Serve la colletta per la cauzione?

Serve la colletta per la cauzione?

30.11.2016 - 12:07

0

Era un po’ di tempo che non si faceva vivo e francamente cominciavamo a preoccuparci. I miti, buoni, cattivi, a mezz’aria, i miti di questa fragile modernità devono alimentarsi, non possono scomparire - se non per sempre, ma quello è un altro discorso - devono ripresentarsi ogni tanto e tornare a impressionarci con le loro gesta.
E Lapo è tornato, la polizia di New York lo accusa di avere simulato un sequestro, una cosetta per cui potrebbe finire in carcere anche per due anni, e si sa che gli americani su queste cose non scherzano.
Cosa avrebbe combinato? Semplice. Arriva il Giorno del Ringraziamento a NY si insedia in un appartamento e comincia un festino a base si drug and sex, due giorni. Solo che a un certo punto i dollari finiscono e allora lui che fa? Chiama la casa madre, a Torino, annuncia di essere stato rapito e chiede un contributo di diecimila dollari per farsi liberare.
La casa-madre avvisa però la polizia che ci mette un niente per trovare un trans con il malloppo - quello con cui Lapo si stava dilettando - e scoprire tutta la messa in scena.
Un bel guaio che dice di alcune cose.
Lapo ha le sue abitudini e non si smentisce, i suoi ritmi di vita sono ad alta velocità e gli additivi costano e anche parecchio.
A quel punto, e già siamo oltre la soglia della normalità, scatta la differenza: l’inventiva che costruisce uno stratagemma, infantile, innocente, se si vuole, perché a chi lo architetta non viene minimamente in testa che il piano ha troppe variabili incerte e incontrollabili per poter funzionare: un trans, la polizia di NY, la famiglia a Torino. E infatti l’inghippo non funziona.
E’ fantastica questa riapparizione di Lapo: intanto lo ringraziamo per averci distratto dal tran tran, per averci tolto da questo insostenibile Sì/No/Sì/No che incombe domenica prossima. Per un giorno, pensiamo a lui e non alle truppe dei due schieramenti che se le stanno dando a tutto spiano, su un copione francamente ripetitivo e noioso.
Grazie Lapo, grazie per questa vita estemporanea e all’arma bianca, che ogni tanto torna a riaffacciarsi e ci dice di un mondo parallelo che noi vediamo da lontano e proprio per questo trasformiamo in un mito. I miti che ci possiamo permettere, certo.
La distanza è fondamentale, non i chilometri che ci separano da NY, ma il territorio simbolico in cui vivi, di per sé inaccessibile, se non quando arrivi davanti a un negozio e parcheggi il suv mimetico come se fosse la piazzetta sotto casa. Allora ti vediamo per un momento, come quando appari con le tue giacchette technicolor o l’ennesima delle ennesime inarrivabili compagnie con cui ti ami circondare. Oh, nessun moralismo, magari un poco di invidia, come si fa a non provarla?! Vivi la vita come ti pare. Certo, però, caro Lapo, pensavamo che la cassa fosse più fornita. Mi cadi su diecimila dollari, diecimila fottutissimi dollari, quando tutti stavamo a pensare a un pozzo personale senza limiti. Allora anche tu hai il lunario da sbarcare? Anche tu devi fare i conti e scoprire che sei al verde? E ti devi arrabattare e ricorrere alla tutta nostrana arte di arrangiarsi per tappare il buco che si è aperto.
Lapo, continua a correre, speriamo vivamente che le porte del carcere non si aprano, ma certo se si aprissero ti saremmo ancora più vicini. A proposito, serve una colletta per la cauzione?

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Auto Tesla in fiamme, Elon Musk: c'è un sabotatore in fabbrica

Auto Tesla in fiamme, Elon Musk: c'è un sabotatore in fabbrica

Los Angeles (askanews) - Tesla è finita ancora una volta nell'occhio del ciclone. Il costruttore di auto elettriche di alta gamma americano deve affrontare l'impatto mediatico di un video diffuso sui social che riprende un suo modello prendere fuoco in una strada di Los Angeles. "Ecco cosa è successo a mio marito a alla sua auto ", ha scritto su Twitter l'attrice americana Mary McCormack, che è ...

 
Dentro il P4, il superlaboratorio anti-Ebola del Gabon

Dentro il P4, il superlaboratorio anti-Ebola del Gabon

Franceville, Gabon (askanews) - In un centro di ricerca del Gabon, il P4, nell'Africa centro occidentale, un gruppo di ricercatori sorvegliato 24 ore su 24 dalle telecamere di sicurezza lavora senza sosta sui virus più potenti e letali del mondo, incluso l'Ebola. Il P4 è collocato in una posizione piuttosto isolata, a circa un Km di distanza dai vecchi edifici del Centro internazionale di Ricerca ...

 
Human Technopole diventa adulto e punta a raddoppio fondi statali

Human Technopole diventa adulto e punta a raddoppio fondi statali

Rho-Pero (MI) (askanews) - L'istituto di ricerca sulle scienze della vita Human Technopole, cuore del parco scientifico e tecnologico che sta nascendo nell'area dove si è svolta Expo 2015, è entrato nell'età adulta. Si è infatti riunito per la prima volta il Consiglio di sorveglianza dell'omonima fondazione, presieduto da Marco Simoni, che ha raccolto il testimone dai gestori della prima fase, ...

 
Granelli: entro giugno 2023 apertura integrale linea M4

Granelli: entro giugno 2023 apertura integrale linea M4

Milano, (askanews) - In occasione dell'anteprima della mostra sui ritrovamenti archeologici nei cantieri della M4 al Museo dell'Archeologia, l'assessore alla Mobilità del Comune di Milano, Marco Granelli ha confermato il nuovo cronoprogramma di apertura della Blu, con la prima tratta Linate-Forlanini che sarà inaugurata a febbraio 2021. L'apertura integrale con capolinea a San Cristoforo, invece, ...

 
Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

RIETI

Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

Giovedì 21 giugno alle ore 19.00 presso la Chiesa di San Rufo a Rieti,  concerto di Musica barocca, in occasione della Festa Europea della Musica, con Sandro Sacco al Flauto ...

17.06.2018

Emozioni nel cuore dell'Italia con Lino Guanciale e Davide Cavuti

CITTAREALE

Emozioni dai luoghi colpiti dal sisma con Lino Guanciale e Davide Cavuti

Dopo la convivialità del Teatro delle Ariette andata in scena lo scorso 8 giugno, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma con I SOGNATORI HANNO I ...

14.06.2018

teatro da mangiare

CITTAREALE

Va in scena "Teatro da mangiare?"

Dopo la magia del circo di Nicole & Martin andata in scena lo scorso aprile ad Amatrice, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma del 2016, questa ...

08.06.2018