Anche alle Egadi troppa plastica nelle tartarughe

Anche alle Egadi troppa plastica nelle tartarughe

Vengono curate a Favignana nel Centro di primo soccorso dell'Amp

28.06.2018 - 09:45

0

Favignana (Trapani), 28 giu. - (AdnKronos) - Ami e lenze nello stomaco, impatti con imbarcazioni, ma soprattutto tanta, troppa plastica trovata in tutte le tartarughe marine curate e salvate dal Centro di primo soccorso dell'Area marina protetta delle isole Egadi. Perché di plastica in mare ce n'è troppa e loro, le tartarughe, la scambiano per meduse o pesci, insomma per cibo, e la ingeriscono.

Dal 2015, data dell'apertura della sua apertura, in questo Centro di primo soccorso che si trova a Favignana sono arrivate 42 tartarughe (otto solo quest'anno) di cui il 60% recuperate e rilasciate in mare in perfetta salute, le altre decedute a causa di lenze ingerite che avevano compromesso in maniera irrimediabile l'intestino. Il comune denominatore? Al di là del danno o della ferita che presenta la singola tartaruga, tutte hanno ingerito plastica.

Nella maggior parte dei casi, poi, le tartarughe arrivano per problemi di galleggiamento dovuti proprio all'ingestione di plastica. "L'ingestione della plastica provoca delle bolle d'aria nello stomaco delle tartarughe che così non riescono più ad andare a fondo, e quindi a mangiare. Restando a galla poi aumenta anche il rischio di impatti con le barche", spiega Daniela Sammartano dell'Amp Isole Egadi.

Una volta portate al centro, le tartarughe vengono alimentate, in alcuni casi con aggiunta di una sostanza oleosa che aiuta il transito intestinale e quindi l'eliminazione della plastica, anche frammenti di grandi dimensioni e tappi.

Il centro è gestito direttamente dell'Amp ed è composto da due strutture: una, comprende ambulatorio, sala operatoria e quattro vasche e ospita le tartarughe appena trovate e che devono essere curate; nell'altra, lo stabulario realizzato con fondi straordinari del ministero dell'Ambiente, si trovano gli animali in pre-liberazione, quelli quasi pronti per tornare in mare.

A portare le tartarughe nel centro sono soprattutto i diportisti. Ma cosa si deve fare se si avvista una tartaruga marina in difficoltà? "Se possibile, prenderla e consegnarla o alla Capitaneria di porto o al centro di primo soccorso. Se non è possibile allertare uno o l'altro, abbiamo un numero dedicato attivo h24", spiega Sammartano.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Salvini querela Saviano, Delrio: "Incommentabile, ministro che minaccia chi osa dissentire"

Salvini querela Saviano, Delrio: "Incommentabile, ministro che minaccia chi osa dissentire"

(Agenzia Vista) Napoli, 19 luglio 2018 Salvini querela Saviano, Delrio incommentabile, ministro che minaccia chi osa dissentire Il capogruppo del Partito Democratico, Graziano Delrio, incontra presso la sede del consiglio comunale i giovani amministratori Dem della Campania."Incommentabile, ministro che minaccia chi osa dissentire". Queste le parole di Delrio ai giornalisti sulla querela del ...

 
PD, Delrio: "Mettere da parte le correnti e ripartire dalla gente"

PD, Delrio: "Mettere da parte le correnti e ripartire dalla gente"

(Agenzia Vista) Napoli, 19 luglio 2018 PD, Delrio mettere da parte le correnti e ripartire dalla gente Il capogruppo del Partito Democratico, Graziano Delrio, incontra presso la sede del consiglio comunale i giovani amministratori Dem della Campania. "Bisogna mettere da parte le correnti e ripartire dalla gente". Queste le parole di Delrio. AltrimondiNews Fonte: Agenzia Vista / Alexander ...

 
26 anni dopo via D'Amelio, Palermo ricorda Borsellino

26 anni dopo via D'Amelio, Palermo ricorda Borsellino

Palermo (askanews) - Ventisei anni dopo Palermo si è ritrovata ancora una volta in via D'Amelio per ricordare il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della sua scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Sul palco allestito davanti all'albero che ricorda la strage di Via D'Amelio del 19 luglio 1992, sono saliti in tanti per testimoniare il ...

 
Tabacco in Umbria, tradizione, innovazione e tutela della salute

Tabacco in Umbria, tradizione, innovazione e tutela della salute

Perugia, (askanews) - Riduzione del danno e sostenibilità economico-sociale della filiera tabacchicola. Su queste due direttrici si muove l'azione congiunta di Philip Morris Italia e Coldiretti illustrata nella tavola rotonda "Il tabacco in Umbria - tra innovazione, tradizione e tutela della salute" svoltasi a Perugia e che ha messo attorno allo stesso tavolo istituzioni, mondo medico-scientifico ...

 
Torna “Jazz in Chiostro”, cultura e musica a Sant'Agostino

RIETI

Torna “Jazz in Chiostro”, cultura e musica a Sant'Agostino

Il Coro e l'Orchestra D'altroCanto, con il patrocinio del Comune di Rieti e del Conservatorio “A. Casella” de L'Aquila, presentano “Jazz in Chiostro 2018”. La manifestazione, ...

02.07.2018

Docenti di Strumento musicale di Rieti al Wind Summer Festival 2018

RIETI

Docenti di Strumento musicale di Rieti al Wind Summer Festival 2018

L’Istituto Comprensivo “Forum Novum” di Torri in Sabina, in provincia di Rieti, ritorna sul palcoscenico internazionale con i suoi docenti di strumento musicale: Vincenzo ...

02.07.2018

L'artista reatino Carlo Valente scelto per l'Agri Cool Tour Festival 2018

RIETI

L'artista reatino Carlo Valente scelto per l'Agri Cool Tour Festival 2018

E’ Carlo Valente, talentuoso cantautore reatino, l'artista scelto quest’anno  per l'“AGRI COOL  TOUR Festival 2018”, il format di concerti ideato e promosso da Isola Tobia ...

26.06.2018