Il pulsante di Kim

Il pulsante di Kim

30.08.2017 - 20:33

0

Purtroppo c'è poco da scherzare. L'ineffabile capo supremo della Corea del Nord ha sparato un altro missile. Stavolta gli ha fatto sorvolare il Giappone settentrionale a un'altezza di circa 550 chilometri e, dopo un balzo di circa 2.700, il proietto si è spezzato in tre parti e inabissato nell'Oceano che, secondo il nome almeno, dovrebbe essere Pacifico. Non è la prima volta e non sarà l'ultima ed è difficile respingere la tentazione di rappresentare Kim Jong-un come un bambinone nella stanza dei giochi che preme secondo estri imponderabili questo o quel pulsante e sparacchia via un missile oggi e uno domani, così, tanto per divertirsi e divertire con i fuochi artificiali e dare una scossa a questo mondo così noioso e banale. Nelle foto, vedo Kim seduto a un tavolo, tranquillo, vestito di nero e circondato da mappe e dai suoi generali, con un cappello fuori misura e tutti uguali. No, non è un bambinone e il gioco si sta facendo assai pericoloso.
E' il diciottesimo missile che Kim lancia nel 2017 e a Seul sono assai preoccupati, come a Tokyo e a Washington. L'impressione - e qualcosa di più - è che l'ultimo ordigno avrebbe anche potuto trasportare una bomba atomica e che i bersagli potrebbero interessare pure il territorio degli Stati Uniti, a partire dall'isola di Guam.
Vedo i Quartiergenerali che con il compasso segnano la circonferenza del lancio per vedere fin dove la minaccia potrebbe arrivare, e il volto sempre sorridente e pacioso di questo ragazzone ingrassato che domina incontrastato un paese piccolo - 120mila chilometri quadrati - e un popolo di venticinque milioni, in larga parte contadino e nelle grinfie di una casta impenetrabile, violenta e certamente non disponibile ad aprire le porte alla democrazia. Ma sappiamo che non si tratta di un prodotto esportabile e che i dittatori, non solo in Corea, stanno lì a dimostrarlo.
Stiamo parlando di una dinastia che va avanti dal 1945 da quando Kim Il-sung che aveva condotto l'Esercito Popolare Rivoluzionario contro i Giapponesi, prese il potere di quel fazzoletto di terra e la Guerra Fredda cristallizzò la divisione della penisola coreana in due.
Nel tempo la gerarchia è diventata di ferro, il controllo totale e quasi nulla trapela delle lotte o delle tensioni che possono attraversare i vertici, un poco come il Comitato Centrale del Pcus di una volta, le uniche immagini che ci arrivano essendo quelle ufficiali. Soddisfatte e gongolanti davanti alle imprese.
A che gioco sta giocando Kim? Tolte di mezzo le nevrosi infantili, ma non escludendole del tutto, perché continua a far scoppiare un petardo dopo l'altro? Vuole tenere compatto il paese esibendo i muscoli ed eleggendosi a vittima del complotto internazionale, Usa in testa, che stringerebbe d'assedio il Paese? Può essere, la miscela di delirio di (onni)potenza e nazionalismo può risultare micidiale, tanto più quando la mattonella nord-coreana assolve ad una funzione precisa nel pavimento complesso e multilaterale delle relazioni internazionali, con Cina e Russia che fanno finta di fare il cane da guardia e poi sfruttano il deterrente che la strategia dinamitarda di Kim gli mette a disposizione.
E, poi, siamo così convinti che tutto sia sotto controllo, che il mosaico che si distende sulla Palla-Terra alla fine troverà una soluzione. E se Kim, con paranoica lucidità, caso analiticamente possibile, decidesse un giorno di premere con il solito sorriso, solo una smorfia perfida, il pulsante, quello vero?

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Migranti, la testimonianza dei medici a bordo della Dattilo

Migranti, la testimonianza dei medici a bordo della Dattilo

Valencia, (askanews) - Un viaggio lungo e faticoso, che ha permesso di condividere tanti momenti e le storie dei migranti. Parlano la dottoressa e l'infermiera dell'Ordine di Malta che erano a bordo della nave Dattilo, giunta a Valencia con 274 migranti a bordo. "La nostra esperienza a bordo di nave Dattilo si conclude oggi. Siamo arrivati al porto di Valencia. Questi giorni abbiamo collaborato ...

 
Valencia accoglie Aquarius, "Benvenuti a casa vostra"

Valencia accoglie Aquarius, "Benvenuti a casa vostra"

Valencia, (askanews) - La mattina, a Valencia, inizia quando ancora il sole non è sorto. Gli oltre seicento giornalisti e operatori della comunicazione arrivano al porto, al molo 1, che è ancora buio. Sono da poco passate le sei del mattino quando all'orizzonte, vicino al porto, compare la nave Dattilo della Guardia costiera. A bordo ci sono 274 migranti. È la prima delle tre navi che ospitano in ...

 
Migranti, arrivata a Valencia anche la terza nave

Migranti, arrivata a Valencia anche la terza nave

Valencia, (Askanews) - E' arrivata al porto di Valencia anche la terza e ultima nave che ha trasportato più di 240 migranti. Dopo l'unità della Guardia Costiera Dattilo e la Aquarius della Ong Sos Méditerranée e Medici Senza Frontiere, intorno alle 13 è approdata al molo 1 del porto di Valencia la nave Orione della Marina Militare. Completate dunque le operazioni di sbarco: i 630 migranti stanno ...

 
Aquarius, Sos Mediterranee: canti e balli all'arrivo a Valencia

Aquarius, Sos Mediterranee: canti e balli all'arrivo a Valencia

Valencia, (askanews) - "Sollievo e felicità a bordo della nave #Aquarius appena vediamo le coste spagnole. Ci separano 4 miglia dal porto di #Valencia. La fine di un'Odissea lunga ed estenuante è vicina". Questo il tweet, accompagnato dal video, postato da Sos Mediterranee dalla nave Aquarius poco prima dell'arrivo a Valencia.

 
Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

RIETI

Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

Giovedì 21 giugno alle ore 19.00 presso la Chiesa di San Rufo a Rieti,  concerto di Musica barocca, in occasione della Festa Europea della Musica, con Sandro Sacco al Flauto ...

17.06.2018

Emozioni nel cuore dell'Italia con Lino Guanciale e Davide Cavuti

CITTAREALE

Emozioni dai luoghi colpiti dal sisma con Lino Guanciale e Davide Cavuti

Dopo la convivialità del Teatro delle Ariette andata in scena lo scorso 8 giugno, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma con I SOGNATORI HANNO I ...

14.06.2018

teatro da mangiare

CITTAREALE

Va in scena "Teatro da mangiare?"

Dopo la magia del circo di Nicole & Martin andata in scena lo scorso aprile ad Amatrice, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma del 2016, questa ...

08.06.2018