macchina, hanno cominciato a picchiarmi e umiliarmi. Mi dicevano che i gay in Cecenia non devono esistere".

Il dramma degli omosessuali in Cecenia, un paese governato dal fedelissimo di Putin, Kadyrov, è emerso grazie all'inchiesta di Novaya Gazeta, il giornale per cui scriveva Anna Politkovskaja, che ha rivelato l'esistenza di prigioni segrete in cui centinaia di omosessuali sono imprigionati e torturati.

Ma le autorità non sono l'unica minaccia in questo paese musulmano conservatore in cui l'omosessualità è un tabù in tutta la società.

"Se la mia famiglia avesse saputo che sono gay, mi avrebbe ucciso da molto tempo - dice un altro ragazzo ceceno rifugiatosi in Russia - Mi avrebbero ucciso con le loro mani, essere apertamente gay è impossibile per noi".

E con uno Stato che ha negato l'esistenza delle prigioni perché "in Cecenia gli omosessuali non esistono", la situazione non promette di migliorare a breve.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Grandi (Unhcr): migranti in mare vanno sempre soccorsi

Grandi (Unhcr): migranti in mare vanno sempre soccorsi

Tripoli (askanews) - No alla chiusura dei porti, sì a una redistribuzione più equilibrata dei migranti. Alla vigilia della Giornata internazionale del rifugiato, indetta dalle Nazioni Unite, che si celebra oggi il capo del Unhcr, Filippo Grandi, è tornato sulla questione della crisi dei migranti. "E' chiaro che, aldilà di qualsiasi discussione politica, chi è in difficoltà in mare deve essere ...

 
Chiara Frontini, il terremoto del primo turno: così ripulirò Viterbo
Intervista alla candidata sindaco civico alla vigilia del ballottaggio

Chiara Frontini, il terremoto del primo turno: così ripulirò Viterbo

Alla vigilia del primo turno non molti scommettevano su di lei. Invece Chiara Frontini è stata la sorpresa. Come ce l'ha fatta? “Stando tra le persone. Il nostro valore aggiunto è stato sempre il contatto umano con la gente. In mezzo alla gente ci siamo stati negli ultimi 6 anni. C'eravamo anche quando non era campagna elettorale, per questo i viterbesi ritengono il nostro progetto più credibile ...

 
Plastic Odyssey, il catamarano alimentato dai rifiuti in plastica

Plastic Odyssey, il catamarano alimentato dai rifiuti in plastica

Roma, (askanews) - Combattere l'inquinamento degli oceani navigando in tutto il mondo con un catamarano alimentato da plastica riciclata. É la sfida del progetto Plastic Odyssey. Il prototipo del catamarano, soprannominato Ulisse, e lungo sei metri, è stato presentato a Concarneau, in Bretagna. E' dotato di un piccolo laboratorio in grado di trasformare i rifiuti di plastica in carburante navale ...

 
Wind Tre: nuova cultura aziendale all'insegna dell'innovazione

Wind Tre: nuova cultura aziendale all'insegna dell'innovazione

Roma, (askanews) - Una nuova cultura aziendale che, attraverso i processi attivati nei rapporti tra dipendenti ed azienda, permette di essere realmente innovativi. Ne parla, negli studi televisivi di Askanews, Rossella Gangi, Direttore Human Resources di Wind Tre, la compagnia guidata da Jeffrey Hedberg, protagonista sul mercato nazionale per qualità di servizi, processi innovativi e tecnologici. ...

 
Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

RIETI

Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

Giovedì 21 giugno alle ore 19.00 presso la Chiesa di San Rufo a Rieti,  concerto di Musica barocca, in occasione della Festa Europea della Musica, con Sandro Sacco al Flauto ...

17.06.2018

Emozioni nel cuore dell'Italia con Lino Guanciale e Davide Cavuti

CITTAREALE

Emozioni dai luoghi colpiti dal sisma con Lino Guanciale e Davide Cavuti

Dopo la convivialità del Teatro delle Ariette andata in scena lo scorso 8 giugno, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma con I SOGNATORI HANNO I ...

14.06.2018

teatro da mangiare

CITTAREALE

Va in scena "Teatro da mangiare?"

Dopo la magia del circo di Nicole & Martin andata in scena lo scorso aprile ad Amatrice, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma del 2016, questa ...

08.06.2018