Vietato dire non ce la faccio più

Noi, i coetanei di Michele

13.02.2017 - 13:03

0

Un trentenne che si toglie la vita e la sua lettera di addio che, per volontà dei genitori, è stata divulgata. Sta poi alla morale, prima ancora che del giornalista, dell'uomo trattare con assoluto rispetto la vita e la morte di una persona.
Michele si è ucciso a 30 anni e scavare nella sua vita sarebbe non solo privo di etica, ma anche inutile. Ciò che possiamo fare invece è riflettere, leggere il suo j'accuse contro una società del precariato. Perchè quelle righe hanno commosso tutti, ma soprattutto noi, i coetanei di Michele.
Ci siamo rivisti in quelle parole, piene di rabbia e dolore. Noi che sentiamo che qualcuno ci ha portato via sogni e prospettive. Noi che in questa società liquida, come l'aveva definita Zygmunt Bauman, a volte ci sentiamo affogare. Perché anche chi è più fortunato e il lavoro ce l'ha, addirittura "fortunatissimo" perché svolge il lavoro per cui ha studiato, si sente sempre in bilico, oscillando tra contratti per il futuro sì, ma a breve termine. E in un effetto domino quel precariato diventa anche quello dei sentimenti, in cui le certezze terrorizzano e gli impegni diventano qualcosa che non ci sentiamo all'altezza di mantenere. I trentenni di oggi, 10 anni fa non si sarebbero immaginati così. 10 anni fa ci avevano detto che andava bene qualsiasi Facoltà, lavoro c'era per tutti, "un po' di disoccupazione è fisiologica", potevamo sognare un posto fisso, una casa tutta nostra, un matrimonio e dei figli. Quelle aspettative sono state tradite. E allora abbiamo dovuto reinventarci. Abbiamo scoperto che si può stare giornate intere a mandare curriculum vitae a cui nessuno risponderà, abbiamo utilizzato la parola application form almeno una volta al giorno, abbiamo visto i nostri più cari amici partire per cercare lavoro lontano, siamo partiti noi per cercare lavoro lontano, ci siamo formati "meglio e di più" nell'attesa di qualcosa di "meglio e di più", ci siamo scoperti degli ottimi viaggiatori passando buona parte della settimana in auto o su mezzi scomodi e sporchi per poterlo raggiungere quel lavoro che ci teniamo strettissimo, abbiamo imparato che le relazioni non sono più quelle dei nonni "per sempre", ma sono quelle del "giorno per giorno" e ci vuole tanto coraggio a scegliersi di nuovo ogni giorno, abbiamo capito che fare un figlio non è una tappa obbligata, ma una scelta di grande responsabilità che siamo liberi di non fare. Abbiamo imparato che la riconoscenza è un grande valore proprio per le volte che ci è stata negata, quando dopo l'ennesimo mese di stage sottopagato, siamo stati messi da parte per far posto al nuovo stagista da sottopagare. Abbiamo imparato che ci vuole rispetto per le persone più grandi, se però quelle persone più grandi hanno rispetto per noi e un po' di consapevolezza di quanto per noi tante mete siano più complicate da raggiungere. Abbiamo imparato che siamo migliori di quanto pensavamo, che molti dei nostri sogni non si sono realizzati e forse non si realizzeranno mai, ma ce ne sono altri che ci aspettano e che richiedono tutta la nostra fiducia nella vita e nelle nostre capacità. La morte di Michele non sarà stata vana se porterà i trentenni a riflettere su quanto si può essere forti e quelli che i trenta li hanno superati da un pezzo, che c'è da darsi da fare per una generazione-risorsa a cui riconoscere un valore.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Fioccano i turisti allo zoo di Tokyo, panda Shin Shin è incinta

Fioccano i turisti allo zoo di Tokyo, panda Shin Shin è incinta

Roma, (askanews) - Allo zoo Ueno di Tokyo, un esemplare femmina di panda, Shin Shin, di 11 anni, mostra i segni della gravidanza dopo un accoppiamento con il panda maschio Ri Ri. I visitatori possono vederla e fotografarla, ma ancora solo per poche ore. "Sono venuta in particolare per vedere un'ultima volta Shin Shin, che non potrà più essere vista in pubblico da domani, perché potrebbe essere ...

 
Venezia, una fondazione per comunicare e promuovere la cultura

Venezia, una fondazione per comunicare e promuovere la cultura

Venezia (askanews) - Una nuova fondazione culturale per promuovere e salvaguardare il meglio di Venezia, la sua identità, il suo patrimonio artistico e la sua offerta culturale. Sono questi gli obiettivi che si pone la Fondazione delle Arti della città lagunare, che ha posto la propria sede nello storico Palazzetto Pisani, affacciato sul Canal Grande e sulla Dogana. Presidente e direttore ...

 
Mafia, giudice Giordano: io non invitato a celebrazioni Falcone

Mafia, giudice Giordano: io non invitato a celebrazioni Falcone

Palermo (askanews) - Venticinquesimo anniversario dalla strage di Capaci con polemica a Palermo. Alle celebrazioni per ricordare Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e i tre agenti di scorta uccisi il 23 maggio 1992 si è registrato un illustre assente: Alfonso Giordano, il presidente del Maxiprocesso. "Sarei stato volentieri uno spettatore perché si trattava di ricordare Giovanni ...

 
“Primavera in JAZZ”: D’Incà in doppio concerto al piccolo teatro dei Condomini

RIETI

“Primavera in JAZZ”: D’Incà in doppio concerto al piccolo teatro dei Condomini

Si terrà sabato 27 maggio 2017 con un doppio concerto alle ore 18.30 e alle ore 21.30 presso il Piccolo Teatro dei Condomini  l’ appuntamento della rassegna musicale ...

23.05.2017

“A cena con messer Boccaccio”, la cultura incontra l'enogastronomia

RIETI

“A cena con messer Boccaccio”, la cultura incontra l'enogastronomia

Il “Teatro Rigodon” di Rieti porta in scena le novelle del Decameron con l’accompagnamento musicale del gruppo ”Mattia Caroli e i Fiori del Male”.  La prima stagionale ...

22.05.2017

"La città vota", l'ironia di Luca e Germano sulle prossime elezioni

RIETI

"La città vota", l'ironia di Luca e Germano sulle prossime elezioni

Far sorridere e far riflettere sui reatini e sulla reatinità: questo è l’obiettivo che si prefigge, da oltre dieci anni, il duo Luca e Germano. E quale occasione migliore per ...

14.05.2017