toa mata band

RIETI

Al Depero Club Lego e musica con la Toa Mata Band

07.01.2016

0

Per il club di Via Terenzio Varrone l’anno nuovo riparte alla grande: i primi a salire sul palco per il primo venerdì del 2016 sono i Toa Mata Band, una band del tutto singolare che sta facendo divertire e ballare l’Italia intera. Avreste mai pensato che i Lego della vostra infanzia, gelosamente custoditi in soffitta potessero animarsi e dare vita ad una band di musica elettronica degna dei migliori dancefloor? Ci ha pensato Giuseppe Acito, classe 1967, tecnico del suono free-lance, sound designer e produttore di musica elettronica. La voglia di sperimentare, la passione per gli strumenti musicali elettronici, la computer music e soprattutto per i Lego ha dato vita all’orchestra meccatronica ideata e concepita da Giuseppe Acito nel suo studio Opificio Sonico: composta da otto piccoli personaggi della serie LEGO Bionicle, programmati per suonare drum-synth, percussioni acustiche e smartphones che prendono vita grazie ad Arduino, un hardware made in Italy. Il progetto ha debuttato sul web col videoclip "EPISODE1" pubblicato su You Tube nel Marzo 2013, che in pochissimo tempo ha attirato l'attenzione di migliaia di appassionati da tutto il mondo, oltre che aver meritato ammirati post sui blog di Wired, The Creators Project, Arduino, Make Magazine, Discovery News, Synthtopia e molti altri. Di recente, la band robotica Lego si è esibita anche negli studi di Radio Deejay, subito dopo la seguitissima trasmissione “Albertino Everyday”. Appuntamento a venerdì 8 gennaio, ore 22.30, per un’esibizione da ascoltare, ma sicuramente anche da guardare!

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Karim Mihoual e sua moglie Hanane Tardane abitano all'interno delle Case Bianche di via Salomone a Milano con i loro tre figli. In occasione della sua visita in città, Papa Francesco ha bussato alla loro porta: "Io sono musulmano, ma per me lui è un santo. Ha bevuto il latte con noi e abbiamo parlato della nostra condizione qui nelle case popolari. Quando è andato via gli ho baciato la mano", ...