casa di riposo Manni

RIETI

Manni, dopo il tavolo col prefetto assemblea e stato di agitazione

16.02.2017 - 12:16

0

Assemblea permanente e stato di agitazione dei lavoratori. Questi i primi effetti della situazione di stallo sull'ex Manni dopo l'annunciata chiusura della struttura fissata dalla cooperativa Quadrifoglio per la fine di marzo e il sostanziale nulla di fatto del tavolo convocato dalla Prefettura di Rieti al quale hanno partecipato i rappresentanti sindacali di Cgil, Cisl e Uil. Il tempo scorre e, al momento, non sembrano registrarsi novità sulla possibilità che la trattativa tra Comune di Rieti e Quadrifoglio venga riaperta. L'assessore al bilancio, Paolo Bigliocchi, ha confermato nei giorni scorsi che la lettera ufficiale per un nuovo tavolo è stata effettivamente inviata a Pinerolo ma, pare di capire, al momento la Quadrifoglio non ha alcuna intenzione di tornare nuovamente a sedersi, volendo prima vedere riconosciuti i crediti vantati nel Comune. Crediti, lo ricordiamo, saliti fino a 5,5 milioni di euro a fine 2016 dai 4,5 già accumulati a fine 2012. Eppure, nonostante appunto ad oggi non sembrano esserci sostanziali novità nella vertenza, dialogando con alcuni degli attori della vicenda il fantasma della trattativa continua ad aleggiare. Lo si intuisce anche parlando con i rappresentanti sindacali che hanno subito preso in mano la situazione per difendere gli interessi dei circa quaranta lavoratori ma che, in fondo in fondo, sembrano ancora nutrire qualche speranza sulla riapertura della trattativa tra le parti.  "Il prefetto si è impegnato ad inviare una nota al Comune e alla Quadrifoglio per chiedere ufficialmente la riapertura della trattativa - spiega il segretario della Cgil, Walter Filippi - è chiaro che noi pretendiamo tempi strettissimi perché non si può arrivare a marzo senza capire cosa accadrà. Anche perché abbiamo necessità di tempi adeguati per attivare tutta una serie di procedure e tutele. Quindi vogliamo capire se effettivamente il tavolo di confronto tra Comune e Quadrifoglio procede, e in tal caso l'allungamento dei tempi potrebbe anche essere comprensibile, oppure se siamo di fronte a una rottura totale e definitiva". In quest'ultimo caso, lo scenario peggiore chiaramente, "siamo pronti a mobilitare la città perché qui si sta parlando di welfare, di servizi sociali, delle persone più deboli e per difendere questo tipo di servizi siamo intenzionati a coinvolgere tutte le categorie e tutta la popolazione in varie forme di lotta". 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Egitto in lutto commemora 75esimo della battaglia di El Alamein

Egitto in lutto commemora 75esimo della battaglia di El Alamein

El Alamein (askanews) - Le autorità egiziane e più di 35 delegazioni straniere hanno commemorato il 75esimo anniversario della battaglia di El Alamein del 1942, importante vittoria alleata sui nazisti, in un Egitto in lutto per la morte ieri in un attentato di almeno 35 poliziotti. La cerimonia si è svolta al cimitero della Commonwealth War Graves Commission, dove riposano i resti dei soldati ...

 
Ue, Boccia a Berlusconi: no doppia moneta, nodo è produttività

Ue, Boccia a Berlusconi: no doppia moneta, nodo è produttività

Capri (askanews) - Il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, boccia la proposta di doppia moneta lanciata dal leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, dal palco del convegno dei giovani imprenditori. "No, non ci convince la doppia moneta - ha detto Boccia a margine del meeting degli under 40 di Confindustria - riteniamo che possa incrementare solo elementi inflattivi. La grande sfida del ...

 
Spagna, governo ricorre ad articolo 155: destituzione Puigdemont

Spagna, governo ricorre ad articolo 155: destituzione Puigdemont

Madrid (askanews) - Il governo centrale spagnolo di Mariano Rajoy, riunito in un Consiglio dei ministri durato un paio di ore, ha deciso di fare ricorso all'Articolo 155 della Costituzione per revocare una serie di prerogative della Generalitat della Catalogna, il governo regionale autonomo, dopo che questo ha fatto votare un referendum per l'indipendenza. "Applichiamo l'Articolo 155 della ...

 
A ciascun piatto la sua pentola: la sfida di Agnelli da 110 anni

A ciascun piatto la sua pentola: la sfida di Agnelli da 110 anni

Milano, (askanews) - Per ogni cottura ci vuole la pentola giusta. Da 110 anni è questo principio che ispira un'azienda simbolo del made in Italy, la Pentole Agnelli, presenza immancabile nelle cucine dei grandi chef di tutto il mondo. E non solo. E pensare che tutto ebbe inizio con un metallo considerato prezioso all'inizio del secolo scorso: "Nonno Baldassare nel 1907 inizia a utilizzare ...

 
Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Il fatto

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Dalla fame all'indigenza. E' la storia di Marco Della Noce, celebre comico di Zelig. Il cabarettista, del quale è impossibile dimenticare il personaggio di Oriano Ferrari, ...

19.10.2017

L’esibizione del R.J.O. Combo apre la stagione concertistica al Flavio

RIETI

L’esibizione del R.J.O. Combo apre la stagione concertistica al Flavio

Si apre domenica 22 ottobre, alle 17, nel foyer del teatro Flavio Vespasiano, la nuova stagione concertistica. Gli eventi in programma, che saranno presentati nel loro ...

19.10.2017

Berlusconi VS Sorrentino

Film e polemiche

Berlusconi VS Sorrentino

Dalla conferenza per appoggiare il referendum sull'autonomia in Lombardia e Veneto, Silvio Berlusconi coglie l'occasione di rispondere a una domanda sul nuovo film di Paolo ...

18.10.2017