Il Campidoglio e le sue oche

In fondo al pozzo

Benedetto l'errore

01.03.2017 - 11:35

0

Un errore, finalmente! Uno sbaglio clamoroso, se non il più clamoroso, certamente uno di quelli che restano impressi nella memoria come le orme dei divi nel cemento del Chinese Theatre di Los Angeles. Nella serata degli Oscar Warren Beatty apre la busta che dovrebbe contenere il nome del miglior film estrae la scheda, sembra esitare un momento, e alla fine legge, Oscar a La La Land. Applausi scroscianti, salti di gioia, dichiarazioni dal palco.. quando un anonimo addetto alla cerimonia entra, strappa dalle mani di Warren la scheda e annuncia che ci siamo sbagliati, il vincitore è un altro. Ha vinto Moonlight. Tutto da rifare, scendono le vittime della beffa e salgono i veri winners del Premio.
A me sembra fantastico. Una cerimonia che ha una scaletta a orologeria, un impianto spettacolare munito e sorvegliato in ogni anfratto, una successione infallibile di incoronazioni che va a culminare nell'award più importante, quello per il miglior film, implode su se stessa e cortocircuita al limite del nonsense. Ci vuole tempo per capire veramente cosa sia successo, se siamo nella realtà o nell'illusione, se si tratta di una messa in scena che a Hollywood è sempre possibile o di un impensabile, stupefacente, incredibile sbaglio. E lo stupore aumenta quando realizzi che sì, che l'errore si è insinuato nella macchina che doveva essere perfetta.
Non una gaffe qualunque, un equivoco, un'inquadratura sbagliata, un break dell'audio, no, semplicemente la busta sbagliata nel momento più sbagliato, quando tutta la cerimonia deve raggiungere il picco d'intensità più alto, quando gli spettatori di tutto il mondo stanno lì e aspettano con trepidazione l'annuncio.
Nessuno sceneggiatore poteva scrivere una storia così. E' vero, al cinema e non solo abbiamo visto tante volte fallire il piano più accurato e meticoloso, la valigia con i dollari della rapina che cade dal carrello che la trasporta nell'aeroporto e i bigliettoni che volano via, le trame a scatole cinesi dove ce n'è sempre una che spiazza tutte le altre, insomma Sisifo che spinge su la pietra e quando arriva gli ricade giù. Ma alla messa degli Oscar non va bene, i Premi sono i Premi e guai a insinuare un dubbio sul verdetto finale o a far sospettare che nella grande macchina si nasconde la possibilità di un guasto.
E invece è accaduto. Con la forza potente della necessità del caso che si mette in mezzo e fa sì che una distrazione, un attimo di incertezza o un eccesso di sicurezza, producano una catena alla fine catastrofica.
Che sia benedetto questo strappo inatteso, grazie per averci fatto sentire il vuoto che si allarga all'improvviso e risucchia in un istante tutte le trombe e i tamburi, la gioia, i pianti, i ringraziamenti a comando, le battute previste, gli applausi automatici.. Grazie per averci ricordato il grande bluff della macchina dello spettacolo - e, perché no, anche dell'informazione - l'agguato sempre possibile che svela la fragilità della costruzione e l'incombere gaudioso e ineliminabile del nulla.
Fra l'altro, per restare ai Premi, ha vinto Moonlight. Sei Oscar al suo paradiso-musical tutto cinema di La La Land, ma che il miglior film sia questa storia in tre atti di una crescita dura e dolorosa, in un sobborgo qualsiasi dell'America, famiglie spappolate, droga, l'innocenza e la solitudine, la brutalità e il bisogno d'amore, ci sembra un bel controcanto che arriva da oltre oceano e anche un segnale aspro e anticonformista in tempi di slogan e protagonismi esasperati e sommari. Un altro errore, questo sì, non previsto dal copione di chi non vuole guardare.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Migranti, la testimonianza dei medici a bordo della Dattilo

Migranti, la testimonianza dei medici a bordo della Dattilo

Valencia, (askanews) - Un viaggio lungo e faticoso, che ha permesso di condividere tanti momenti e le storie dei migranti. Parlano la dottoressa e l'infermiera dell'Ordine di Malta che erano a bordo della nave Dattilo, giunta a Valencia con 274 migranti a bordo. "La nostra esperienza a bordo di nave Dattilo si conclude oggi. Siamo arrivati al porto di Valencia. Questi giorni abbiamo collaborato ...

 
Valencia accoglie Aquarius, "Benvenuti a casa vostra"

Valencia accoglie Aquarius, "Benvenuti a casa vostra"

Valencia, (askanews) - La mattina, a Valencia, inizia quando ancora il sole non è sorto. Gli oltre seicento giornalisti e operatori della comunicazione arrivano al porto, al molo 1, che è ancora buio. Sono da poco passate le sei del mattino quando all'orizzonte, vicino al porto, compare la nave Dattilo della Guardia costiera. A bordo ci sono 274 migranti. È la prima delle tre navi che ospitano in ...

 
Migranti, arrivata a Valencia anche la terza nave

Migranti, arrivata a Valencia anche la terza nave

Valencia, (Askanews) - E' arrivata al porto di Valencia anche la terza e ultima nave che ha trasportato più di 240 migranti. Dopo l'unità della Guardia Costiera Dattilo e la Aquarius della Ong Sos Méditerranée e Medici Senza Frontiere, intorno alle 13 è approdata al molo 1 del porto di Valencia la nave Orione della Marina Militare. Completate dunque le operazioni di sbarco: i 630 migranti stanno ...

 
Aquarius, Sos Mediterranee: canti e balli all'arrivo a Valencia

Aquarius, Sos Mediterranee: canti e balli all'arrivo a Valencia

Valencia, (askanews) - "Sollievo e felicità a bordo della nave #Aquarius appena vediamo le coste spagnole. Ci separano 4 miglia dal porto di #Valencia. La fine di un'Odissea lunga ed estenuante è vicina". Questo il tweet, accompagnato dal video, postato da Sos Mediterranee dalla nave Aquarius poco prima dell'arrivo a Valencia.

 
Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

RIETI

Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

Giovedì 21 giugno alle ore 19.00 presso la Chiesa di San Rufo a Rieti,  concerto di Musica barocca, in occasione della Festa Europea della Musica, con Sandro Sacco al Flauto ...

17.06.2018

Emozioni nel cuore dell'Italia con Lino Guanciale e Davide Cavuti

CITTAREALE

Emozioni dai luoghi colpiti dal sisma con Lino Guanciale e Davide Cavuti

Dopo la convivialità del Teatro delle Ariette andata in scena lo scorso 8 giugno, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma con I SOGNATORI HANNO I ...

14.06.2018

teatro da mangiare

CITTAREALE

Va in scena "Teatro da mangiare?"

Dopo la magia del circo di Nicole & Martin andata in scena lo scorso aprile ad Amatrice, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma del 2016, questa ...

08.06.2018