Il Campidoglio e le sue oche

Il pallone avveniristico di Neymar

02.08.2017 - 13:27

0

Si chiama clausola rescissoria. Nel linguaggio che rimanda a quello del diritto, indica la possibilità che un atleta rescinda il contratto che lo lega a una società a condizione che venga pagata una cifra per indennizzare chi ne detiene la proprietà. La clausola in linea di principio dovrebbe tutelare il diritto dell’atleta a svincolarsi da una condizione contrattuale e societaria non più soddisfacente. Fin qui potrebbe sembrare solo una norma di garanzia, ma il quadro cambia se si guarda alla cifra dell'indennizzo.
E’ diventata un’abitudine, infatti, aumentarla quanto più possibile, un po’ per disincentivare offerte altrui nei confronti dell'atleta, un po’ per assicurare in caso di svincolo un congruo risarcimento alla società che perde un suo asset.
Bene, questa cifra adesso è arrivata ai 222 milioni di Neymar da Silva Santos Junior.
Neymar ha compiuto venticinque anni, da quattro gioca nel Barcellona, talento, classe, velocità, dribbling, inventore di calcio, nel mondo come lui ce ne sono pochi, Messi, Ronaldo, la stella emergente - ma ancora tutta da verificare - di Mbappé.
Per lui si sprecano i paragoni con O Rey, Pelé, considerato il maximus che abbia calcato i campi del calcio, al punto che i tifosi lo appellano con un O Ney che sa di sfida al trono assoluto.
Insomma, uno dei pochissimi che possono fare la differenza e decidere del risultato di una partita con un colpo imprevedibile rispetto al quale non c'è difesa che tenga.
Succede che il fenomeno, sotto contratto con il Barcellona fino al 2021, entri nei desideri del Paris Saint Germain e che forse lui stesso abbia voglia di cambiare aria, ed ecco entrare in gioco la clausola rescissoria, fissata appunto a 222 milioni di euro. Che sono solo la parte emergente di un iceberg che arriva a quasi seicento milioni se si considerano i trecento del nuovo contratto e i quaranta destinati al padre, in un'operazione che mescola elargizioni secondo codice familistico e show-business al quadrato.
Il calcio è ormai lo spettacolo globale e il cast è la risorsa fondamentale per conquistarsi un ruolo da protagonista su un palcoscenico che non è fatto solo degli stadi, ma delle televisioni e di un marketing/merchandising dai confini ancora inesplorati.
La Uefa oppone a questo calcio no-limits la diga di un fair play finanziario, una sorta di codice che dovrebbe calmierare gli eccessi e garantire il rispetto di una regola comune. Ma per capire quanto le cose siano ormai oltre i paletti, basterà solo ricordare che non sarà il PSG a pagare e a che al suo posto interverrà il fondo che gestisce gli investimenti sportivi del Qatar, disponibile a sborsare 300 milioni per fare di Neymar il testimonial dei Mondiali in programma nel 2022.
Tutto lascia pensare, dunque, che la clausola sarà rescissa e che la logica di uno spettacolo che ormai incrocia economia e politica seguirà il suo corso.
Un altro capitolo, adeguato alla metamorfosi del mondo di cui parla Ulrich Beck, il calcio come un affare in cui gli investimenti sono una parte strutturale di una bolla finanziaria che non teme di esplodere, e come dispositivo trasversale e metapolitico che confina nella preistoria naif il panem et circenses del Circo Massimo e del Colosseo.
Neymar non è solo e non è un eccesso, una tangente impazzita.
Fa parte dei simulacri del nostro tempo, come il terrorista e il migrante, reali e immateriali, corpi mediatici da esibire, immagini universalmente affascinanti di una sostanza che attraverso loro si riproduce, cambia e ci governa.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Auto Tesla in fiamme, Elon Musk: c'è un sabotatore in fabbrica

Auto Tesla in fiamme, Elon Musk: c'è un sabotatore in fabbrica

Los Angeles (askanews) - Tesla è finita ancora una volta nell'occhio del ciclone. Il costruttore di auto elettriche di alta gamma americano deve affrontare l'impatto mediatico di un video diffuso sui social che riprende un suo modello prendere fuoco in una strada di Los Angeles. "Ecco cosa è successo a mio marito a alla sua auto ", ha scritto su Twitter l'attrice americana Mary McCormack, che è ...

 
Dentro il P4, il superlaboratorio anti-Ebola del Gabon

Dentro il P4, il superlaboratorio anti-Ebola del Gabon

Franceville, Gabon (askanews) - In un centro di ricerca del Gabon, il P4, nell'Africa centro occidentale, un gruppo di ricercatori sorvegliato 24 ore su 24 dalle telecamere di sicurezza lavora senza sosta sui virus più potenti e letali del mondo, incluso l'Ebola. Il P4 è collocato in una posizione piuttosto isolata, a circa un Km di distanza dai vecchi edifici del Centro internazionale di Ricerca ...

 
Human Technopole diventa adulto e punta a raddoppio fondi statali

Human Technopole diventa adulto e punta a raddoppio fondi statali

Rho-Pero (MI) (askanews) - L'istituto di ricerca sulle scienze della vita Human Technopole, cuore del parco scientifico e tecnologico che sta nascendo nell'area dove si è svolta Expo 2015, è entrato nell'età adulta. Si è infatti riunito per la prima volta il Consiglio di sorveglianza dell'omonima fondazione, presieduto da Marco Simoni, che ha raccolto il testimone dai gestori della prima fase, ...

 
Granelli: entro giugno 2023 apertura integrale linea M4

Granelli: entro giugno 2023 apertura integrale linea M4

Milano, (askanews) - In occasione dell'anteprima della mostra sui ritrovamenti archeologici nei cantieri della M4 al Museo dell'Archeologia, l'assessore alla Mobilità del Comune di Milano, Marco Granelli ha confermato il nuovo cronoprogramma di apertura della Blu, con la prima tratta Linate-Forlanini che sarà inaugurata a febbraio 2021. L'apertura integrale con capolinea a San Cristoforo, invece, ...

 
Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

RIETI

Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

Giovedì 21 giugno alle ore 19.00 presso la Chiesa di San Rufo a Rieti,  concerto di Musica barocca, in occasione della Festa Europea della Musica, con Sandro Sacco al Flauto ...

17.06.2018

Emozioni nel cuore dell'Italia con Lino Guanciale e Davide Cavuti

CITTAREALE

Emozioni dai luoghi colpiti dal sisma con Lino Guanciale e Davide Cavuti

Dopo la convivialità del Teatro delle Ariette andata in scena lo scorso 8 giugno, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma con I SOGNATORI HANNO I ...

14.06.2018

teatro da mangiare

CITTAREALE

Va in scena "Teatro da mangiare?"

Dopo la magia del circo di Nicole & Martin andata in scena lo scorso aprile ad Amatrice, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma del 2016, questa ...

08.06.2018