provincia di rieti

RIETI

Elezioni provinciali, le reazioni non mancano

11.01.2017 - 17:11

0

Saranno state pure di secondo livello ma le recenti elezioni provinciali sembrano lasciare strascichi. Nella maggioranza prosegue la guerra di dichiarazioni soprattutto a sinistra. Dopo l'attacco di una parte del comitato promotore di Sinistra Italiana e la replica della componente ex Sel di Rieti a difendere la coalizione con Pd e centristi, ieri direttamente da Roma sono arrivate anche le parole del vicepresidente della Regione, Massimiliano Smeriglio. "Le elezioni provinciali nel Lazio hanno fatto registrare un ottimo risultato del centrosinistra e di Sinistra Italiana a Frosinone e Rieti. A Rieti, nella lista unitaria del centrosinistra, viene eletta Arianna Grillo, sempre per Sinistra Italiana. Resta la necessità di aprire una discussione seria di livello nazionale sulla necessità del ritorno al voto dei cittadini per l'elezione dei consigli provinciali". Indirettamente è sembrata una risposta anche a quei settori, in procinto anch'essi di entrare in Sinistra Italiana, che, al contrario di Smeriglio e Camerini, vedono come fumo negli occhi il prosieguo di un'alleanza con il Pd. Ma anche da destra le bordate non mancano. E' di nuovo l'ex assessore comunale, Felice Costini, a scagliarsi contro quello che definisce "il mercato delle vacche", prendendo spunto proprio dagli articoli pubblicati ieri dal Corriere di Rieti.  "Il titolo 'il centrosinistra vince le provinciali', seppur deontologicamente ineccepibile, sfiora il ridicolo. Le polemiche del centrodestra diviso fanno pena. Le provinciali (come tutte le competizioni di secondo livello), più che elezioni, sono il mercato delle vacche, con consiglieri 'acquistati' con prebende politiche e non, in estenuanti trattative 'private' che di politico non hanno nulla. Onesti amministratori di piccoli Comuni - prosegue Costini -, eletti con qualche decina di preferenze, trasformati per qualche giorno in 'fondamentali perni' del futuro del territorio; bravi padri e madri di famiglia, che si ritrovano a contrattare voti in cambio di promesse, blanditi e considerati dai registi della politica provinciale, che finita la farsa dimenticheranno anche il loro nome. Era così per le comunità montane, così è oggi per la Provincia. Con il risultato che gli ‘eletti’ nella gran parte dei casi se ne fregano del territorio. E oggi questa situazione è tremendamente grave". 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Egitto in lutto commemora 75esimo della battaglia di El Alamein

Egitto in lutto commemora 75esimo della battaglia di El Alamein

El Alamein (askanews) - Le autorità egiziane e più di 35 delegazioni straniere hanno commemorato il 75esimo anniversario della battaglia di El Alamein del 1942, importante vittoria alleata sui nazisti, in un Egitto in lutto per la morte ieri in un attentato di almeno 35 poliziotti. La cerimonia si è svolta al cimitero della Commonwealth War Graves Commission, dove riposano i resti dei soldati ...

 
Ue, Boccia a Berlusconi: no doppia moneta, nodo è produttività

Ue, Boccia a Berlusconi: no doppia moneta, nodo è produttività

Capri (askanews) - Il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, boccia la proposta di doppia moneta lanciata dal leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, dal palco del convegno dei giovani imprenditori. "No, non ci convince la doppia moneta - ha detto Boccia a margine del meeting degli under 40 di Confindustria - riteniamo che possa incrementare solo elementi inflattivi. La grande sfida del ...

 
Spagna, governo ricorre ad articolo 155: destituzione Puigdemont

Spagna, governo ricorre ad articolo 155: destituzione Puigdemont

Madrid (askanews) - Il governo centrale spagnolo di Mariano Rajoy, riunito in un Consiglio dei ministri durato un paio di ore, ha deciso di fare ricorso all'Articolo 155 della Costituzione per revocare una serie di prerogative della Generalitat della Catalogna, il governo regionale autonomo, dopo che questo ha fatto votare un referendum per l'indipendenza. "Applichiamo l'Articolo 155 della ...

 
A ciascun piatto la sua pentola: la sfida di Agnelli da 110 anni

A ciascun piatto la sua pentola: la sfida di Agnelli da 110 anni

Milano, (askanews) - Per ogni cottura ci vuole la pentola giusta. Da 110 anni è questo principio che ispira un'azienda simbolo del made in Italy, la Pentole Agnelli, presenza immancabile nelle cucine dei grandi chef di tutto il mondo. E non solo. E pensare che tutto ebbe inizio con un metallo considerato prezioso all'inizio del secolo scorso: "Nonno Baldassare nel 1907 inizia a utilizzare ...

 
Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Il fatto

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Dalla fame all'indigenza. E' la storia di Marco Della Noce, celebre comico di Zelig. Il cabarettista, del quale è impossibile dimenticare il personaggio di Oriano Ferrari, ...

19.10.2017

L’esibizione del R.J.O. Combo apre la stagione concertistica al Flavio

RIETI

L’esibizione del R.J.O. Combo apre la stagione concertistica al Flavio

Si apre domenica 22 ottobre, alle 17, nel foyer del teatro Flavio Vespasiano, la nuova stagione concertistica. Gli eventi in programma, che saranno presentati nel loro ...

19.10.2017

Berlusconi VS Sorrentino

Film e polemiche

Berlusconi VS Sorrentino

Dalla conferenza per appoggiare il referendum sull'autonomia in Lombardia e Veneto, Silvio Berlusconi coglie l'occasione di rispondere a una domanda sul nuovo film di Paolo ...

18.10.2017