Illica, una frazione completamente cancellata

ACCUMOLI

Il grido di Accumoli: "Stanno scomparendo i segni distintivi della nostra comunità”

15.02.2017 - 18:26

0

Il comitato civico “Radici Accumolesi” ha lanciato l'ennesimo appello alle autorità affinché prendano una volta per tutte in seria considerazione la messa in sicurezza dei siti storici del comune di Accumoli. "Le persone sono amareggiate dal fatto che a poco a poco stanno scomparendo i segni distintivi, sia civili che religiosi, della nostra comunità - ha detto Renzo Colucci, presidente del comitato - , i pochissimi simboli del nostro passato ancora in piedi, come la torre civica e il palazzetto del Podestà, sono privi di sicurezza e non si hanno notizie rassicuranti circa la loro sistemazione. Altro capitolo - ha proseguito Colucci - la messa in sicurezza delle chiese di Accumoli e frazioni e il recupero delle opere d'arte in esse custodite. Negli uffici della Dicomac ho notato, mio malgrado, che le ‘risposte’ sono legate all'impotenza dovuta alle moltissime chiese bisognose di salvaguardia (tutto il cratere ne conta circa 3.700) e alla difficoltà di dettare le priorità. Alla distruzione totale in cui versa il nostro territorio, alla difficoltà di ricostruire il patrimonio immobiliare e soprattutto alla difficoltà di rigenerare i tessuti sociale e produttivo non può aggiungersi anche la cancellazione dei simboli della nostra comunità. Perdere ora le ultime testimonianze del nostro passato - ha concluso il presidente di Radici Accumolesi - significherebbe perdere la nostra identità e le nostre radici storiche. Sarebbe un colpo mortale per il nostro futuro, da cui difficilmente il nostro territorio uscirà indenne".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Applausi e abbracci, l'arrivo di Gabriele Del Grande in Italia

Applausi e abbracci, l'arrivo di Gabriele Del Grande in Italia

Bologna (askanews) - Gli abbracci della sua famiglia e gli applausi di amici e colleghi hanno accolto l'arrivo di Gabriele Del Graned all'aeroporto di Bologna. Il giornalista è arrivato in mattinata in Italia dopo essere stato rilasciato dalle autorità turche che quasi due settimane fa lo avevano fermato al confine con la Siria, trattenendolo senza un'imputazione precisa. Ad accogliere Del Grande ...

 
Del Grande libero, Alfano: presunto riscatto? Non dite follie

Del Grande libero, Alfano: presunto riscatto? Non dite follie

Bologna (askanews) - "Noi avevamo il compito di riportare a casa Gabriele, missione compiuta". Con queste parole il ministro degli Esteri Angelino Alfano ha salutato il ritorno a casa di Gabriele Del Grande, accogliendolo all'aeroporto di Bologna, dove è atterrato dopo il suo rilascio da parte delle autorità turche. "Ringrazio il collega della Turchia e il governo turco perchè anche nei momenti ...

 
Chi è Macron, l'outsider che ha conquistato la Francia

Chi è Macron, l'outsider che ha conquistato la Francia

Parigi (askanews) - "Nè di destra nè di sinistra", ministro della Repubblica per due anni ma fuori dai giochi di partito, di ispirazione liberale in economia, di sinistra sulle questioni sociali. E' con questo profilo da outsider che Emmanuel Macron ha conquistato la Francia. La candidatura dell'ex ministro dell'economia nel governo Valls era stata sottovalutata: 39 anni, nessuna esperienza ...

 
Chi è Marine Le Pen, la donna che ha resuscitato l'estrema destra

Chi è Marine Le Pen, la donna che ha resuscitato l'estrema destra

Parigi (askanews) - Esattamente 15 anni dopo suo padre, Marine Le Pen è riuscita a riportare il Front national al centro della politica francese. Che il candidato del partito di estrema destra raccogliesse così tanti consensi da superare il primo turno non accadeva dal 2002, quando Jean Marie Le Pen arrivò al ballottaggio, che poi perse, con Jacques Chirac. La sconfitta al secondo turno contro ...