Le notizie in... differenti

L'America nera di Suburbicon

06.12.2017 - 16:15

0

Suburbicon è un'idilliaca cittadina americana alla fine degli anni Cinquanta. Un pacifico reggimento di villette a schiera, Suburbicon custodisce famiglie felici e spensierate, amore, frugoletti, decoro, pratini pettinati. Ma l’apparenza non deve ingannare. Basta che nel paradiso arrivi una famiglia nera per mandare in cortocircuito i benpensanti e basta entrare in una delle casette per capire che i buoni sentimenti nascondono ipocrisie, violenza, raggiri, crudeltà a non finire.
Suburbicon è un film diretto da George Clooney ed è tratto da un vecchio copione dei fratelli Cohen, sulfurei osservatori dello spirito americano. Una favola nerissima che, a dispetto delle date, parla dell’attualità e delle sue maschere terribili.
Senza generalizzare, ci pare non solo un metafora, ma un laboratorio da cui guardare l’America e quello che vi sta succedendo. A cominciare da un’altra Casa, quella in cui risiede il Presidente degli Stati Uniti, che da quasi un anno si chiama Donald Trump. Ora, a Donald si possono fare tutti gli appunti che si vogliono, ma non si può dire che sia un uomo che non mantiene le promesse. Aveva annunciato di voler chiudere le frontiere agli indesiderati che minacciano la quiete degli inquilini di quelle casette a schiera, delle farm disperse nel ventre degli Usa e dei sobborghi degradati dove si raccolgono gli espulsi da quello che avrebbe dovuto essere l’American Dream? Bene, dopo una lunga procedura, la Corte Suprema ha sancito che può entrare in vigore il Muslim Ban, il divieto d’ingresso per i cittadini di sei paesi a maggioranza musulmana. Mancano ancora alcuni adempimenti, ma il muro promesso comincia ad essere tirato su. Non solo, il Presidente, tanto per gettare acqua sul fuoco che rischia di divampare nel Medio Oriente, ha fatto un altro annuncio: il possibile spostamento dell’ambasciata americana in Israele da Tel Aviv a Gerusalemme, ciò che implicherebbe un riconoscimento di fatto della capitale del paese.
Una decisione che rischia di alzare ancor più un livello di tensione di per sé già altissimo. Vero è che, nella sua Casa, Donald procede imperterrito, senza mezze misure e secondo un principio brutale di efficienza che al detto fa seguire il fatto.
Così, il paradiso si chiude su se stesso, a protezione della sua ricchezza minacciata, innalza barriere verso l’esterno e divide il mondo fra i buoni e cattivi da tenere lontani e, nel caso alzassero le pretese, distruggere. Non basta, perché nel Paese in cui la Vita e lo Spettacolo si intrecciano in modo indissolubile e la finzione diventa più vera della realtà, si è aperta un’altra crepa.
Ricorderete lo scandalo legato a Harvey Weinstein, il satiro bulimico di Hollywood, ebbene l’ondata di sdegno si è abbattuta sui perversi del sistema e ha trangugiato anche il protagonista di House of Cards, Kevin Spacey. Sull’attore si è riversato un fiume di rivelazioni - tutte a scoppio ritardato secondo un costume non certo lodevole - che lo accusando molestie, abusi e festini disonorevoli. E allora ecco la produzione della serie che decide di sloggiarlo dalla Casa Bianca, non sarà più il Presidente Frank Underwood e lascerà il campo alla moglie Claire/Robin Wright. Insomma, è un’America doppiamente nuda quella che stiamo vedendo. Un’America che dietro al quadretto pastello manifesta la logica della forza e del più forte. E, insieme, un’America che toglie il velo dell’ipocrisia e colpisce i reprobi. Due facce diverse, ma su entrambe le quali si allunga il rischio del leaderismo tracimante e della maggioranza silenziosa che prevarica e crea un nuovo, minaccioso, conformismo.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Auto Tesla in fiamme, Elon Musk: c'è un sabotatore in fabbrica

Auto Tesla in fiamme, Elon Musk: c'è un sabotatore in fabbrica

Los Angeles (askanews) - Tesla è finita ancora una volta nell'occhio del ciclone. Il costruttore di auto elettriche di alta gamma americano deve affrontare l'impatto mediatico di un video diffuso sui social che riprende un suo modello prendere fuoco in una strada di Los Angeles. "Ecco cosa è successo a mio marito a alla sua auto ", ha scritto su Twitter l'attrice americana Mary McCormack, che è ...

 
Dentro il P4, il superlaboratorio anti-Ebola del Gabon

Dentro il P4, il superlaboratorio anti-Ebola del Gabon

Franceville, Gabon (askanews) - In un centro di ricerca del Gabon, il P4, nell'Africa centro occidentale, un gruppo di ricercatori sorvegliato 24 ore su 24 dalle telecamere di sicurezza lavora senza sosta sui virus più potenti e letali del mondo, incluso l'Ebola. Il P4 è collocato in una posizione piuttosto isolata, a circa un Km di distanza dai vecchi edifici del Centro internazionale di Ricerca ...

 
Human Technopole diventa adulto e punta a raddoppio fondi statali

Human Technopole diventa adulto e punta a raddoppio fondi statali

Rho-Pero (MI) (askanews) - L'istituto di ricerca sulle scienze della vita Human Technopole, cuore del parco scientifico e tecnologico che sta nascendo nell'area dove si è svolta Expo 2015, è entrato nell'età adulta. Si è infatti riunito per la prima volta il Consiglio di sorveglianza dell'omonima fondazione, presieduto da Marco Simoni, che ha raccolto il testimone dai gestori della prima fase, ...

 
Granelli: entro giugno 2023 apertura integrale linea M4

Granelli: entro giugno 2023 apertura integrale linea M4

Milano, (askanews) - In occasione dell'anteprima della mostra sui ritrovamenti archeologici nei cantieri della M4 al Museo dell'Archeologia, l'assessore alla Mobilità del Comune di Milano, Marco Granelli ha confermato il nuovo cronoprogramma di apertura della Blu, con la prima tratta Linate-Forlanini che sarà inaugurata a febbraio 2021. L'apertura integrale con capolinea a San Cristoforo, invece, ...

 
Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

RIETI

Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

Giovedì 21 giugno alle ore 19.00 presso la Chiesa di San Rufo a Rieti,  concerto di Musica barocca, in occasione della Festa Europea della Musica, con Sandro Sacco al Flauto ...

17.06.2018

Emozioni nel cuore dell'Italia con Lino Guanciale e Davide Cavuti

CITTAREALE

Emozioni dai luoghi colpiti dal sisma con Lino Guanciale e Davide Cavuti

Dopo la convivialità del Teatro delle Ariette andata in scena lo scorso 8 giugno, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma con I SOGNATORI HANNO I ...

14.06.2018

teatro da mangiare

CITTAREALE

Va in scena "Teatro da mangiare?"

Dopo la magia del circo di Nicole & Martin andata in scena lo scorso aprile ad Amatrice, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma del 2016, questa ...

08.06.2018