Automobilisti italiani ancora troppo poco connessi

FUORI GIRI

Automobilisti italiani ancora troppo poco connessi

10.01.2018 - 14:44

0

Bluetooth, navigatori superintelligenti, Comand computerizzati. E chi più ne ha, di innovazioni connesse e interconnesse con smartphone e internet, ne metta. Che le tecnologie progrediscano, e che lo facciano rapidamente, è sotto gli occhi di tutti. La strada da percorrere perché l’auto connessa trovi piena diffusione è però ancora lunga e passa prima di tutto dall’attitudine degli automobilisti.

Nel mondo, ma anche - e soprattutto - in Italia. Il 32% dei guidatori italiani, infatti, non utilizza attivamente le funzionalità della proprio auto connessa, dato che comprende un 16% che non sa nemmeno se il proprio veicolo è dotato di tecnologia. A rilevarlo è la seconda edizione di Connected Car, lo studio sulle attitudini e il comportamento di acquisto, di oltre 8.500 automobilisti in tutta Europa, Nord America e Cina, condotto da Kantar Tns. Da questo punto di vista, il Belpaese fa peggio sia dell’Europa, dove le percentuali sono rispettivamente del 29% per il mancato utilizzo e del 15% per la mancata conoscenza, che del mondo, dove gli stessi dati si attestano rispettivamente al 25% e all’11%.

D’altra parte, la stessa indagine mostra come le case automobilistiche non abbiano ancora convinto del tutto i guidatori rispetto ai vantaggi delle nuove funzioni. Il 56% dei conducenti mondiali, il 58% di quelli europei e il 68% di quelli italiani - tra chi ha provato questi servizi al momento dell’acquisto - non è sicuro che li sceglierà di nuovo e dichiara di non pensare di utilizzarli in futuro.


«Nella mente di molti proprietari di automobili la connettività è qualcosa di complesso», ragiona Andrea Galimberti, practice head automotive di Kantar Tns, segnalando che «l’opportunità per i produttori di auto è oggi quella di riuscire a rendere le funzionalità di connessione più accessibili, personalizzate e rilevanti per l’esperienza di guida. Ma per questo devono dimostrarne agli utilizzatori l’impatto e il valore, aumentarne l’uso, creare fiducia». Dal punto di vista dei consumatori - sia italiani che globali - la connettività ha valore soprattutto se applicata a sicurezza, navigazione e tutela del trattamento dati. E questo è certamente un punto di partenza. Così come è chiaro che gli automobilisti più all’avanguardia sono i proprietari di brand premium, meglio disposti a pagare per le funzionalità connesse rispetto a chi sceglie marchi generalisti. Tra i mercati maturi, poi, il più promettente da questo punto di vista è quello della Cina.

Il 75% dei conducenti cinesi è ricettivo rispetto alle innovazioni in termini di guida autonoma e il 79% dichiara che il prossimo veicolo che acquisterà sarà connesso; percentuali che scendono rispettivamente al 36% e al 53% in Europa. E in Italia? Il 45% degli automonilisti guarda con interesse alla vettura che si guida da sola e il 60% sceglierà un’auto connessa al momento del prossimo acquisto.

Marco Valsecchi

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

RIETI

Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

Giovedì 21 giugno alle ore 19.00 presso la Chiesa di San Rufo a Rieti,  concerto di Musica barocca, in occasione della Festa Europea della Musica, con Sandro Sacco al Flauto ...

17.06.2018

Emozioni nel cuore dell'Italia con Lino Guanciale e Davide Cavuti

CITTAREALE

Emozioni dai luoghi colpiti dal sisma con Lino Guanciale e Davide Cavuti

Dopo la convivialità del Teatro delle Ariette andata in scena lo scorso 8 giugno, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma con I SOGNATORI HANNO I ...

14.06.2018

teatro da mangiare

CITTAREALE

Va in scena "Teatro da mangiare?"

Dopo la magia del circo di Nicole & Martin andata in scena lo scorso aprile ad Amatrice, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma del 2016, questa ...

08.06.2018