Il Campidoglio e le sue oche

Un vestito per le elezioni

15.01.2018 - 12:18

0

Sarà la bandana o il doppiopetto, la camicia bianca o la felpa a vincere le prossime elezioni?

Dopo il contestato successo del dress code minigonne-tacchi a spillo stilato da un improvvido magistrato del Consiglio di Stato per le borsiste dei suoi corsi,sarà impossibile pensare di svegliarsi la mattina e mettersi addosso quello che capita. Tutti dovremo darci una regolata, soprattutto chi dipende dalla propria immagine e, quindi, nessuno più dei protagonisti della politica. Sarà bene che si guardino allo specchio e si domandino quale sia la mise più adeguata al loro stile e più consona all'elettorato a cui si rivolgono. Sbagli look e sei fottuto.
Matteo Renzi nella fase della rottamazione e della curva ascendente di Palazzo Chigi si è presentato in jeans e camicia bianca, stile executive-sbrigativo-informale, con le maniche arrotolate al gomito. La stessa che ha sfoggiato, il colletto aperto, con un blazer nero, meritandosi da Giorgio Armani l'appunto di giovanilismo e il consiglio di incravattarsi. Salvo poi mettersi dei pantaloni talmente hipster da lasciare in vista i calzini. Adesso deve decidere, forever young o più compassato da ceto medio, senza per questo imbalsamarsi? Esclusa la mise-Comitato Centrale di chi lo ha abbandonato e il giubbotto di Fonzie, acqua passata ormai, potrebbe provare con un maglione girocollo alla Marchionne o uno spezzato attillato con colori pastello. Ma, come diceva il manzoniano viceré spagnolo, con juicio. Per le scarpe, lascerei da parte le sneaker e non andrei oltre il mocassino.
E Berlusconi? Ha la forza della (sua) tradizione che via via è passata dal mono al doppiopetto, trasgredita soltanto in escursioni vacanziere con bandana e camicia latin lover spalancata sul petto, per l'orrore dei puristi. Nel tempo, è capitato che si sia tolto la cravatta e concesso una t-shirt nera. Ma per Silvio il dress code sembra davvero bloccato, lui punta al target adulto e adulto-adulto, quindi le capriole non sono consigliabili. Trattandosi però di camaleonte con marketing e sondaggi in mano, guai escludere sorprese.
Matteo Salvini vuol dire, almeno nel momento caldo dell'offensiva, barba e felpa, popolare, pratica, e chi se ne frega dell'etichetta. Resterà fedele al rifiuto sprezzante e sguaiato di un dress code? Anche a lui tocca decidere tra la battaglia e il governo, d'altronde ha già dimostrato, nel confronto-referendum con Boschi fashion-boutique, di poter arrivare alla cravatta, sia pure in camicia.
Non dico il doppiopetto, ma un mono potrebbe anche entrare nel guardaroba. O, che so, un felpa con i bottoni e i revers.
Di Maio 5S continua ad essere la fotocopia di se stesso. Sempre e soltanto un completo blu e cravatta azzurra. Qualche tempo fa ha detto di avere solo due vestiti, casualmente di quel colore, dei quali non deve far parte il blu elettrico esibito in occasione dell'insediamento quirinalizio di Mattarella. E' la faccia rassicurante e perbernista di un Movimento che, per il momento, controlla la rabbia e si veste da bravo ragazzo, che se una regola deve sfidare in questa fase è solo quella del congiuntivo. Non un capello fuori posto per Luigi, di contro al post-ciuffo di Renzi, alla calma piatta di Berlusconi e alla spazzola-macho di Salvini. Poi ci sarebbero il biondo con tailleur rosso o nero di Giorgia Meloni e il code molto code di Pietro Grasso, l'eleganza sartoriale alla testa della Sinistra.
Può anche essere che l'abito non faccia il monaco, ma è difficile che senza l'abito giusto si diventi monaco o il prossimo presidente del Consiglio. Poi, ci sarebbe anche il programma, ma che noia.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Migranti, la testimonianza dei medici a bordo della Dattilo

Migranti, la testimonianza dei medici a bordo della Dattilo

Valencia, (askanews) - Un viaggio lungo e faticoso, che ha permesso di condividere tanti momenti e le storie dei migranti. Parlano la dottoressa e l'infermiera dell'Ordine di Malta che erano a bordo della nave Dattilo, giunta a Valencia con 274 migranti a bordo. "La nostra esperienza a bordo di nave Dattilo si conclude oggi. Siamo arrivati al porto di Valencia. Questi giorni abbiamo collaborato ...

 
Valencia accoglie Aquarius, "Benvenuti a casa vostra"

Valencia accoglie Aquarius, "Benvenuti a casa vostra"

Valencia, (askanews) - La mattina, a Valencia, inizia quando ancora il sole non è sorto. Gli oltre seicento giornalisti e operatori della comunicazione arrivano al porto, al molo 1, che è ancora buio. Sono da poco passate le sei del mattino quando all'orizzonte, vicino al porto, compare la nave Dattilo della Guardia costiera. A bordo ci sono 274 migranti. È la prima delle tre navi che ospitano in ...

 
Migranti, arrivata a Valencia anche la terza nave

Migranti, arrivata a Valencia anche la terza nave

Valencia, (Askanews) - E' arrivata al porto di Valencia anche la terza e ultima nave che ha trasportato più di 240 migranti. Dopo l'unità della Guardia Costiera Dattilo e la Aquarius della Ong Sos Méditerranée e Medici Senza Frontiere, intorno alle 13 è approdata al molo 1 del porto di Valencia la nave Orione della Marina Militare. Completate dunque le operazioni di sbarco: i 630 migranti stanno ...

 
Aquarius, Sos Mediterranee: canti e balli all'arrivo a Valencia

Aquarius, Sos Mediterranee: canti e balli all'arrivo a Valencia

Valencia, (askanews) - "Sollievo e felicità a bordo della nave #Aquarius appena vediamo le coste spagnole. Ci separano 4 miglia dal porto di #Valencia. La fine di un'Odissea lunga ed estenuante è vicina". Questo il tweet, accompagnato dal video, postato da Sos Mediterranee dalla nave Aquarius poco prima dell'arrivo a Valencia.

 
Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

RIETI

Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

Giovedì 21 giugno alle ore 19.00 presso la Chiesa di San Rufo a Rieti,  concerto di Musica barocca, in occasione della Festa Europea della Musica, con Sandro Sacco al Flauto ...

17.06.2018

Emozioni nel cuore dell'Italia con Lino Guanciale e Davide Cavuti

CITTAREALE

Emozioni dai luoghi colpiti dal sisma con Lino Guanciale e Davide Cavuti

Dopo la convivialità del Teatro delle Ariette andata in scena lo scorso 8 giugno, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma con I SOGNATORI HANNO I ...

14.06.2018

teatro da mangiare

CITTAREALE

Va in scena "Teatro da mangiare?"

Dopo la magia del circo di Nicole & Martin andata in scena lo scorso aprile ad Amatrice, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma del 2016, questa ...

08.06.2018