Rosso e mezzaluna sulla porta di Brandeburgo

Rosso e mezzaluna sulla porta di Brandeburgo

04.01.2017 - 11:45

0

La Porta di Brandeburgo colorata di rosso e sul frontone una mezzaluna e una stella bianca. Berlino nell'inizio dell'anno si veste con la bandiera della Turchia e ricorda quello che è accaduto a Istanbul.
Quella Porta non è un accesso qualunque, è la storica, monumentale, Porta che fu eretta alla fine del Settecento nelle forme che venivano dalla Grecia classica ed è diventata nel tempo un segno della capitale della Germania. Quando, con la costruzione del Muro, durante gli anni della divisione della città fra l'Est e l'Ovest, il suo profilo venne inglobato in quella frattura che sanciva il tempo della Guerra Fredda, la Porta chiusa e inaccessibile diventò il simbolo di un dramma e di una speranza. I colori della bandiera turca su quelle colonne ci dicono quanto il mondo sia cambiato e quanto, però, la Porta non cessi di irradiare il patrimonio e il valore che la costituiscono.
La Germania è stabilmente unita ed ha accolto nel dopoguerra milioni e milioni di turchi, la cancelliera Merkel ha aperto le frontiere ai migranti come solo poteva fare la leader di un Paese troppo a lungo scisso e spaccato, e ha ribadito una disposizione all'accoglienza più forte delle congiunture elettorali e delle tentazioni populistiche. Della Guerra Fredda semmai ritornano echi nelle nuove controversie che agitano il triangolo Putin-Trump-Obama e ci riportano alla grande questione - impensabile negli anni della Cold War - degli equilibri tra Europa e Oriente, e di quell'area composita che dal Mediterraneo giunge all'Iran e all'Iraq. Un nuovo scenario geopolitico in cui si giocano il presente e il futuro.
La Porta questo ci ricorda. Quel rosso stabilisce immediatamente un contatto e un richiamo, tra il camion che irrompe sul mercatino natalizio di Berlino e il terrorista che fa strage nel Reina Club di Istanbul nella notte di Capodanno. Berlino chiama Istanbul, come a dire che siamo nella stessa storia e che, se tante, tantissime cose ci dividono e lacerano i rapporti, qualcosa ci unisce ed è, deve essere, più forte di tutte le divisioni, le incomprensioni e le contrapposizioni: il terrorismo che vuole farci regredire, che vorrebbe radicalizzare i nostri istinti alla reazione e alla chiusura, il terrorismo che vorrebbe distruggere la quotidianità e i suoi luoghi, i luoghi della festa, della gioia, dell'incontro, del dono, dello scambio, del dialogo. Nella sua efferatezza sanguinaria anche il terrore si porta dietro un carico simbolico - e ne è perfettamente cosciente - simmetrico e opposto a quello su cui esercita la sua pulsione alla morte. Per questo spara nel mucchio, uccide tutti e nessuno, uomini e donne, giovani, vecchi e bambini. Proclama il verbo della vendetta e della lotta santa, colpevolizza la nostra responsabilità storica di occidentali, croce e politica di potenza, lancia camion sulla folla e massacra la gente. Ovunque.
Forse, bisognerebbe distinguere, tra questi invasati dell'odio, disponibili a tutto, e in questo caso anche a fuggire subito dopo l'impresa, e il contesto che - consapevoli o meno che ne siano - mette subito una bandierina su quello che hanno fatto e li riporta in questa guerra che tutto massimalizza e estremizza. E' una guerra doppia, ambigua e sfuggente, si combatte sui campi di battaglia, in modi altrettanto ambigui e purtroppo trasversali, e al tempo stesso nella nostra testa, presa in mezzo fra la paura, il terrore, la complicità, le colpe, l'orrore, i valori di una civiltà, con il paradosso di doverli difendere consapevoli della crisi che li colpisce.
Non è facile, forse è impossibile, ma intanto guardiamo il rosso e il bianco della bandiera turca sulla Porta di Brandeburgo.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Aquarius, odissea finita. E ora cosa accade ai 630 migranti?

Aquarius, odissea finita. E ora cosa accade ai 630 migranti?

Valencia, (askanews) - L'odissea è finita: i 630 migranti a bordo delle navi Aquarius, Dattilo e Orione, hanno finalmente toccato terra, sbarcando a Valencia dopo 9 giorni di navigazione. Ma per loro si apre ora un grande interrogativo sul futuro. Dove potranno vivere? Cosa faranno ora? E soprattutto saranno rispediti nelle loro terre di origine? A quanto annunciato dal premier spagnolo Pedro ...

 
Altro

Borsa: europee chiudono in rosso, a Piazza Affari giù Snam e Poste

Le Borse europee archiviano in rosso la seduta odierna di scambi. I timori per un ulteriore inasprimento della guerra commerciale tra Usa e Cina sui dazi appesantisce i mercati del Vecchio continente che, sulla scia di Wall Street, chiudono con il segno meno, lasciando sul terreno perdite che oscillano tra lo 0,40% di Milano e l’1,36% di Francoforte.  Unica piazza in controtendenza è Londra, che ...

 
A Londra svelata "Mastaba", la nuova opera gigante di Christo

A Londra svelata "Mastaba", la nuova opera gigante di Christo

Londra (askanews) - Esattamente a due anni di distanza dai Floating Piers del Lago d'Iseo, è stata svelata a Londra la nuova opera gigante dell'artista Christo: si chiama Mastaba. E' stata allestita nel lago Serpentine di Hyde Park a Londra. Si tratta di una struttura composta da 7.506 barili colorati che poggiano su una piattaforma di cubetti di plastica. L opera sarà visibile dal 19 giugno fino ...

 
Aquarius, medico MSF a bordo: da Italia politica inumana, indegna

Aquarius, medico MSF a bordo: da Italia politica inumana, indegna

Valencia, (askanews) - Una politica "disumana, indegna" quella messa in atto dall'Italia di respingere i migranti a bordo della nave Aquarius. Parla Aloys Vimard, project coordinator di Medici Senza Frontiere, a capo dell'équipe medica sull'Aquarius: "La decisione dell'Italia rappresenta il livello della politica europea. Sfortunatamente è un passo in più di una politica disumana, indegna e che ...

 
Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

RIETI

Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

Giovedì 21 giugno alle ore 19.00 presso la Chiesa di San Rufo a Rieti,  concerto di Musica barocca, in occasione della Festa Europea della Musica, con Sandro Sacco al Flauto ...

17.06.2018

Emozioni nel cuore dell'Italia con Lino Guanciale e Davide Cavuti

CITTAREALE

Emozioni dai luoghi colpiti dal sisma con Lino Guanciale e Davide Cavuti

Dopo la convivialità del Teatro delle Ariette andata in scena lo scorso 8 giugno, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma con I SOGNATORI HANNO I ...

14.06.2018

teatro da mangiare

CITTAREALE

Va in scena "Teatro da mangiare?"

Dopo la magia del circo di Nicole & Martin andata in scena lo scorso aprile ad Amatrice, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma del 2016, questa ...

08.06.2018