Troppa roba da smaltire

Troppa roba da smaltire

26.10.2016 - 12:03

0

Il problema è lo smaltimento. Siamo la società dei consumi e ancora non siamo riusciti a capire cosa fare degli scarti. Come liberarci di tutto quello che non serve più o che non vogliamo attorno? E' un problema che ha molte facce, alcune delicate, scomode e sconcertanti, e sembra ancora lontano da una soluzione decente. Non ostante gli sforzi e alcuni esempi così significativi che mi pare il caso di sottolinearli.
Cominciamo dai frigoriferi. Sì, i frigoriferi di Roma. Pare che in queste ultime settimane i romani abbiano deciso di disfarsene e che ovunque, accanto ai cassonetti, ne vengano scaricati montagne, accentuando l'impressione di incuria e sfascio della capitale. 

La sindaca Raggi ha evocato un sospetto, non si erano mai visti, a memoria d'uomo, così tanti frigoriferi abbandonati per strada e, pur non avendo accuse specifiche da rivolgere, ha evocato possibile manovre o complotti dietro alla piena degli elettrodomestici buttati in mezzo alla strada.
Ora, tutto è possibile, anche una contestazione trasversale dell'attuale giunta che utilizzi il frigorifero come grimaldello per far saltare i nuovi inquilini del Campidoglio. E nessuno può escludere che non si tratti di frigoriferi del Pd e magari anche qualcuno del centrodestra. Intanto, i frigoriferi stanno lì e aggravano la questione dei rifiuti.
C'è un altro smaltimento che continua a preoccupare. In verità non si tratterebbe di rifiuti, anche se quello che è accaduto a Goro e Gorino, Delta del Po, fa pensare che per qualcuno la differenza non sia posi così grande.
Cosa è successo? Il prefetto che si trova a dover distribuire alcune centinaia di migranti nella provincia di Ferrara osa mandare in quei paesi un pullman con dodici - dodici! - disgraziati senza casa e senza terra, per lo più donne e bambini, una incinta, e che fanno gli indigeni? Alzano le barricate e bloccano l'accesso.
Loro smaltiscono così, non fanno entrare, guai, la comunità non si tocca.
C'è un ostello che potrebbe ospitarli per l'inverno?
Neanche a parlarne e il turismo?
Vogliamo pregiudicare il turismo di Goro e Gorino con quel drappello di indesiderati?
Mai. Urlano anche che lo straniero non passerà, evocando una guerra di cui non hanno nemmeno memoria, altrimenti starebbero zitti. Il Prefetto non va allo scontro, e vorrei vedere, e deve arretrare. Anche il Po che pure ne ha vista tante avrebbe voglia di deviare dal corso.
Bene, avanti così, il Paese sarà anche stanco e insofferente, però Goro e Gorino mi dà tanto l'impressione che farebbero bene a farsi un esame di coscienza.
Infine, lo smaltimento principe, dire meglio, definitivo.
Un'autorevole commissione vaticana, la Congregazione per la Dottrina della Fede, ha stabilito che cremare - niente di pasticcero, stiamo parlando del trattamento che subiscono i defunti - si può, basta che le ceneri non vengano tenute in casa come un soprammobile, usati per realizzare succedanei degli scomparsi - gioielli, gadget.. - o disperse al vento.
Ne va della Resurrezione dei corpi e non si può andare tanto per il sottile, dunque meglio che le urne vengano allocate nei tradizionalissimi cimiteri.
Francamente, anche a me disturba il pensiero di avere un caro sulla mensola della cucina come un vaso o un candeliere, anche se gli antichi romani all'ingresso della casa tenevano un'edicoletta in cui custodivano i Lari, le statuette benauguranti degli antenati. E anche la parola cremazione non mi piace. I tempi sono diversi, forse la paura o l'incertezza la stessa. Nei limiti del possibile, rispetterei le volontà di smaltimento espresse dal trapassato. 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Auto Tesla in fiamme, Elon Musk: c'è un sabotatore in fabbrica

Auto Tesla in fiamme, Elon Musk: c'è un sabotatore in fabbrica

Los Angeles (askanews) - Tesla è finita ancora una volta nell'occhio del ciclone. Il costruttore di auto elettriche di alta gamma americano deve affrontare l'impatto mediatico di un video diffuso sui social che riprende un suo modello prendere fuoco in una strada di Los Angeles. "Ecco cosa è successo a mio marito a alla sua auto ", ha scritto su Twitter l'attrice americana Mary McCormack, che è ...

 
Dentro il P4, il superlaboratorio anti-Ebola del Gabon

Dentro il P4, il superlaboratorio anti-Ebola del Gabon

Franceville, Gabon (askanews) - In un centro di ricerca del Gabon, il P4, nell'Africa centro occidentale, un gruppo di ricercatori sorvegliato 24 ore su 24 dalle telecamere di sicurezza lavora senza sosta sui virus più potenti e letali del mondo, incluso l'Ebola. Il P4 è collocato in una posizione piuttosto isolata, a circa un Km di distanza dai vecchi edifici del Centro internazionale di Ricerca ...

 
Human Technopole diventa adulto e punta a raddoppio fondi statali

Human Technopole diventa adulto e punta a raddoppio fondi statali

Rho-Pero (MI) (askanews) - L'istituto di ricerca sulle scienze della vita Human Technopole, cuore del parco scientifico e tecnologico che sta nascendo nell'area dove si è svolta Expo 2015, è entrato nell'età adulta. Si è infatti riunito per la prima volta il Consiglio di sorveglianza dell'omonima fondazione, presieduto da Marco Simoni, che ha raccolto il testimone dai gestori della prima fase, ...

 
Granelli: entro giugno 2023 apertura integrale linea M4

Granelli: entro giugno 2023 apertura integrale linea M4

Milano, (askanews) - In occasione dell'anteprima della mostra sui ritrovamenti archeologici nei cantieri della M4 al Museo dell'Archeologia, l'assessore alla Mobilità del Comune di Milano, Marco Granelli ha confermato il nuovo cronoprogramma di apertura della Blu, con la prima tratta Linate-Forlanini che sarà inaugurata a febbraio 2021. L'apertura integrale con capolinea a San Cristoforo, invece, ...

 
Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

RIETI

Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

Giovedì 21 giugno alle ore 19.00 presso la Chiesa di San Rufo a Rieti,  concerto di Musica barocca, in occasione della Festa Europea della Musica, con Sandro Sacco al Flauto ...

17.06.2018

Emozioni nel cuore dell'Italia con Lino Guanciale e Davide Cavuti

CITTAREALE

Emozioni dai luoghi colpiti dal sisma con Lino Guanciale e Davide Cavuti

Dopo la convivialità del Teatro delle Ariette andata in scena lo scorso 8 giugno, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma con I SOGNATORI HANNO I ...

14.06.2018

teatro da mangiare

CITTAREALE

Va in scena "Teatro da mangiare?"

Dopo la magia del circo di Nicole & Martin andata in scena lo scorso aprile ad Amatrice, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma del 2016, questa ...

08.06.2018