immigrati

RIETI

Settemila immigrati sul territorio, concentrati in particolare nel capoluogo e in Sabina

21.04.2017 - 15:43

0

Il fenomeno dei migranti in città e in provincia è sempre più visibile. E in un territorio come quello di Rieti, con 157mila abitanti, e un capoluogo che conta circa 47mila anime, si può dire che la loro presenza si nota eccome.

Più migranti in città In modo particolare, da un paio di anni a questa pare la loro presenza è aumentata ed è evidente che con la crisi, soprattutto occupazionale, che coinvolge il nostro territorio, spesso non sono ben visti. Si parla di integrazione, di tolleranza, principi che, in un Paese civile dovrebbero certamente essere presenti, ma quando la vita è particolarmente dura già nei luoghi in cui si vive, per coloro che ci sono nati, probabilmente risulta non facile accettare di buon grado e ospitare persone straniere che hanno un costo per la collettività.
Extracomunitari sul territorio La provincia conta circa 7.000 immigrati extracomunitari (fonte Prefettura) titolari di permesso di soggiorno a vario titolo. La maggiore presenza si riscontra nel comune capoluogo e in Sabina. Di questi, 1.180 sono titolari di protezione internazionale o di permesso di soggiorno per motivi umanitari, mentre i richiedenti asilo sono 575.
Centri di accoglienza Sul territorio provinciale sono presenti varie tipologie di centri di accoglienza, in particolare ci sono 8 Sprar (sistema di accoglienza per richiedenti asilo e rifugiati) che offrono in totale 200 posti circa: 2 sono del Comune di Rieti (uno per adulti e uno per minori stranieri non accompagnati), 2 del Comune di Cantalice (uno per posti ordinari e uno per disagiati mentali), 1 a Cittareale, 1 a Fara Sabina e rispettivamente uno dell'Unione dell'Alta Sabina e un ultimo della Bassa Sabina. Oltre agli Sprar, ci sono i Cas (Centri di accoglienza straordinaria) gestiti dalla Prefettura per il tramite di 11 enti gestori, dove attualmente sono accolti circa 520 richiedenti protezione internazionale; per lo più uomini soli, ma sono presenti anche donne e famiglie.

Nazioni di origine Le nazioni di origine dei migranti presenti sono, nell'ordine: Nigeria, Gambia, Costa d'Avorio, Pakistan, Bangladesh. Dei 520 richiedenti protezione internazionale, quasi 400 sono ospitati nel comune capoluogo, i restanti in provincia. Per quanto riguarda possibili arrivi, al momento non ne sarebbero previsti. Tuttavia, per evitare eventuali, successivi affidamenti diretti, nel bando di gara aperta per l'accoglienza di cittadini stranieri è stata prevista una quota massima di 750 richiedenti protezione internazionale, comprensiva di quelli già presenti sul territorio.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Presidenziali, Francia al voto: incognite terrorismo e indecisi

Presidenziali, Francia al voto: incognite terrorismo e indecisi

Parigi (askanews) - La Francia si presenta alle urne per l'elezione del nuovo presidente con l'incubo incombente del terrorismo islamista e nel segno dell'incertezza. Mentre il voto per il primo turno ha già avuto inizio all'estero, con St. Pierre e Miquelon che hanno dato il via alle elezioni alle 8 del mattino locali, precedendo Guyana e Antille, l'esito finale resta più che mai incerto. ...

 
Ania, "scatola nera" in auto per polizze e servizi migliori

Ania, "scatola nera" in auto per polizze e servizi migliori

Napoli (askanews) - Al convegno "Black Box" svoltosi a Napoli il 22 aprile 2017 con il patrocinio del Comune, si è parlato di "scatola nera", un congegno elettronico che non viaggia più solo sugli aerei ma sempre più spesso anche sulle auto. Si tratta di un dispositivo elettronico che registra una grande quantità di dati sulla condotta e lo stile di guida di un assicurato, uno strumento utile per ...

 
Orrore in Egitto: video di soldati che uccidono uomini disarmati

Orrore in Egitto: video di soldati che uccidono uomini disarmati

Il Cairo (askanews) - In queste drammatiche immagini, la realtà di una guerra feroce e senza esclusione di colpi. Nel video postato in rete da attivisti dell'opposizione egiziana si vedono soldati in divisa che uccidono a sangue freddo persone disarmate per poi inscenare una falsa ricostruzione al fine di far credere che le vittime siano morte in combattimento. Le esecuzioni sommarie sarebbero ...