Un Paese spaccato?

Un Paese spaccato?

14.12.2016 - 12:22

0

Un Paese diviso? Il Sì e il No del referendum sono il segnale evidente di una spaccatura o l’effetto di un sisma che ha ragioni profonde? Ancora ieri la Lega e il Movimento Cinque Stelle non hanno partecipato alla seduta e hanno annunciato manifestazioni in piazza, nel segno di una contrapposizione frontale al Palazzo.
Lo confesso, non riesco a capire. Non riesco a capire quanto stiamo all’interno di una retorica del conflitto, il Palazzo contro la Piazza, i Partiti contro i Movimenti, la Politica contro l'Antipolitica, amplificata dai giornali e dalla televisione che hanno il potere rischioso di ricondurre la complessità alla semplificazione di parole d'ordine, e quanto invece - o insieme - sotto questa crosta delle ritualità istituzionali, degli strepiti sparati e urlati, ci sia la sostanza reale di un Paese scisso. Tra chi e chi non ha. Tra chi ha e non è contento di quello che ha e chi non ha niente.
Tra chi si sforza di capire e chi ha deciso che capire è solo un lusso e una connivenza. Tra chi ha paura di un salto nel buio e chi invece è convinto che è giunta l'ora di una svolta radicale. Tra chi si chiude nel perimetro della sua tranquillità e chi non sa nemmeno cosa sia. Tra chi crede che la politica sia la mediazione necessaria e chi invece pensa che la mediazione coincide con la corruzione e la casta degli addetti. Tra chi crede che lo Stato e i partiti non siano la stessa cosa e chi ha fatto di tutto per degradarli l'uno sugli altri. Tra i giovani che si vedono davanti un tunnel senza uscita e gli anziani che tremano per la pensione o non ce l'hanno e, se ce l'hanno, non basta. Tra i giovani che non lavorano e quelli che vanno all'estero per far valere un titolo di studio. Tra il Nord e il Sud, vorrà pur dire qualcosa se il sì trionfa in Trentino Alto Adige e crolla in Sicilia, Campania e Sardegna. Tra chi ha una sia pur flebile speranza e chi non ce l'ha. Tra chi invoca equilibrio e chi pensa che il tempo dell'equilibrio è finito e resta solo la rabbia. Tra chi è solidale con gli altri e chi non può permetterselo e si rinchiude nell'egoismo dell'indigenza. Tra chi arriva sognando una mèta e chi le mete non le vede più. Tra chi ricorda il passato e chi vive nello smarrimento del presente.
Sarà un'impressione, ma sento che le ragioni per stare insieme sono fortemente e sempre di più insidiate dalle pulsioni a dividere e separare, e che la politica rischia di implodere fra il tatticismo delle formule e dei compromessi e il massimalismo che non vuole più aspettare.
Adesso c'è un governo, sarà di transizione, di scopo, a tempo determinato, per carità, farà quello che potrà, magari una legge elettorale, ma la percezione crescente è dell'esile paravento a cui si è ridotta una politica che ha perso occasioni, ha parlato e non ha realizzato abbastanza per invertire l'umore montante della crisi e delle difficoltà che hanno allargato a macchia d'olio l'esercito di chi stava bene e non ce la fa più e dei poveri.
I dati più recenti - dati, non interpretazioni - dicono che quasi l'8% degli italiani si trova in una condizione di povertà totale, quattro milioni e seicentomila a fronte dei due milioni di dieci anni fa. Un macigno di fronte al quale rischiamo di ritrovarci con risposte congiunturali e di corto respiro o con il grido brutale di chi auspica palingenesi immediate e aspetta l'occasione per regolare i conti.
Una volta si parlava di riformismo - con tutto il corredo di razionalità progrediente e di laicismo social-liberale - mi pare un ricordo molto minoritario che non so interpretare se come un arnese fuori tempo massimo o un seme stremato che cova sotto il freddo invernale in attesa del futuro.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Bambini migranti: la giornalista scoppia in lacrime in diretta tv

Bambini migranti: la giornalista scoppia in lacrime in diretta tv

Milano (askanews) - Rachel Maddow non ha retto all'emozione e si è messa a piangere in diretta tv. La popolare presentatrice americana della Msnbc è scoppiata in lacrime, incapace di portare avanti la trasmissione, durante la lettura delle notizia dei bambini separati dai genitori migranti al confine tra Messico e Stati Uniti. Il video è diventato virale in poche ore.

 
Economia

Borsa, Milano rifiata

La Borse europee rifiatano dopo il tonfo di ieri. Si fermano le vendite sui listini, dopo la reazione ai rapporti sempre più tesi tra Cina e Stati Uniti, e Milano segna +0,16%. Positive anche Londra, Madrid e Francoforte. Sul paniere di Piazza Affari, Ferragamo lascia sul terreno quasi il 9 per cento dopo che la holding di famiglia ha collocato sul mercato un pacchetto azionario. Sono di nuovo in ...

 
L'arte è un gioco: i campus estivi di Pirelli HangarBicocca

L'arte è un gioco: i campus estivi di Pirelli HangarBicocca

Milano (askanews) - Un gioco per permettere ai bambini di esplorare le tecniche e i linguaggi dell'arte, nonché le proprie capacità inventive ed espressive. Per il 2018 i campus estivi di Pirelli HangarBicocca a Milano sono stati progettati con l'artista Roberto Fassone che, ispirandosi alla mostra di Matt Mullican in corso nel museo, ha proposto ai piccoli una sfida creativa molto intrigante, ...

 
Tea Falco alla regia: la mia Sicilia e il senso della vita

Tea Falco alla regia: la mia Sicilia e il senso della vita

Roma, (askanews) - Adamo, Eva e la metafora di un dolce chiamato "Cannolo" come riassunto dell'universo. "Ceci n'est pas un cannolo" è l'opera prima di Tea Falco, l'attrice catanese di "Io e te" di Bernardo Bertolucci, delle serie tv "1992 e "1993", artista e soprattutto fotografa. Il suo primo documentario da regista è stato presentato al Biografilm Festival di Bologna e andrà in onda su Sky ...

 
Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

RIETI

Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

Giovedì 21 giugno alle ore 19.00 presso la Chiesa di San Rufo a Rieti,  concerto di Musica barocca, in occasione della Festa Europea della Musica, con Sandro Sacco al Flauto ...

17.06.2018

Emozioni nel cuore dell'Italia con Lino Guanciale e Davide Cavuti

CITTAREALE

Emozioni dai luoghi colpiti dal sisma con Lino Guanciale e Davide Cavuti

Dopo la convivialità del Teatro delle Ariette andata in scena lo scorso 8 giugno, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma con I SOGNATORI HANNO I ...

14.06.2018

teatro da mangiare

CITTAREALE

Va in scena "Teatro da mangiare?"

Dopo la magia del circo di Nicole & Martin andata in scena lo scorso aprile ad Amatrice, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma del 2016, questa ...

08.06.2018